Pagina 1 di 1

Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1909 (Novembre 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, sen

Inviato: lun ott 22, 2018 10:44 pm
da Zane
Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1909 (Novembre 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, senza Internet o Windows Update)

Immagine

La modalità "standard" per aggiornare a Windows 10 1909, Aggiornamento di Novembre 2019 prevede di utilizzare Windows Update e il collegamento a Internet per scaricare molteplici gigabyte di dati e procedere con l'avanzamento di versione sul PC in uso. In alternativa, c'è Assistente aggiornamento Windows 10, ma anch'esso si limita ad aggiornare soltanto il PC sul quale viene eseguito. Se però dobbiamo eseguire l'upgrade di molteplici computer oppure di un sistema sprovvisto di connessione a banda larga senza limiti di traffico, la soluzione migliore è indubbiamente quella di utilizzare il DVD o l'immagine ISO di installazione: in questo modo, basta scaricare la build aggiornata una sola volta per poi eseguire l'operazione senza dover ripetere il download da ogni singolo PC. Vediamo allora come aggiornare a Windows 10 1909 (Novembre 2019) off-line, tramite DVD, ISO o USB [continua..]

Inserite di seguito i vostri commenti.

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1809 Ottobre 2018 con DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: mar ott 23, 2018 8:22 pm
da Sabato Maiello
Ottimo articolo,complimenti ;)

Personalmente ho fatto sempre un installazione 'pulita' ma questa volta ho preferito fare in altra maniera,ovvero ho scaricato la iso da casa di amici (ADSL veloce) l'ho copiata in una usb e 'trasferita' sul Desktop del mio PC.

Da li,doppio click ed ho fatto l'Upgrade.
Tutto liscio.

Info aggiuntive: ho fatto (addirittura da remoto) un Upgrade da Windows 7 a Windows 10 montando la iso ,con Virtual CloneDrive,con l'ultima versione di Windows 10 (1809) poichè non avendo la possibilità di essere fisicamente davanti al PC , ho installato sopra a Windows 7 . (Poi ho eliminato le versioni prerecenti tramite pulizia disco)

PS. Poi vorrei capire perchè aggiornando da Windows 7 "piratato" (in origine quel PC era uscito con Vista) a Windows 10,volendo io attivare il SO

{Comprata la licenza su un sito attendibile (Windows 10 Pro) } non ho avuto la possibilità perchè al riavvio del PC,collegandomi di nuovo da remoto ,la dicitura ,alla voce Attivazione dice : Windows è attivato con una licenza digitale.
(anche se un idea del perchè me la sono fatta.. )

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1809 Ottobre 2018 con DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: ven ott 26, 2018 12:28 pm
da Sandropcwin1
Buongiorno,
Ottima guida certosina come sempre ;) .
Volevo giusto sapere dato che in un precedente articolo in merito a questa versione di aggiornamento si riportava un bug a riguardo lo spostamento di alcuni files.
La build distribuita nella Iso (non ricordo il numero), è quella che è stata corretta da Microsoft?
Grazie attendo risposta prima di procedere.

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1809 Ottobre 2018 con DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: ven ott 26, 2018 12:33 pm
da Sandropcwin1
In riferimento al post precedente,
Parliamo di: Windows 10 1809. La nuova build 17763.55,
quella epurata dal problema.

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1903 (Aprile 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: mer mag 22, 2019 12:01 pm
da gionuein
Oggi ho fatto l'aggiornamento dal setup del file it_windows_10_consumer_editions_version_1903_x64_dvd_218809d4 e mi trovo con la versione 1903 build 18362.116 installata...è quella corretta? :s

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1903 (Aprile 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: mer mag 22, 2019 12:49 pm
da crazy.cat
gionuein ha scritto:
mer mag 22, 2019 12:01 pm
.è quella corretta? :s
Direi di no.
https://turbolab.it/windows-10/windows- ... tutti-2019

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1903 (Aprile 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: mer mag 22, 2019 2:59 pm
da Sabato Maiello
Ciao Crazy.cat io direi che è quella giusta.

Ho due PC uno l'ho aggiornato tramite assistente aggiornamento (naturalmente il 1903)
L'altro ho scaricato la iso è fatto installazione pulita,tra l'altro su SSD nuovo.

