Win10PESE.iso e Aomei Backupper

Se Windows genera un errore, hai un problema di virus o vuoi discutere/segnalare l'uscita della nuova versione di un software per la piattaforma Microsoft, questa è la sezione giusta.
Regole del forum
Rispondi
Avatar utente
greenlit
Livello: EPROM (2/15)
Livello: EPROM (2/15)
Messaggi: 16
Iscritto il: dom ago 27, 2017 4:29 am

Win10PESE.iso e Aomei Backupper

Messaggio da greenlit » sab ott 28, 2017 2:01 am

Mi trovo alle prese dalla fine di aprile 2017, in più tornate, con un problema irrisolto.

Avendo apprezzato la produzione Turbolab di Win10PESE.iso, ho provato a utilizzare l'immagine su DVD per effettuare vari test.
Utilizzo spesso i tools su CD live, sia sotto Windows che per Linux. Un tempo ero tutt'uno con Hiren's Boot CD, da me anche integrato.
Lo scopo più importante, oltre al recupero del sistema, di file, di correzione di chiavi di registro o di file di configurazione alterati o cancellati, per me è quello del backup di dischi e partizioni.
Per scelta etica io non inizializzo mai un portatile nuovo se prima non copio tutto il disco e tutte le partizioni separatamente su supporto esterno.
Avendo per le mani ultimamente un paio di Notebook HP nuovi imballati recentissimi con Windows 10, chi conosce l'informatica sa che il problema iniziale è quello di modificare il Bios per poter permettere al portatile di avviare un CD o DVD live o una chiavetta autoavviante.
Superato tale problema, quello successivo è valutare quale CD o DVD utilizzare per i miei scopi.
Dopo aver provato la ISO di Aomei, che non mi ha soddisfatto, ho sperimentato con successo la ISO Win10PESE di Turbolab.

Ovviamente, date le mie esigenze specifiche, ho provveduto anche ad affiancare la versione originale con alcune da me modificate per uso esclusivamente personale, passando dalla capacità di 711 MB originali a 1800 e più MB di software.

Orbene, il vero problema è stato ed è quello di lanciare Aomei Backupper, da me integrato.
In verità Aomei Partition Assistant, sempre da me integrato, funziona benissimo.

Invece con il Backupper ho trovato solo rogne.
Sto ovviamente parlando dell'uso di questa ISO di Turbolab su un portatile HP con su installato Windows 10.

Il problema si presenta sia con la versione originale della ISO, sia con quella da me integrata.

In genere uso il programma Aomei installato su chiavetta a parte, oppure copiato sulla chiavetta di boot che ho ricavato dalla ISO di Turbolab.
Ho provato varie versioni di Aomei Backupper, a partire dalla 3.5, sia da installare, nella procedura da CD o DVD live con il file di setup durante la seduta live, sia nelle varie versioni Portable.

Alcune versioni non ne vogliono sapere di procedere per via della registrazione.
Altre invece, quelle come la 3.5, funzionano fino al comando di Avvio del Backup, dopo aver configurato tutto.
Nella finestra operativa si avviano alcune righe di testo, senza indicazione di errori, ma la barra di avanzamento in verde resta sempre vuota, cioè bianca, anche dopo un'ora, e il sistema risulta bloccato.
Infatti devo agire con i comandi Termina attività di Gestione attività per far cessare lo stallo.

Allora mi domando: c'è qualche problema particolare di configurazione del sistema Windows di Win10PESE che blocca Aomei Backupper allo stato di avvio operatività?
Oppure Aomei Backupper non è preconfigurato in generale per funzionare su una versione Win10PE live?

Non è che questo mi impedisca di andare avanti.
Uso Clonezilla separatamente sul suo CD live oppure Macrium Reflect sulla live ottenuta dalla ISO di Turbolab per risolvere.
Per scelta di principio non uso mai installare su Windows una applicazione di Backup, che poi non mi serve a niente in caso di blocco del computer.
Ogni backup lo effettuo "sempre" in modalità live, più veloce e sicuro, e così non ho mai fallito un ripristino in 20 anni di lavoro.

