Nonostante il grande interesse del pubblico per gli smartphone, c'è ancora un ampio mercato di professionisti, studenti e power-user che cerca un notebook con Windows 10 per lavorare, programmare, fare i compiti o preparare gli esami. Dopo aver speso oltre 60 ore in ricerche, comparazioni, recensioni, opinioni degli utenti sui forum e sui siti di shopping, ho sintetizzato il risultato in una serie di raccomandazioni semplici e dirette. Vediamo allora quali siano i migliori notebook del 2018 per lavorare, studiare e giocare

Non ho ricevuto alcun compenso da parte delle aziende citate: tutte le raccomandazioni espresse sono frutto di ricerche e analisi indipendenti finalizzate ad aiutare il pubblico di TurboLab.it a trovare il migliore notebook del 2018 per le specifiche esigenze. Ciò detto, il nostro sito riceverà una commissione per ogni acquisto perfezionatosi partendo dai link ad Amazon forniti di seguito.

Migliore notebook 2018 in generale: Asus UX331UA (799 €)

Se cercate un consiglio per trovare il migliore notebook 2018 per l'attività lavorativa, lo studio e il tempo libero, eccola qua: Asus UX331UA è il notebook che consiglio di comprare

» Acquista: Asus UX331UA su Amazon

Migliori notebook 2018: guida scelta portatile Windows 10 lavorare studiare (video)

Dalle applicazioni "Office" agli ambienti integrati per programmatori (IDE) passando per macchine virtuali, riproduzione di video full HD e UHD (4K), elaborazione grafica e montaggio video (leggero): il sistema si dimostra sempre all'altezza. Difficilmente, nella nostra vita lavorativa o di studenti, incontreremo circostanze nelle quali la potenza a disposizione non sarà sufficiente.

La principale limitazione riguarda il gaming: mantenendo bassa la risoluzione ed il livello dei dettagli potremmo certamente fare qualche partita a molti videogiochi di ieri e ad alcuni di oggi, ma questa macchina è l'ideale per i creativi, i tecnici, gli smanettoni che cerchino un PC leggero e le persone di business, non per i videogiocatori.

Capiamoci: Asus UX331UA non è né il PC più veloce, né il più leggero e nemmeno "il più economico". Ma, dopo 8 ore investite in ricerche, confronti e recensioni, non ho trovato alcun concorrente che riesca a bilanciare in un solo sistema tutte queste caratteristiche in modo ottimale pur mantenendo il prezzo entro gli 800 €.

Sono disponibili varie configurazioni: quella che raccomando è espressamente Asus UX331UA-EG029T con CPU Intel Core i7-8550U, 8 GB di RAM e SSD da 256 GB.

Il processore Intel Core i7-8550U, in particolare, è ottimo: può arrivare a 4.00 GHz per brevi periodi grazie al Turbo Boost e offre 4 core fisici che vengono esposti come 8 unità di elaborazione (8 thread) grazie ad Hyper-threading. Nei benchmark sintetici risulta grossomodo equivalente alla CPU presente nel PC fisso del 2013 che questo autore utilizza quotidianamente per svolgere varie attività professionali e ricreative, compreso il montaggio di video a risoluzione full HD.

Il display è un tradizionale LED full HD non-touch da 13.3", motorizzato dalla GPU integrata sul processore (Intel UHD Graphics 620).

Buona la dotazione di porte, che ci permetterà di collegare agevolmente dispositivi esterni senza bisogno di ricorrere ad uno scomodo "hub" o "dongle" (adattatore): 2x USB 3.1 (Gen. 1), 1x USB 3.1 Type-C (Gen. 1), 1x HDMI 1.4, lettore microSD e jack audio.

Cornici laterali limitate, peso di soli 1.1 kg, autonomia reale superiore alle 8 ore, ingombri ridotti e tastiera retroilluminata completano la dotazione di un sistema molto buono sotto ogni punto di vista, che mi sento di incoronare quale "migliore notebook 2018" senza alcun dubbio.