Mi trovo come dice gionuein 1903 build 18362.116
(su tutti e due Computer)

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1903 (Aprile 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: mer mag 22, 2019 3:56 pm
da crazy.cat
Sabato Maiello ha scritto:
mer mag 22, 2019 2:59 pm
Ciao Crazy.cat io direi che è quella giusta.
Può anche essere, ho dato uno sguardo veloce questa mattina e il numero mi sembrava accostato agli insider preview, poi mi sembrava strano anche il nome del file che ha usato.
Se il tuo corrisponde allora va bene così.

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1903 (Aprile 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: mer mag 22, 2019 4:36 pm
da Sabato Maiello
Si certo ;)

Il numero ,la dicitura pareva un po' così .

Grazie :brindisi

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1903 (Aprile 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: mer mag 22, 2019 5:39 pm
da gionuein
Il link della ISO che ho usato l'ho trovato su TurboLab in questo articolo:

https://turbolab.it/windows-10/scaricar ... o-2019-680

solo che lo stesso articolo non forniva un numero di build aggiornato ad oggi e da qui il mio dubbio... :nono

Grazie per la conferma :ciao

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1903 (Aprile 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: mer mag 22, 2019 9:09 pm
da crazy.cat
Ho appena finito di aggiornare, anzi reinstallare da zero, un pc con supporto fatto con il media tool creation e confermo il numero di versione indicato.

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1903 (Aprile 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: gio mag 23, 2019 2:37 pm
da Sabato Maiello
Se non è chiedere troppo (il pensiero non è rivolto a Turbolab o i suoi utenti ma bensì a tutto il creato!) vorrei capire perchè se si scarica la iso tramite il creation tool ha un peso file.
Se la scarico tramite heiDoc https://www.heidoc.net/joomla/technolog ... nload-tool
oppure da qui https://tb.rg-adguard.net/public.php il peso della iso è diverso.

Ma la domanda che mi fa pensare con chi ho a che fare, è (e mi rivolgo sopratutto al sito Microsoft,ma non solo) perchè il checksum manca.
Non sono dal salumiere,fetta in più fetta in meno transeat.

Sarò io quello anomalo ma lo trovo gravissimo.
Gravissimo.

A certa gente manca proprio l'A B C . :bam

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1903 (Aprile 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: gio mag 23, 2019 3:21 pm
da crazy.cat
Sabato Maiello ha scritto:
gio mag 23, 2019 2:37 pm
il peso della iso è diverso.
Ne abbiamo già parlato altre volte, in una iso ci dovresti trovare un grosso file esd al suo interno, nell'altra ci trovi il file wim.
Diciamo che alla fine contengono l'installazione di windows, ma tra loro due balla quella differenza di qualche cento mega e passa.

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1903 (Aprile 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: gio mag 23, 2019 4:16 pm
da Sabato Maiello
crazy.cat ha scritto:
gio mag 23, 2019 3:21 pm

Ne abbiamo già parlato altre volte, in una iso ci dovresti trovare un grosso file esd al suo interno, nell'altra ci trovi il file wim.
Ok,va bene.
Riformuliamo il tutto: la maggior parte delle guide riporta a questa pagina,che tra l'altro è quella ufficiale https://www.microsoft.com/it-it/softwar ... /windows10

Ora,visto che la maggior parte delle persone non sa del formato wim o iso e credo non debba nemmeno necessariamente saperlo,quello che mi chiedo è perchè,in una pagina Microsoft (non pincopall) dove è possibile scaricare un file che è un Sistema Operativo,poi non c'è la possibilità di controllarlo,verificarlo. O magari uno lo scarica altrove,sempre siti rispettabili ma vuole andare su quella pagina per verificare il checksum.
Potevo capire se si doveva scaricare un camion di sacchi di patate, è una gran faticata.
Qui si tratta di fare uno sforzettino e di digitare da una tastiera un fetente Secure Hash a fondo pagina :thinking

A me pare semplice semplice e farebbe cosa gradita alle persone come me e tanti altri per i motivi che ben possiamo immaginare.

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1903 (Aprile 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: gio mag 23, 2019 4:30 pm
da Sabato Maiello
Del resto io ho scaricato proprio in quel modo la iso.
(Scarica lo strumento,non aggiorna ora)
Ce l'ho qui davanti a me,vorrei avere la certezza che quel file è integro 100/100.

Come lo controllo? :bah
Voglio capire.