Ma Aomei Backupper è piacevole e piuttosto valido. Perché non poterlo utilizzare in questa situazione sulla vostra meritevole e interessante ISO?

System
System
Bot ufficiale TurboLab.it
Bot
Messaggi:
Iscritto il: sab dic 31, 2016 6:19 pm
Contatta: Contatta

Re: Win10PESE.iso e Aomei Backupper

Messaggio da System » sab ott 28, 2017 2:01 am


Avatar utente
crazy.cat
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6794
Iscritto il: mer mag 01, 2013 4:02 pm
Località: Noventa Padovana

Re: Win10PESE.iso e Aomei Backupper

Messaggio da crazy.cat » sab ott 28, 2017 5:24 am

greenlit ha scritto:
sab ott 28, 2017 2:01 am
Alcune versioni non ne vogliono sapere di procedere per via della registrazione.
Quale registrazione?
greenlit ha scritto:
sab ott 28, 2017 2:01 am
Oppure Aomei Backupper non è preconfigurato in generale per funzionare su una versione Win10PE live?
Direi più questa possibilità. E' come mettere un sistema operativo dentro un altro sistema operativo uguale.

Con yumi https://turbolab.it/live-cd-dvd-usb-322 ... tiboot-476 li puoi affiancare senza problemi, per lavoro uso una pendrive multiboot con dentro di tutto, il backupper, il mio cd live, antivirus, clonezilla, hiren's e tante altre belle cosine.
La nostra vita è fatta di occasioni, anche di quelle che abbiamo perso.

Avatar utente
greenlit
Livello: EPROM (2/15)
Livello: EPROM (2/15)
Messaggi: 16
Iscritto il: dom ago 27, 2017 4:29 am

Re: Win10PESE.iso e Aomei Backupper

Messaggio da greenlit » mer nov 01, 2017 3:09 am

crazy.cat ha scritto:
sab ott 28, 2017 5:24 am
greenlit ha scritto:
sab ott 28, 2017 2:01 am
Alcune versioni non ne vogliono sapere di procedere per via della registrazione.
Quale registrazione?

La registrazione di alcune versioni di Aomei Backupper Portable.
greenlit ha scritto:
sab ott 28, 2017 2:01 am
Oppure Aomei Backupper non è preconfigurato in generale per funzionare su una versione Win10PE live?
Direi più questa possibilità. E' come mettere un sistema operativo dentro un altro sistema operativo uguale.

Rispondo----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Forse allora mi sono spiegato male.
Aomei Backupper non mi sembra un sistema operativo, ma piuttosto un software per effettuare backup, clonazioni, ripristini di partizioni e altro sullo stesso genere.
Forse nella risposta alla citazione volevi riferirti al disco di ripristino che si ottiene da AMPE.iso, e che io non ho usato, nemmeno inserendolo con artificiosa ingegneria nella iso di Turbolab Win10PESE.iso.
Quindi non capisco cosa intenderesti per "mettere un sistema operativo dentro un altro", dato che non ho inserito la iso di Aomei nella iso di Turbolab.

Ma ora è meglio fare un esempio pratico.

Ho scaricato poco fa la versione 4.06 di Aomei Backupper Standard su un PC Desktop che lavora a 32 bit, a parte.
Poi l'ho copiato su una chiavetta, che ho trasferito su un altro PC Desktop da 64 bit, con Windows 10 1607 a 64 bit da poco installato, senza connessione web, che lavora su disco GPT in modalità Uefi con 6 partizioni utente, inclusa quella di sistema.

Quindi ho effettuato l'installazione di Aomei Backupper Standard.

Al termine ho provato a eseguire un backup di una partizione semivuota con pochi megabyte di dati, su un'altra partizione semivuota dello stesso disco.
L'operazione si è felicemente conclusa con la creazione del file immagine.

A questo punto ho spento il PC e l'ho riavviato con il DVD Win10PESE di Turbolab, e con la chiavetta inserita, dando la priorità di avvio al Boot al lettore DVD.
Riavvio regolare di Win10PESE.
Quindi ho aperto la chiavetta ed ho lanciato in setup lo stesso file di Aomei Backupper Standard che avevo installato precedentemente su Windows 10 1607 a 64 bit.
Installazione regolare su X:\Program Files (x86)\AOMEI Backupper.