Non mancano però alcuni aspetti negativi da tenere a mente. Il principale è la carenza della porta Thunderbolt 3 e il mancato supporto alla modalità alternativa DisplayPort sulla porta USB Type-C: di conseguenza, non potremo collegare schermi esterni UHD (4K) se non ripiegando sulla HDMI che, essendo solo in versione 1.4, ci limiterà a 30 Hz.

In seconda battuta, segnalo che l'SSD utilizza l'interfaccia SATA: è sensibilmente più lenta di quelli NVMe.

Nel complesso, si tratta comunque di un'ottima scelta (imbattibile a questo prezzo) che soddisferà la maggior parte delle nostre necessità.

» Acquista: Asus UX331UA su Amazon

Migliore notebook 2018 di fascia alta: Dell XPS 13 (1.310 €)

Coloro che non fossero disposti ad accettare gli aspetti negativi di Asus UX331UA devono metter mano al portafogli e passare alla fascia ulteriormente superiore. Fra i notebook ultraportatili di fascia "massima", non ho dubbi: Dell XPS 13 è il migliore notebook 2018 "in assoluto"

» Acquista: Dell XPS 13 su Amazon

Migliori notebook 2018: guida scelta portatile Windows 10 lavorare studiare (video) - dell xps 13 notebook

Le strettissime cornici dello schermo IPS e lo spessore sottile sono le caratteristiche distintive di questo stupendo portatile. Ma c'è anche tanta sostanza, oltre all'apparenza.

Sono disponibili molte varianti, ma quella che consiglio monta CPU Intel Core i5-8250U, 8 GB di RAM, SSD da 256 GB e display non-touch full HD (1920x1080). Sebbene esista anche la variante con CPU Intel Core i7 e performance maggiorate del 10% circa, raccomando l'i5 per mantenere il prezzo entro valori più accettabili ed anche perché le limitazioni termiche dello chassis non consentirebbero comunque all'i7 di esprimersi appieno.

Valgono tutte le considerazioni positive e le circostanze ottimali d'uso già delineate per la macchina Asus. In più, Dell XPS 13 offre un'unità SSD con la velocissima interfaccia NVMe al posto della classica SATA, sono presenti due porte Thunderbolt e una USB type-C che offre la modalità alternativa DisplayPort: basta dunque un cavetto appropriato per collegare un display esterno, anche UHD 4K, e visualizzare l'immagine con la velocità di refresh attesa (60 Hz).

L'autonomia della batteria è "da primato": in condizioni di uso reale, si superano facilmente le 10 ore lontano dalla presa.

L'assortimento di porte è dunque composto da:

  • 2x Thunderbolt 3 (connesse alla scheda madre tramite interfaccia PCIe x4)
  • 1x USB type-C 3.1 gen. 2
  • 1x jack audio
  • 1x lettore microSD

Le 3 porte dati possono essere usate per l'alimentazione: il caricatore fornito in dotazione è infatti di tipo USB type-C.

Non vi sono altre uscite video, né USB-A "classiche": dobbiamo dunque utilizzare l'adattatore (dongle) esterno, fornito in dotazione, anche per collegare le semplici memorie USB, le stampanti o il ricevitore per il mouse. Attenzione dunque a non perdere l'adattatore e a non dimenticarlo a casa. Da evidenziare inoltre che potremo collegarci senza problemi alle reti Wi-Fi, ma non a quelle cablate: Dell XPS 13 non offre infatti la porta Ethernet, nemmeno sul dongle: in caso di necessità, dovremo acquistare un ulteriore adattatore da collegare alla porta Thunderbolt.

Chi svolga molte videoconferenze su Skype e affini vorrà sapere che la strettissima cornice superiore non ha consentito di inserire la webcam nella posizione abituale. La lente è invece posizionata in basso e finisce dunque per inquadrare il viso dal basso verso l'alto, fornendo agli interlocutori una dettagliata esplorazione del contenuto delle nostre narici.