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1903 (Aprile 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: gio mag 23, 2019 6:03 pm
da Sabato Maiello
Ecco i risultati dei geni,quelli con una marcia in più e stipendio buono proprio in virtù di essere superpreparati :s

https://postimg.cc/JHMGtmJq

Ora mi tocca riscaricarla da qui https://tb.rg-adguard.net/public.php dove almeno il buon Zane ha avuto l'intelligenza ed il buon senso di proporre la verifica integrità dei file (articolo)

Poi remasterizza e tutto il resto appresso.
Gente così ,lavorerebbe con me .... meglio non aggiungo altro.

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1903 (Aprile 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: gio mag 23, 2019 7:05 pm
da Sabato Maiello
Con la iso scaricata mi trovo con tutte e due verifiche,sia con il programmino standalone,sia con l'Hash-1 ;)

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1903 (Aprile 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: mer ago 21, 2019 6:51 am
da greenlit
Ho effettuato le operazioni di aggiornamento come indicato in questa guida, così come in passato a volte eseguivo l'aggiornamento da DVD o Chiavetta USB, quando mi conveniva, su sistemi Windows precedenti.

Devo segnalare però un inconveniente, che si deve addebitare a Microsoft e ai grandi cervelloni cervellotici che studiano e creano Windows.
Dopo l'aggiornamento, e la pulizia dei file obsoleti in Windows.old, da me effettuata con i miei metodi, ho notato una cosa strana.

Utilizzando Pannello di Controllo, sulla voce "Disinstalla o modifica programma", ho notato, su ben tre computer miei differenti a 64 bit, sui quali avevo effettuato l'operazione di aggiornamento, che le date di installazione dei 2/3 (due/terzi) dei programmi installati, erano tutte aggiornate alla data di effettuazione dell'aggiornamento di Windows 10 versione 1903.
La cosa ancora più curiosa è che utilizzando Revo Uninstaller x64, ho constatato che il 100% dei programmi installati, inclusi driver e altre amenità, risultavano tutti installati nella stessa data della effettuazione dell'aggiornamento di Windows 10 versione 1903.

Io considero questo risultato semplicemente "abominevole", in quanto viene a mancare una faccenda essenziale, cioè la determinazione esatta della data di installazione di un programma.

Per chi usa il PC per giocherellare o per tuffarsi nei social, ciò può non avere importanza.
Ma per me, che ho l'abitudine di sentirmi io me medesimo il proprietario dei miei computer e dei sistemi che vi girano, non posso accettare questa invadenza e sfacciataggine di Microsoft che si prende l'arbitrio di modificare e aggiornare anche le date di installazione dei programmi, come se i miei PC fossero nati il giorno in cui è esistito Windows 10 versione 1903.

Questi babbei di casa Microsoft credono che la creazione dell'universo inizi dalla data in cui un povero disgraziato installa Windows 10, versione 1903.

Ovviamente non chiedo per nulla consigli sul forum, dato che nessuno ritengo sia in grado di cambiare le cose, se non gli stessi babbei che creano Windows.
Nè tantomeno chiedo di ricevere commenti sull'utilizzo di Revo Uninstaller, che taluni, zelantissimi seguaci di Windows, considerano una esperienza demoniaca.
Siccome io so come usare i miei computer e i sistemi che vi installo, sono perfettamente in grado di gestire Revo Uninstaller come altri tantissimi software e tools per "fare le bucce" a Windows senza alcun rischio.

E siccome ho le copie dei sistemi nelle precedenti versioni prima dell'aggiornamento alla versione 1903, ottime copie realizzate con Ghost64, che ha sempre funzionato perfettamente con le partizioni singole, anche in GPT, potrei, se mi nascesse la necessità, tornare alle versioni precedenti senza alcun problema.

Proverò a individuare le chiavi di registro affette da questa assurda ingerenza di Windows sulle date di installazione dei programmi, per tentare di trovare una soluzione.

Per quanto mi riguarda, questo mio intervento è unicamente teso a informare gli altri utenti del forum di questo spiacevole inconveniente.