Lancio l'eseguibile Aomei Backupper appena installato e ripeto la stessa operazione di backup della stessa partizione precedente.
Dopo la configurazione dei parametri essenziali, all'avvio del Backup, alla riga "Backup del volume 0 (E:) ..." il sistema resta incantato, senza attività, per oltre mezz'ora.
Al termine salta fuori la seguente successione di due righe:

Codice Informazione:4140
Il driver di backup funziona in modo improprio, è possibile riavviare il computer per risolvere il problema.

A parte il fatto che io posso usare qualsiasi altro software di backup "portable", tipo Macrium Reflect, DriveImage XML o perfino Ghost64.exe, mi resta la curiosità di integrare il sistema Win10PESE con Aomei Backupper Standard, anche a costo di doverlo utilizzare tramite setup in seduta Live CD.

Ma come ho sperimentato, ciò non è possibile.
Non credo che si possa dare tutta la responsabilità al software di Aomei Backupper.

Piuttosto può darsi che nasca qualche grana fra la versione Win10PESE con i driver di Aomei, dato che una versione ottenuta tramite Windows PE non sfrutta appieno tutte le potenzialità di configurazione macchina del sistema operativo.

Restando con questo dubbio, che più che altro è una curiosità, dato che, come ho già scritto in precedenza, mi piacerebbe che la Iso di Turbolab mi permettesse questa "integrazione", vorrei sapere se i tecnici di Turbolab possono esprimere qualche considerazione a riguardo.

Grazie.

Avatar utente
crazy.cat
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6794
Iscritto il: mer mag 01, 2013 4:02 pm
Località: Noventa Padovana

Re: Win10PESE.iso e Aomei Backupper

Messaggio da crazy.cat » mer nov 01, 2017 8:14 am

Sembra che ci siano i plugin nuovi disponibili
http://theoven.org/index.php?topic=1049.100
Forse si tratta solo di scaricare il nuovo pacchetto e rifare l'iso da zero.
Oggi non ho tempo di provare, sono impegnato con una cosa molto carina.
La nostra vita è fatta di occasioni, anche di quelle che abbiamo perso.

Avatar utente
greenlit
Livello: EPROM (2/15)
Livello: EPROM (2/15)
Messaggi: 16
Iscritto il: dom ago 27, 2017 4:29 am

Re: Win10PESE.iso e Aomei Backupper

Messaggio da greenlit » ven feb 09, 2018 1:32 am

A distanza di poco più di tre mesi dal mio ultimo intervento su questo tema, avendo eseguito sperimentazioni sull'argomento, torno per esporre la soluzione che mi sembra andare bene.
Ero rimasto con il problema aperto di non riuscire a integrare correttamente Aomei Backupper Standard nella ISO di Turbolab Win10PESE a 64 bit, giacché ogni tentativo dava per risultato un programma che o non permetteva di selezionare i parametri per il backup, oppure giungeva alla fine della preconfigurazione (scelta della partizione "sorgente" e della partizione "destinazione"), restando bloccato senza iniziare ad effettuare il backup dopo il comando di avvio.

L'unico dato certo era che Aomei Backupper Standard 4.06, installato tramite setup diretto su un PC Desktop con Windows 10 a 64 bit e disco GPT, funzionava regolarmente ed effettuava i backup in modo perfetto.
La descrizione che segue è un po' lunga, nel senso che avrei potuto condensare il tutto in sei o sette righe.
Ma siccome non tutti i lettori forse sarebbero in grado di eseguire la procedura senza dubbi o passaggi inesatti, ho scelto di spiegare le cose in modo forse un po' noioso ma esauriente.