L'altro aspetto da tenere presente è la presenza dello schermo lucido: la resa visiva è migliore sotto ogni punto di vista rispetto ai display opachi, ma le fonti luminose forti creano riflessi che possono compromettere la leggibilità. Chi non lo sopportasse può ricorrere ad una pellicola opacizzante, ma va comunque acquistata a parte e applicata con attenzione per non lasciare bolle d'aria o sporgenze di materiale.

Per il resto, la tastiera retroilluminata, il touchpad (compatibile con la specifica Precision) e il lettore di impronte integrato nel tasto di accensione funzionano esattamente come ci si aspetta da un prodotto di fascia alta. Per tutti questi motivi, non ho dubbi: Dell XPS 13 è il "migliore notebook 2018" in senso assoluto.

» Acquista: Dell XPS 13 su Amazon

Migliore notebook 2018 massime prestazioni: MSI P65 Creator (1.699 €)

I notebook presentati fino ad ora sono pratici da trasportare ed eccellenti per studiare e lavorare in un contesto "di tutti i giorni". Vi sono però alcune categorie professionali che potrebbero aver bisogno di performance ancora più spinte: penso, in particolare, a chi debba montare video catturati con telecamere UHD 4K, eseguire rendering 3D con AutoCAD, Cinema 4D o 3D Studio Max, simulazioni complesse oppure la conversione di flussi audio-video in tempo reale.

A tutti costoro raccomando un PC fisso, magari in abbinata a Desktop remoto: spenderanno sensibilmente meno e avranno performance nettamente superiori. Se però rimanere mobili è un'esigenza imprescindibile, serve un portatile espressamente studiato per garantire le massime prestazioni. In questo momento, ritengo che MSI P67 Creators sia il migliore notebook del 2018 nella categoria "performance"

» Acquista: MSI P65 Creator su Amazon

Migliori notebook 2018: guida scelta portatile Windows 10 lavorare studiare (video) - msi p65 creator notebook

La forza di questa macchina nasce dalla CPU: non adotta infatti di un modello della famiglia "U", ottimizzata per consumare meno batteria e massimizzare l'autonomia del notebook lontano dalla presa elettrica. Piuttosto, la configurazione consigliata adotta un Intel Core i7-8750H progettata per garantire le prestazioni massime grazie alla frequenza base di 2.20 GHz (4.10 GHz in Turbo Boost) e 6 core fisici (12 thread via Hyper-threading). Il risultato è un +30% circa di velocità rispetto al Intel Core i7-8550U.

Inoltre, la dotazione di RAM base è di 16 GB, facilmente espandibili grazie al secondo slot libero per arrivare ad un massimo di 32 GB.

Il connettore M.2 ospita un SSD da 256 GB con interfaccia NVMe.

A differenza degli altri notebook proposti, è qui presente una GPU dedicata: la configurazione top di gamma può arrivare alla Nvidia GTX 1070 Max-Q con 8GB di GDDR5, ma quella consigliata per arginare i costi si limita ad una Nvidia GTX 1050 Ti con 4 GB di GDDR5.

Il display è un LED IPS 15.6" full HD a 60 Hz, ma la configurazione di punta garantisce l'upgrade ad un pannello a 144 Hz e tempi di risposta di 7 ms: caratteristiche che, comunque, risultano utili solamente ai videogiocatori più esigenti e non impattano minimamente sull'uso della macchina per scopi lavorativi.

La configurazione qui consigliata offre un ampio e variegato assortimento di porte: 1x USB 3.1 Gen.1 type-C, 3x USB 3.1 Gen.1 type-A (quelle "classiche"), porta Ethernet per la rete cablata, HDMI 1.4 e mini-DisplayPort. Sfortunatamente, la USB type-C presente sulla configurazione consigliata è solo Gen. 1 e non supporta la modalità alternativa necessaria a collegare schermi esterni. In compenso, la presenza della mini-DisplayPort sopperisce magnificamente al secondo problema e consente di collegare schermi esterni con risoluzione UHD 4K mantenendo il refresh a 60 Hz.