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1903 (Aprile 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline, s

Inviato: mer ago 21, 2019 7:22 am
da crazy.cat
greenlit ha scritto:
mer ago 21, 2019 6:51 am
****
Non ho mai fatto caso nei pc dove ho fatto l'upgrade a cosa succedeva, però ho trovato un paio di vecchie discussioni dove hanno lo stesso problema.
Nella seconda indicano anche una chiave di registro, però nel pc dove sono adesso, ho pochi programmi installati e vedo una sola data di installazione.
https://www.tenforums.com/software-apps ... grams.html
https://www.reddit.com/r/Windows10/comm ... tion_date/

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1909 (Novembre 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline,

Inviato: sab ott 26, 2019 9:52 pm
da greenlit
Mi riferisco alla mia segnalazione del 21 agosto 2019, ed alla successiva osservazione conseguente.

Intanto mi va di segnalare che io attribuisco grande importanza alla data di installazione dei programmi che installo.
Non so come la pensano gli altri, ma quando apro un'applicazione di disinstallazione, qualunque essa sia, ho il quadro completo, giacché visualizzo in modalità cronologica, e ripercorro mentalmente la storia delle installazioni, dato che io uso molto la mia mente per essere sempre consapevole di ciò che accade a casa mia.
Infatti la mia filosofia di vita è quella di non permettere ad altri di manipolare o modificare cose che stanno a casa mia senza la mia consapevolezza e il mio consenso informato. E questo nei limiti del possibile.

Credo che questa mia predisposizione sia un mio diritto, come per tutti.
Non solo, ma aggiungo che non permetto, virtualmente, che si cambi la Costituzione Italiana senza che io, unitamente ad altri cittadini italiani, ne sia e ne siamo consapevoli, informati e consenzienti nel novero di una maggioranza democratica.

Detto ciò, ed avendo constatato che non esiste nei forum italiani una letteratura in merito a quanto da me segnalato, traggo due possibili conclusioni:

1 - Nessuno si accorge che durante certe operazioni di aggiornamenti di Windows, vengono alterate e cambiate le date di installazione di molti programmi, senza che ne sia spiegata la ragione e ne sia chiesto il consenso.
Tale modifica non è segnalata allo stesso modo.
Come ho potuto già indicare, la funzione del Pannello di controllo: Programmi e funzionalità, ne rileva come cambiati una buona metà.
Invece CCleaner ne rileva modificati circa l'80%, mentre Revo Uninstaller addirittura tutti.
Mi sto riferendo per entrambi i software a versioni recentissime (ripeto: recentissime, le ultime).

2 - Gli utenti italiani di Windows si rendono conto di questi cambiamenti, quando possono, ma se ne infischiano, perché a loro non interessa conoscere la data di installazione durante la disinstallazione dei programmi, non si pongono il problema di riscontrare se ad esempio il tale programma è stato installato nel 2016 o nel 2018, e nemmeno si occupano di sapere se riguardo a due programmi che svolgono funzioni analoghe, esiste una priorità di tempi, ovvero non gli interessa decidere di aggiornare o reinstallare il più vecchio dei due.
Su questa "distrazione" o "disinteresse", la mia opinione è che quasi tutti gli utenti Windows stanno continuamente a riformattare il proprio PC, sempre pieno di malware e malfunzionamenti, ragion per cui a costoro non interessa la data di installazione dei programmi installati nei pochi mesi precedenti. E questo lo posso capire.

Ma chi ha l'abitudine, da esperto, di poter far funzionare un sistema operativo per anni, senza farsi prendere dalla "frenesia" compulsiva di reinstallare tutto daccapo ogni tot mesi, dato che ci sono così tante novità, e dato che a tantissimi il computer rallenta piuttosto velocemente, ebbene chi ha pazienza e non è affetto da compulsioni di riformattazione frenetica, può avere interesse a conoscere la successione temporale di installazione del proprio software.

All'estero, negli US, ad esempio, vi sono alcuni timidi accenni di interesse a ciò:
https://www.tweaking.com/forums/index.php?topic=2366.0

In casa Microsoft tale situazione, del tutto o quasi ignorata dagli utenti, non produce alcun sano "prurito" mentale ad occuparsene, ragion per cui la faccenda è lettera morta.

I due link segnalati nella risposta che intercala questi miei due interventi, non conducono a soluzione.
Infatti, consultando le voci di registro cui si fa riferimento, le date indicate corrispondono esattamente a quelle originali di installazione.
Invece Programmi e funzionalità, CCleaner e Revo Uninstaller segnalano cose ben differenti.

Ora io sarei piuttosto curioso di sapere dove vanno a pescare le date questi programmi, compreso quello di Windows.