A distanza di tempo, lunedì 5 febbraio 2018, ho deciso di provare la stessa procedura che aveva funzionato sul PC Desktop anche su un Notebook HP 15-AC614NL recente (CPU Intel i5, Ram 6 GB), ancora da inizializzare, con la differenza di non installare Aomei Backupper sul disco fisso del Notebook tramite il proprio sistema Windows 10, ancora da configurare, ma utilizzando la ISO di Turbolab come "live boot".
E invece di utilizzare un DVD con la ISO, ho preferito una chiavetta da 8 GB, preparata con Rufus 2.14.
Nell'impiego di Rufus, nella barra "Schema partizione e tipo sistema destinazione", ho scelto "Schema partizione GPT per UEFI", in modo da utilizzare la chiavetta in tale modalità su sistemi UEFI.
Quindi ho proseguito aggiungendo l'immagine ISO di Turbolab, cioè Win10PESE, e al termine avevo la chiavetta pronta.
Su di essa, nella cartella Program, ho copiato il file di setup di Aomei Backupper Standard 4.06 di 91 MB, denominato BackupperFullStandard.exe.
Ho poi inserito la chiavetta nel Notebook HP, che utilizza UEFI, e l'ho avviata, lasciando eseguire il boot.
Faccio presente che per le operazioni successive ho fatto uso di Total Commander configurato per l'accesso pieno a tutti i file di sistema.
Dopo aver recuperato il file BackupperFullStandard.exe, l'ho lanciato ed ho seguito a monitor tutte le fasi (poche e semplici) della installazione fino alla finestra di inizio del programma.
Ho effettuato quindi un backup di prova, copiando l'immagine della prima partizione del disco fisso, da 260 MB, sulla chiavetta stessa.
Assicuratomi che il programma funzionasse per il backup, ho intrapreso la scelta che si è rivelata risolutiva del problema.
Infatti a quel punto, tramite Total Commander, ho selezionato il disco virtuale X:, creato da Win10PESE, in cui era riportato tutto il sistema operativo di Windows 10 installato al boot.
Dopo essermi assicurato al suo interno della presenza della cartella AOMEI Backupper (di circa 216 MB) nella cartella Program Files (x86), e dopo aver verificato le avvenute eventuali configurazioni e variazioni nelle cartelle Users\Default\AppData e Windows\System32\config, ho effettuato la copia integrale di tutto il contenuto della partizione X: entro una cartella X da me creata nella radice del system file della chiavetta.
Al termine dell'operazione, c'è stato il rifiuto di copiare 6 file dalle due cartelle contenute in X:\Windows\ServiceProfiles.
Si trattava dei file Ntuser.dat e dei file Ntuser.dat.log 1 e 2, tre per ciascuna delle due cartelle.
Ho tralasciato questo particolare ed ho concluso la sessione, spegnendo il Notebook con l'icona di arresto di Windows.

Ho inserito la chiavetta nel PC Desktop precedente, con disco GPT e Windows 10 da 64 bit.
Ho ricopiato tutta la cartella X dalla radice della chiavetta sul PC, in una cartella di lavoro, ove avevo condotto tutti gli esperimenti precedenti, suddivisi in varie cartelle, ciascuna numerata opportunamente, in base alle fasi successive delle sperimentazioni precedenti (ben 5).
Poi ho deciso di racchiudere e comprimere tutto l'interno della cartella X del PC in un file Boot.wim
Ho utilizzato GImagex, seguendo le istruzioni riportate su una guida al seguente link:

https://www.windowsblogitalia.com/2012/ ... -file-wim/

ottenendo un file wim con una dimensione maggiore di quello precedente di circa 100 MB, evidentemente a causa della presenza della cartella AOMEI Backupper compressa al suo interno.

Dopo aver eliminato dalla chiavetta la cartella X, ho sostituito nella cartella "sources" della chiavetta il file boot.wim precedente con il nuovo boot.wim ottenuto a partire dalla cartella X del PC, come ottenuto in precedenza.

A questo punto ho reinserito la chiavetta nel Notebook, ho fatto rieseguire il boot, e al termine dello stesso ho rilevato (appunto) la icona di Aomei Backupper sul desktop del Notebook.
Ho cliccato sulla stessa, si è avviato Aomei Backupper, e dopo le preconfigurazioni come fatto in precedenza, il backup è avvenuto in modo regolare con la creazione del file immagine.