Segnalo rapidamente che la situazione è decisamente migliore sulla configurazione top di gamma, dove la USB type-C è di tipo Gen.2, offre la modalità alternativa DisplayPort e Thunderbolt 3. Inoltre, la HDMI viene "upgradata" alla versione 2.0 e permette quindi l'uso di schermi 4K a 60 Hz anche via HDMI.

MSI P65 include componentistica "performance" che impone uno spessore maggiore rispetto ai modelli "ultra-piatti" raccomandati in apertura. In particolare, si notano ampie grate per l'areazione e le ventole si fanno sentire maggiormente sia come intensità del rumore, sia come frequenza di accensione. D'altro canto, questo contribuisce a far sì che la CPU possa eseguire operazioni intensive a lungo senza essere rallentata per sopraggiunti limiti termici.

Nonostante le dimensioni maggiorate, il design di MSI P65 rimane gradevole. Lo schermo, in particolare, è bordato da cornici di plastica particolarmente strette e sono totalmente assenti le eccessive luci colorate che la fanno da padrone sui notebook gaming. Purtroppo, il peso di 2.2 kg è elevato e si fa sentire una volta che il PC viene infilato nello zaino o nella borsa da lavoro.

Per tutti questi motivi, ritengo che MSI P67 Creators sia il migliore notebook del 2018 nella categoria "performance"

» Acquista: MSI P65 Creator su Amazon

Migliore notebook 2018 economico: Acer Aspire 5 A515 (549 €)

Se avete necessità più modeste e cercate un notebook economico principalmente da lasciare sulla scrivania per gestire la contabilità, il bilancio familiare, utilizzare Word, Excel e PowerPoint, navigare sul web, interagire con i social, guardare film e serie TV in full HD, un modello "budget", con prezzo attorno ai 600 €, è sufficiente.

Al momento in cui scrivo, Acer Aspire 5 A515 è la scelta ottimale fra i migliori notebook budget del 2018:

» Acquista: Acer Aspire 5 A515 su Amazon

Migliori notebook 2018: guida scelta portatile Windows 10 lavorare studiare (video) - acer aspire 2018 notebook

Si tratta di un prodotto veramente molto buono perché monta la stessa CPU Intel Core i5-8250U già citata quale configurazione ideale per il Dell XPS 13. A differenza del Dell, però, questo Acer è attualmente in vendita ad un prezzo di appena 549 €.

Le similitudini fra i due, sfortunatamente, finisco qui: Acer Aspire 5 è diversi gradini "sotto" rispetto alle nostre altre proposte. Sul piano tecnico, offre soli 6 GB di RAM e un SSD con interfaccia SATA da 256 GB: è comunque infinitamente più veloce di qualsiasi hard disk a piatti rotanti e più che buono considerato il prezzo, ma non regge il confronto con quelli presenti nei notebook di fascia superiore.

Lo schermo adotta poi una diagonale da 15.6", appesantita da cornici di plastica decisamente spesse. Il peso supera i 2 kg (quasi il doppio dei portatili più costosi). Insomma: è decisamente più ingombrante, pesante ed esteticamente meno gradevole delle nostre "prime scelte".

Offre porte USB "classiche" (type-A) in quantità, HDMI 1.4, lettore di schede SD ed anche una Ethernet per la connessione a reti cablate. Inaspettatamente per questa fascia di costo, c'è persino una USB type-C Gen.1, ma è bene precisare che è sprovvista della modalità DisplayPort e, dunque, non può guidare schermi esterni.