Personalmente ho la convinzione che i creatori di tali software abbiano il cervello di gallina, casa Microsoft inclusa.

Non so se riuscirò a venire a capo di questo problema, dopo svariate deludenti ricerche.
Ma a me interessa far conoscere a questo forum che vi sono problemi seri che mettono in luce la incapacità dei programmatori, anche i più blasonati.
Apprezzo che ci si sforzi di aiutare gli utenti del forum a risolvere certi problemi.
Ma mi domando come mai nessuno si renda conto ad esempio della importanza di certe "distrazioni" di casa Microsoft.

Ad ogni modo, qualora io trovassi un rimedio a tale scempio (anche se ho poche speranze), cercherò di segnalarlo in questo forum.

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1909 (Novembre 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline,

Inviato: mar ott 29, 2019 8:33 am
da Zane
Ciao greenlit,
come dicevo in altra sede, anch'io avevo notato questo comportamento. Dipende dal fatto che, contestualmente all'upgrade di versione, Windows 10 rifà il provisioning, ovvero sostanzialmente "reinstalla" (non è esattamente una reinstallazione, ma passami la semplificazione) programmi e driver dalla vecchia build a quella nuova.

Concordo con te che sarebbe meglio preservare le date di installazioni originali, ma tant'è.

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1909 (Novembre 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline,

Inviato: gio ott 31, 2019 4:23 am
da greenlit
Trovo ragionevole e coerente la risposta, in quanto si inquadra in un insieme di criteri di scelta di Microsof, che purtroppo ritengo superficiali e discutibili.
Ad ogni modo, siccome non mi arrendo, ho avuto modo di eseguire test più approfonditi.
Lo scopo di questi miei interventi è quello di mettere in luce certe pecche, specialmente per indurre certi fan piuttosto ottimisti che Microsoft non sempre si rende conto che gli utenti non sono poi così "tonti".

Al dunque, quindi, ho contato i programmi con le date modificate su due notebook HP del 2016, di recentissima riconfigurazione totale, praticamente quasi identici.
Faccio presente che su questi notebook, che dispongono di Uefi e Secureboot, con dischi configurati in GPT, ho installato anche Windows 7 x64, in GPT, aggiornati alla versione SP2 ufficiale Microsoft, anche se Microsoft non l'ha voluta definire come tale.
Il lavoro è stato duro, ma l'ho spuntata. La difficoltà maggiore è stata quella di dover usare moltissimo BCDEdit a riga di comando.
Innanzitutto io avevo, per ciascun computer, già 8 immagini realizzate con Ghost64 delle partizioni del sistema operativo Windows 10.
Quindi ho effettuato vari aggiornamenti, resettando ogni tanto il sistema a quello della ultima immagine di partizione salvata, la più recente.
Il SO è passato direttamente dalla versione 1511 a quella 1903.
Prima di uno degli aggiornamento da "setup", avevo provato a retrodatare i computer al 2010.
Windows si è "arrabbiato" e si è ostinato a scegliere per data quella del 19/03/2019
Ergo ho ripetuto la installazione con retrodatazione al 19/03/2019, per non farlo "arrabbiare" e sperando di poter tenere gli ultimi programmi installati in cima alla lista cronologica.

Sul Notebook_1 la situazione è diventata questa:
Programmi e funzionalità di Windows: 21 programmi con data aggiornata al 19/03/2019, su 44 programmi installati in totale.
CCleaner: 72 aggiornati al 19/03/2019 su 97 programmi installati.
RevoU: 46 programmi aggiornati al 19/03/2019 su 46, praticamente tutti.

Sul Notebook_2 invece:
Programmi e funzionalità: 21 su 51
CCleaner: 73 su 107
RevoU: 52 su 52

Mi pare di avere reso bene l'idea.

Abbiamo parlato di Windows, e va bene. Cioè Windows aggiorna tutti i driver e i programmi di sistema dei construttori del Brand, cioè in parole povere, in questi due casi, HP, Intel, Realtek, Cyberlink, eccetera.
L'unico fuori dal coro è però MWSnap3, che tutti dovrebbero conoscere, anche questo, e solo, fra i programmi di terze parti da me installati, a subire "incolpevole" l'asfaltante totalitarismo datario di Windows. Gli altri sono stati lasciati in pace.