A questo punto il problema è stato risolto. Avevo potuto integrare Aomei Backupper entro il sistema ricavato dalla ISO Win10PESE di Turbolab e il risultato era funzionante.

Non soddisfatto di ciò, ho provato la chiavetta al boot anche sul PC Desktop.

Qui ho avuto due risultati opposti.
In un primo caso ho effettuato il boot con una configurazione comprendente il disco GPT.
Tutto ha funzionato bene, compreso il programma Aomei Backupper, con la creazione di un file immagine di una partizione vuota del disco fisso in un'altra sua partizione.

Ma in un secondo caso, avendo sostituito il disco fisso con un altro configurato in MBR con Windows 10 a 64 bit, tutto è filato liscio fino al backup, che purtroppo non è stato effettuato, poiché il tutto si è bloccato dopo aver lanciato l'avvio del backup al termine della preconfigurazione.
Evidentemente deve esistere in Aomei Backupper un meccanismo di configurazione basato sul sistema iniziale sul quale è avvenuta la prima installazione, che riconosce il tipo di boot di avvio del disco, se GPT o MBR.

Senza aver compiuto ulteriori esperimenti, posso ipotizzare una soluzione per il secondo caso che non ha avuto successo,
Secondo me bisognerebbe installare Aomei Backupper, dopo il boot con la chiavetta, in un PC con solo disco di sistema MBR, oppure anche utilizzando una chiavetta formattata in MBR invece che in GPT.
Forse quindi sia il disco fisso che la chiavetta di boot dovrebbero essere entrambi configurate in MBR.
Può darsi che così, ripetendo tutta la procedura, installando Aomei Backupper in chiavetta, che finirebbe sulla partizione X:\ del sistema Windows, e ricopiando e ricostituendo il file Boot.wim, potrebbe darsi che tale procedura possa creare una chiavetta che farebbe funzionare Aomei Backupper su un PC con disco MBR.
Non avendo sperimentato, non posso essere certo che la cosa funzioni, ma a senso di logica mi pare che ciò sarebbe fattibile.

Infine, per chi volesse ottenere un CD o DVD di boot con Win10PESE, consiglio l'ottimo ImgBurn, sia per creare l'immagine l'ISO che per poi masterizzarla.
In tal caso consiglio caldamente l'ottima guida di Turbolab su ImgBurn.

Concludo spiegando che questa procedura bypassa tutta quella lunga e complessa che fa ripartire da zero per creare un file Boot.wim con il protocollo WinPE di Windows, infilandosi in una serie di difficoltà per la corretta installazionee configurazione di Aomei Backupper al suo interno.
Il mio procedimento non è sofisticato e professionale.
Magari è un po' più rude e sbrigativo, ma di più rapida attuazione.
Inoltre questo procedimento può applicarsi con relativa semplicità anche alla installazione di altro software di interesse in un sistema Boot.wim attraverso una chiavetta con Win10PESE o altro per tutti coloro che non possono ricorrere ad alternative più professionali.

Sperando quindi che altri possano utilizzare con successo tale procedimento, senza pretendere di avere io trovato il "santo graal", ringrazio coloro che hanno voluto fornirmi finora suggerimenti e orientamenti in questa discussione.

Avatar utente
crazy.cat
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6794
Iscritto il: mer mag 01, 2013 4:02 pm
Località: Noventa Padovana

Re: Win10PESE.iso e Aomei Backupper

Messaggio da crazy.cat » ven feb 09, 2018 6:31 am

greenlit ha scritto:
ven feb 09, 2018 1:32 am
Sperando quindi che altri possano utilizzare con successo tale procedimento, senza pretendere di avere io trovato il "santo graal", ringrazio coloro che hanno voluto fornirmi finora suggerimenti e orientamenti in questa discussione.
Quindi sei riuscito a "installare" aoemei backupper dentro l'iso...mi piace molto e non l'avevo neanche mai pensata questa cosa.
Mi segno la discussione e appena trovo del tempo (speriamo in questo secolo) faccio delle altre prove simili per vedere se funziona anche con altri programmi.
:grazie per la segnalazione e la possibile idea per un articolo

Ho corretto il link che avevi inserito, era giusto ma rimandava a un errore 404 nell'altro sito.
La nostra vita è fatta di occasioni, anche di quelle che abbiamo perso.