Tutte queste puntualizzazioni non vogliono scoraggiare il potenziale acquirente: piuttosto, lo scopo è sottolineare che, nonostante la CPU sia la medesima, vi sono differenze rilevanti fra questo sistema e i notebook dal costo superiore consigliati in apertura. Ciò detto, Acer Aspire 5 è il migliore notebook budget del 2018, ed il valore offerto a fronte del minuscolo prezzo di vendita rimane elevatissimo

» Acquista: Acer Aspire 5 A515 su Amazon

Migliore notebook 2018 sotto i 500 €: Vari

Se vi serve un nuovo notebook ma avete un budget inferiore ai 500 €, la mia raccomandazione spassionata è di attendere e risparmiare qualche euro per affrontare la spesa di un buon sistema di fascia media come l'Acer Aspire 5 appena presentato. Vedetela come un piccolo investimento in qualcosa di utile, che vi farà risparmiare tempo, lavorando e studiando meglio. Inoltre, un buon notebook vi durerà parecchi anni, mentre un modello di fascia bassissima dovrà essere sostituito prima perché divenuto obsoleto.

Ciò detto, capisco che vi siano situazioni "di emergenza" nelle quali uno studente, un disoccupato o qualcuno con limitata possibilità di spesa abbia bisogno di un notebook ultra-economico subito, e non possa permettersi nemmeno il lusso di ottimizzare la spesa.

Nella fascia economica si trovano davvero un mare di proposte, motivo per cui ho dedicato un articolo ai migliori notebook 2018 per spendere poco:

» Leggi: Il migliore PC portatile / notebook economico che posso comprare

Migliori notebook 2018: guida scelta portatile Windows 10 lavorare studiare (video) - notebook Acer Aspire E5-573-33R5

Le rinunce che dobbiamo fare quando parliamo di "notebook economici" sono però molteplici: nessuna è veramente "critica" se abbiamo un budget ridotto, ma è bene essere consapevoli di cosa stiamo acquistando per non rimanere delusi.

Partiamo dalle specifiche tecniche relative al "motore": CPU e GPU sono sensibilmente più lente e la dotazione di RAM inferiore rispetto ai modelli "premium", aspetto che li rende totalmente inadeguati a qualsiasi attività che non sia "di base" (web, Office, email e poco altro). Di più: saremo costretti a pazientare svariati secondi durante l'avvio del sistema operativo e all'apertura delle singole applicazioni. Ancor più grave, la maggior parte dei modelli abbattono i costi montando un lento disco fisso a piatti rotanti al posto di un moderno SSD: il miglioramento conferito dalla presenza di un SSD è però talmente marcato che tendo a sconsigliare vivamente le proposte che non lo offrano.

Per quanto riguarda lo schermo, molti (ma non tutti) i notebook oggi in vendita arrivano alla risoluzione full HD (1080p, 1920x1080 pixel). Vi sono però ancora alcune proposte con la vecchia WXGA (1366x768), che dovrebbero essere evitate.

C'è poi la carenza di porte veloci: i notebook di fascia budget non offrono USB 3.1 Gen. 2, né USB Type-C o Thunderbolt. Ad oggi è un aspetto trascurabile, ma in futuro potrebbe limitarci molto.

Non dimentichiamo poi l'autonomia: lo standard per i modelli economici è di garantire, al più, 4 o 5 ore lontani dalla presa, contro le 8, 10 o 12 ore dei notebook di fascia superiore. Poco importa se lo manterremo sempre sulla scrivania, ma non dimentichiamocene se prevediamo di usarlo lontano dalla corrente.

Infine, i PC portatili meno costosi hanno un design poco gradevole ed un peso maggiore. Sebbene anche il colpo d'occhio della fascia bassa sia migliorato molto negli ultimi anni, questi PC hanno ancora ampie cornici di plastica nere attorno allo schermo, uno spessore di parecchi centimetri sul corpo principale e si attestano quasi sempre sopra ai 2 kg di peso totale.

» Leggi: Il migliore PC portatile / notebook economico che posso comprare

Migliore notebook 2018 per il gaming: Acer Predator Helios 300 (1.499 €)

I videogiochi sono fra le applicazioni che richiedono le maggiori performance. I portatili fin qui consigliati sono in grado di eseguirne parecchi (ma non tutti) in modo "decoroso": è però necessario abbassare la risoluzione, il livello dei dettagli e accettare marcati rallentamenti in alcune situazioni.