Per CCleaner c'è da rilevare che questo enumera il doppio dei programmi elencati in Windows, perché va a pescare sui file di registro, facendo le pulci a ogni cosa che è stata installata, fino alla più assoluta pignoleria. Resta il fatto però che circa il 70% dei programmi ha la data modificata al 19/03/2019.

Per RevoU non c'è storia: è una "Caporetto" totale, che mette in evidenza la scarsissima attenzione dei programmatori riguardo al rispetto delle date di installazione.
La cosa grave è comunque che tutti questi programmi hanno le proprie date di installazione "effettive" ben scritte nei file di registro, ragion per cui io penso che RevoU, in particolare, le ignori totalmente, dopo l'aggiornamento, appiattendosi sulle rilevazioni di Windows.

Per me la cosa grave è che in tutti e tre i programmi testati, appare in bella mostra la colonna dal titolo: "Data di installazione", o "Installati il..."
Io credo che ci vuole una faccia come il "cucu...lo" a scrivere una cosa simile.

La soluzione corretta, per tutti, ma maggiormente per Windows, sarebbe quella di aggiungere una colonna in più, nelle interfacce dei programmi di "disinstallazione", intitolata "Data ultima modifica".
Allora sarebbe tutto più logico, in quanto Windows salverebbe capre e cavoli, riportando giustamente la data originale, e aggiungendo anche quella del grande evento cosmologico dell'aggiornamento Windows, in modo da soddisfare appieno le proprie manie di grandezza e primogenitura su tutto.

Un lavoretto, questo, che per un programmatore serio e preparato, sarebbe meno che una fumata di sigaretta.

La cosa quindi varrebbe anche per CCleaner e RevoU, specialmente per quest'ultimo, in quanto, comunque, questi sarebbero programmi piuttosto "blasonati" e reclamizzati in decine e decine di Blog come la panacea per tutti i mali, fra i primi 5 al mondo.

A questo punto io ho dovuto fare buon viso a cattivo gioco, ma mi salvo in "corner", poiché ho tutti gli "screenshot" dei tabulati dei predetti programmi, rilevati con MWSnap3 prima di aggiornare alla versione 1903, ragion per cui almeno ho una traccia immediata della cronologia, senza dover andare a spulciare le cartelle di Program Files.

Ma non contento di ciò, ho trovato una soluzione piuttosto soddisfacente, che mi risolve i problemi al 90%.

Ho cioè installato IOBit Uninstaller 9, che mi ha dato i seguenti risultati:
Notebook_1: 12 aggiornati su 64.
Notebook_2: 13 aggiornati su 68.

Poichè i programmi aggiornati sono quelli di sistema che mai mi sognerei di disinstallare, di fatto i programmi restanti hanno le date esatte di installazione originale.
Pertanto ho dovuto aggiungere IOBit Uninstaller per togliermi lo sfizio di aver battuto in tal modo la stupidità e la superficialità che avevo purtroppo scoperto dopo l'aggiornamento della versione 1903.

È chiaro che io non intendo minimamente sminuire l'efficacia di CCleaner e RevoU, validissimi per le funzioni che promettono di svolgere, e che a me hanno sempre funzionato a dovere, anche e soprattutto per la cancellazione di voci e chiavi di registro superflui.

Ma sta di fatto che l'aver messo in luce la pecca delle date falsate di installazione, mi ha fatto preferire IOBit Unistaller, almeno così, quando devo disinstallare un programma, specie se l'ho installato il giorno prima, non devo andare a spulciare l'ordine alfabetico, perché mi spiccio prima con quello cronologico.

Spero di aver reso un servizio utile con queste mie "lamentazioni informatiche", in modo che qualcun altro, che avesse necessità e sensibilità sullo stesso problema, possa farsi un'idea di come aggirare la "menata".

Re: Commenti a "Video-guida: come aggiornare a Windows 10 1909 (Novembre 2019) da DVD, ISO o USB (upgrade build offline,

Inviato: gio nov 14, 2019 3:21 pm
da davidino81
Se su un PC formattato ci installo la 1809 pulita e poi attraverso script Powershell o modifiche al registro, tolgo roba inutile (per me) come tutte le app, lo Store, Edge, Internet Explorer, Cortana, OneDrive, ecc., posso poi eseguire l'aggiornamento alla 1909 offline usando la ISO e seguendo la guida? O tutte queste modifiche potrebbero impedire la buona riuscita?