Avatar utente
greenlit
Livello: EPROM (2/15)
Livello: EPROM (2/15)
Messaggi: 16
Iscritto il: dom ago 27, 2017 4:29 am

Anomalie emerse sulla procedura di integrazione

Messaggio da greenlit » dom mar 04, 2018 5:05 pm

A seguito del mio precedente intervento del 9 febbraio, mi sono sentito in dovere di tornare sull'argomento per segnalare anomalie che vanificano in parte il risultato che avevo raggiunto.
Per i test iniziali mi ero basato su due differenti PC, ma in seguito, operando su più computer, è emerso che Aomei Backupper da me integrato nella ISO di Win10PESE, non funzionava come mi sarei aspettato.
Riepilogo brevemente ciò che avevo descritto nel mio recente intervento.
Non riuscendo a integrare in precedenza Aomei Backupper nella ISO Win10PESE per svariati problemi, avevo impiegato un metodo sperimentale abbastanza "francescano".
Avevo cioè avviato regolarmente il DVD (o meglio ancora la chiavetta USB) con la ISO di Win10PESE su un computer con Windows 10 a 64 bit e disco GPT, quindi avevo proceduto in condizioni "live" a lanciare il setup di Aomei Backupper Standard 4.0.6 nell'ambiente Windows della chiavetta, riuscendo in pratica a installare il programma in Program Files (x86) nella partizione X: di sistema.
Quindi avevo copiato su una partizione del disco fisso, in apposita cartella, tutto l'intero contenuto della partizione X:
Ancora avevo poi avviato il disco fisso senza chiavetta e recuperando il contenuto della cartella in cui avevo copiato quanto scelto in precedenza, avevo compresso il tutto in un file Boot.wim, utilizzando GimageX.
Infine avevo ricopiato il file Boot.wim nella cartella "sources" di Win10PESE, sostituendolo a quello precedente, ed avevo riavviato la chiavetta.

Avevo constatato che Aomei Backupper riusciva a funzionare ed effettuava alcuni backup.
Ma in seguito, due settimane più tardi, riavviando la stessa chiavetta su altri computer, si presentava in prevalenza il solito difetto: il programma si avviava, veniva configurato, ma all'inizio del backup vero e proprio restava "congelato" e non andava più avanti.
Tale fenomeno non si presentava con le partizioni piccole, ma con quelle di grande capienza.

In definitiva questo esperimento, inizialmente positivo, si è rivelato un insuccesso.

Il metodo di installare un software nella versione "live" di Win10PESE non è concettualmente errato, anzi, per programmi diciamo standard funziona.
Ma con Office, ad esempio, non si hanno risultati perché non parte proprio il setup di Office.
Con Aomei Backupper tutto procedeva fino al termine, ma evidentemente c'era, o meglio, c'è qualcosa che impedisce al programma poi di svolgere il suo compito.

Ho iniziato allora a sperimentare tutta una serie di procedure, di installazioni, di test, per cercare di approfondire ulteriormente la problematica.
È stato inevitabile studiare meglio il software in questione.
Perciò ho provato a testare meglio le versioni Win10PE in formato ISO generate proprio da Aomei.
Nella fattispecie ve ne sono tre.
La prima è generata da Aomei Backupper Standard 4.0.6 (faccio sempre riferimento alla versione), tramite i comandi dell'interfaccia grafica, utilizzando la quarta riga della finestra principale.
Viene offerta la possibilità di ottenere una ISO di 375 MB, da utilizzare in caso di necessità (blocco o malfunzionamento del sistema operativo del disco fisso).
Al termine della procedura Aomei produce una ISO denominata semplicemente "ampe", che in genere finisce sul Desktop o anche nella cartella interna del programma nella partizione C:

La seconda versione si ottiene da Aomei PEBuilder (ho impiegato la versione 2.0), per cui, scegliendo fra alcune semplici configurazioni, e accettando la connessione web (altrimenti il programma si arresta), come ad esempio 32 bit o 64, si ottiene un'altra ISO di 452 MB, anch'essa denominata "ampe".
Ovviamente ogni file Iso è stato da me subito collocato in opportune cartelle separate per non incappare nella "sovrascrittura" dei file in questione.