Per giocare davvero "alla grande" serve dunque un notebook espressamente studiato per il "gaming": una categoria caratterizzata da modelli molto costosi, poiché montano componenti di fascia alta e una GPU dedicata (AMD o Nvidia) che, da sola, innalza il prezzo di alcune centinaia di euro. Inoltre, i notebook ottimizzati per i videogiochi tendono ad essere più spessi, pesanti, con grosse cornici di plastica attorno allo schermo e un'estetica palesemente studiata per i ragazzi più giovani, decisamente ridicola in una riunione di lavoro oppure all'interno di un'aula studio. Non dimentichiamo infine che l'autonomia della batteria si attesta attorno alle 4-5 ore, persino se svolgiamo attività poco impegnative.

In definitiva: sono fortemente convinto che la maggior parte di noi ottenga l'esperienza d'uso migliore, al minor prezzo, scegliendo uno dei notebook ottimizzati per la mobilità indicati in precedenza per studiare e lavorare, lasciando i videogiochi ad una console dedicata (PlayStation o Xbox) oppure al PC fisso.

» Leggi anche: Il migliore PC fisso che posso assemblare: guida mercato per la scelta di CPU, MoBo, RAM, SSD, case

Ciò premesso, se siamo alla ricerca del migliore notebook 2018 per il gaming, esistono un paio di opzioni che ci permetteranno di videogiocare in modo accettabile anche fuori casa senza prosciugare il conto corrente.

Il già raccomandato MSI P65 Creator, con la sua Nvidia GTX 1050 Ti, è un scelta "di compromesso" per chi cerchi un eccezionale notebook per studiare o lavorare che sia in grado di eseguire qualche videogioco "occasionalmente"

» Acquista: MSI P65 Creator su Amazon

Per chi invece desideri un sistema ottimizzato esattamente per questo compito e realmente in grado di ottenere il titolo di migliore notebook 2018 per il gaming, non ho dubbi: Acer Predator Helios 300 è la scelta ottimale:

» Acquista: Acer Predator Helios 300 su Amazon

Migliori notebook 2018: guida scelta portatile Windows 10 lavorare studiare (video) - Acer Predator Helios 300

Per meno di 1.500 €, portiamo a casa un notebook motorizzato da Intel Core i7-8570H (6 core, 12 thread), 16 GB di RAM, SSD NVMe da 256 GB e Nvidia GTX 1060 da 6 GB. La "superstar" è però il bellissimo display non-touch da 15.6" con frequenza di aggiornamento (refresh rate) a 144 Hz: nel gaming fa assolutamente la differenza, e sono pochi i concorrenti in grado di offrirlo a questo prezzo.

Evidenzio infine che, in caso si esaurissero i 256 GB di SSD, è possibile installare un secondo disco fisso o SSD in modo piuttosto semplice.

Le opinioni degli autori specializzati e dei clienti su utenti su Amazon sono concordi nel riportare un livello di prestazioni ottimale e consistente: l'impianto di raffreddamento è infatti in grado di mantenere le temperature sotto controllo e non sembra imporre rallentamenti alla velocità nemmeno dopo ore di carico.

La varietà di porte è buona, anche se non modernissima: troviamo 1x USB 3.0, 2x USB 2.0, 1x USB 3.1 gen 1, HDMI, lettore SD, Ethernet, microfono. Niente Thunderbolt 3: una carenza importante, considerato il prezzo elevato (in termini assoluti). Non ho trovato informazioni certe in merito alla possibilità di usare la USB type-C per il video, ma la HDMI è in versione 2.0 è può dunque essere utilizzata per collegare un monitor UHD 4K ed ottenere il refresh rate ottimale

» Acquista: Acer Predator Helios 300 su Amazon

Per chi preferisse uno schermo ancora più grande, segnalo la variante con display da 17.3": la differenza di costo si attesta attorno ai 100 €, motivo per cui l'elemento principale da valutare è solo l'ulteriore incremento degli ingombri e del peso