La terza versione è assolutamente identica alla seconda, ma è reperibile online in alcuni siti in lingua inglese, che hanno provveduto a ricavarla e a metterla a disposizione già bella e pronta per il donwload.
In definitiva però le versioni sono due, una ottenuta da Backupper e l'altra da PEBuilder.

Nel caso in questione entrambe avevano il programma installato nella cartella Program Files dentro la ISO, anziché in Program Files (x86), come invece per la installazione reale di default di Aomei Backupper Standard 4.0.6
Ma mentre la prima versione aveva solo Aomei Backupper nella predetta cartella, la seconda invece aveva anche Aomei PartAssistant e una cartella Tools con 12 software differenti per l'uso ovvio di una ISO live da recupero sistema.

Avviando le due ISO su opportuno supporto (chiavetta o CD o DVD) si nota che entrambe le versioni sono in lingua inglese, e che la prima versione presenta al termine del boot l'interfaccia grafica di AomeiBackupper aperta e pronta, ma su sfondo nero vuoto.
Terminato l'uso del software, alla sua chiusura resta lo sfondo vuoto senza alcuna icona o possibilità di procedere, per cui bisogna solo spegnere il PC (o riavviarlo) con il pulsante hardware relativo.
La seconda versione invece si apre su desktop standard di Windows 10 e presenta 14 icone di vari software, tra i quali anche Backupper e PartAssistant.
Quindi è possibile l'utilizzo dei Tools predisposti e quello dei due programmi Aomei, più qualche funzione elementare del sistema operativo.
Io ho provato ad attivare TotalCommander, usando una versione su altra partizione del disco fisso, e così ho potuto anche sfruttare questo ottimo File Manager per studiare più a fondo la situazione di file e cartelle.
Da notare che mentre entrambe le versioni installano il sistema operativo "live" nella partizione X: (ramdisk), invece la attribuzione della lettera di unità alla chiavetta o al lettore ottico non segue una regola specifica, come quella della lettera Y: di Win10PESE, per cui può capitare qualsiasi combinazione, inclusi i pasticci nella attribuzione delle lettere alle eventuali varie partizioni, in cui viene anche inclusa quella(o quelle) riservate.
Infatti tale caos si nota anche nella scelta delle partizioni da "backuppare" mediante l'interfaccia di Backupper.

Questa mi sembra una pecca di non poco conto, specie per me, che suddivido un disco fisso a volte anche in sei partizioni (con GPT è anche un piacere farlo), dato che con le partizioni ci lavoro molto e benissimo.
Inoltre c'è ancora una difficoltà, che può essere anche considerata un vantaggio, a secondo dei punti di vista.
Con entrambe le versioni è quasi praticamente impossibile avviare file exe del disco fisso o perfino della chiavetta, che non siano quelli inseriti nella partizione X:
Ciò può essere un bene per i principianti smanettoni " temerari", che potrebbero mettere mano "maldestramente" nel File System e combinare grossi guai.
Ma per me e per chi ci vuole lavorare, dentro un File System, ciò è una limitazione inaccettabile, anche perché non si possono usare i molti programmi "portable" che, o sul disco fisso o su altra chiavetta (se non sulla stessa) , potrebbero servire moltissimo per approfondire la diagnosi di un sistema "impallato".
Si sente la mancanza di un tool per il controllo del Registro del sistema operativo del disco fisso, e quindi non si possono correggere le voci eventualmente corrotte o contaminate.
In definitiva il compito elettivo di Backupper e PartAssistant è quello di ripristinare partizioni o di trasferire partizioni su nuovi dischi che possono essere partizionati da "live".