» Acquista: Acer Predator Helios 300 (display 17.3") su Amazon

Migliore notebook 2018 2-in-1: Lenovo Yoga 520 (699 €)

Un notebook dotato di schermo touch e supporto alla scrittura a mano libera tramite pennino (stylus) si rivela molto utile per prendere appunti e disegnare diagrammi, schemi o illustrazioni artistiche. Per i professionisti può essere considerato un aspetto utile, ma non imprescindibile, mentre per gli studenti la libertà di scarabocchiare a video è altamente desiderabile. Parlo per esperienza diretta, avendo preparato gli esami dell'ultimo anno di università quasi esclusivamente in questo modo!

Iniziamo dicendo che mi sento di sconsigliare fortemente i tablet Windows basati sullo stile "a tastiera staccabile" (detachable): sebbene maneggevolezza, peso e versatilità siano elevatissimi, questi device sono pessimi come notebook, soprattutto perché le prestazioni della CPU impiegata -ulteriormente limitata dalle restrizioni termiche dovute allo specifico fattore di forma- sono insufficienti un po' per tutti, ma anche per via della scarsa stabilità se utilizzate lontano da un tavolo e della tastiera sub-ottimale per l'inserimento di testi lunghi. Nel caso dello specifico Microsoft Surface e modelli concorrenti appartenenti alla stessa "fascia alta", c'è poi il problema del prezzo: per un sistema completo di tastiera e stylus è elevatissimo e sproporzionato alle prestazioni offerte come notebook tradizionale.

Chi volesse un tablet, otterrà l'esperienza migliore acquistandone uno propriamente detto e governato da Android, separato dal PC portatile:

» Leggi: Il migliore tablet Android

Chi desiderasse un PC portatile sul quale usare anche la penna dovrebbe dunque orientarsi verso i 2-in-1, ovvero i notebook con schermo touch e tastiera reclinabile all'indietro la cui forza è quella di essere innanzitutto "ottimi PC portatili", e solo dopo tavolette sulle quali scrivere.

Nello specifico, la mia raccomandazione in quanto a migliore notebook 2-in-1 del 2018 va a Lenovo Yoga 520:

» Acquista: Lenovo Yoga 520

Migliori notebook 2018: guida scelta portatile Windows 10 lavorare studiare (video)

La configurazione consigliata è quella con CPU Intel Core i5-8250U, 8 GB di RAM e SSD da 256 GB (interfaccia NVMe, da quanto ho capito cercando sui forum dato che l'informazione non è disponibile sul sito ufficiale). Come evidente, il "motore" è lo stesso visto a bordo del Dell XPS 13 consigliato in apertura ed ha quindi ottime prestazioni.

Lo schermo, lucido da 14" a risoluzione full HD, è sensibile al tocco. Possiamo dunque interagire con gli elementi di Windows e dei programmi anche toccandoli, invece che tramite mouse o touchpad. Inoltre, lo schermo è ripiegabile di quasi 360° per consentirci di scrivere tramite una stylus dedicata, che però non è inclusa nella confezione e deve essere acquistata a parte a parte: Lenovo Active Pen (66 €).

La dotazione di porte è sufficiente: 2x USB 3.0, 1x USB type-C (con supporto modalità video alternativa per collegare display esterni), lettore di schede SD, HDMI 1.4 e audio.

Con 1,75 kg di peso, cornici di plastica nere abbastanza prominenti attorno allo schermo e uno spessore maggiorato dal meccanismo di rotazione, questo Lenovo Yoga non ha certamente il design più avanzato del settore, ma c'è di peggio.

Tutto sommato, però, il modello in questione si comporta estremamente bene anche nel ruolo di notebook, agganciando l'aspetto "scrittura con penna" come utile plus che non inficia sulla funzionalità principale del computer

» Acquista: Lenovo Yoga 520