Messa una pietra su questo argomento, mi sono occupato della "portabilità" in senso "standalone" di Aomei Backupper.
Dopo la consultazione di decine di siti web anche in lingua inglese, sembra che al momento nessuna versione Standard o Professionale di Aomei Backupper possa essere resa "portable".
Io stesso ci ho provato con svariati tentativi e con l'uso di differenti software per ricavare la "portabilità", senza alcun risultato positivo.
Croce nera e pietra tombale.
Ma c'è una eccezione, l'unica, ribadita esplicitamente dalla stessa Aomeitech: Aomei Backupper Technician Plus, che può essere "portabilizzato".
Peccato che tale versione sia "onerosa", cioè da pagare, e che in giro non se ne trovino facilmente copie preparate in forma "portable".
Io ne ho trovata una, su siti web in lingua inglese, che funziona benissimo su sistemi operativi installati su dischi fissi, e che ha una capacità (dimensione totale) di ben 426 MB.
Ma ancora peccato che non funzioni su nessuna versione Win10PE, nel senso che si avvia, ma si blocca prima di partire con il backup.
Non ho nemmeno potuto provarla sulle versioni ISO della AOMEI, le "ampe", dato che non viene lasciata partire proprio l'apertura del software.
Forse potrei integrare questo "portable" dentro il file "Boot.wim" di "ampe", vedere se si avvia e magari se funziona.

Insomma, in definitiva ci deve essere qualche particolare e molto sfuggente configurazione di Win10PE nella versione "ampe" che fa avviare Backupper su queste ISO, ma non nelle altre, e tantomento nelle Win10PESE.
Mi si dirà che converrebe provare a rifare tutto daccapo, generando una nuova Win10PESE e inserendo un qualche plugin per Aomei, ma sta di fatto che le varie versioni di Aomei Backupper hanno configurazioni un po' differenti fra loro, e che difficilmente si potrebbe trovare in giro un plugin specifico per una data versione.
Cioè io non credo che un plugin generico vada bene per tutte le versioni di Backupper.

Sta di fatto che occorre levarsi tanto di cappello al cospetto dei tecnici di Aomeitech, i quali, per perizia o per "arte del mestiere", hanno saputo confezionare i loro prodotti di punta difendendo i principi del "diritto proprietario", limitando in svariati modi l'utilizzo libero di Backupper in vari "environment", limitandone l'uso in base a loro scelte precise di convenienza di mercato. Questa è una mia opinione, e non un'affermazione di verità, ovviamente.

Per quanto mi riguarda, sto continuando a sperimentare da circa due settimane una miriade di soluzioni per risolvere il problema della integrazione di Aomei Backupper in una "live" di Windows.
Ho perfino ricavato le voci di Registro che mi parevano essere perfettamente legate alla specificità delle versioni Win10PE di "ampe", e ho perfino ricopiato vari file di Windows in Win10PESE a partire da quelle contenute in "ampe", per tentare di formare una "chimera" ISO, ma finora senza risultati.
Continuerò comunque a provare, perché questa sfida mi appassiona.
Mi farebbe piacere trovare un collaboratore altrettanto motivato come me e con del tempo da dedicare a imprese simili, ma non ci spero.

Avatar utente
crazy.cat
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6794
Iscritto il: mer mag 01, 2013 4:02 pm
Località: Noventa Padovana

Re: Win10PESE.iso e Aomei Backupper

Messaggio da crazy.cat » lun mar 05, 2018 7:55 am

Quando avevo provato a personalizzare la vecchia versione del live cd con xp, ero diventato matto a inserirci anche qualche programma portable perché gli mancava sempre qualcosa per farli girare. Basta una qualsiasi chiave di registro, un legame con un servizio o una minchiatina qualsiasi per non farli funzionare in versione live.
Strano comunque che ti funzioni solo con alcune partizioni.
In quanto al perderci dietro del tempo, che non ho, non ne vale la pena, con yumi posso mettere tutti e due i live su una sola pendrive e il tempo che risparmio lo dedico al trasloco del mio appartamento.
La nostra vita è fatta di occasioni, anche di quelle che abbiamo perso.

System
System
Bot ufficiale TurboLab.it
Bot
Messaggi:
Iscritto il: sab dic 31, 2016 6:19 pm
Contatta: Contatta

Re: Re: Win10PESE.iso e Aomei Backupper

Messaggio da System » lun mar 05, 2018 7:55 am


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio