Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Parliamo qui dei rootkit hypervisor-level, ma anche di quale piattaforma mobile preferire o delle ripercussioni di Facebook sulla nostra privacy.
Regole del forum
[Claudio]

Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da [Claudio] »

Meravigliatevi, leggendo:
Il capo dell'FBI torna a parlare di privacy online e di come le forze dell'ordine trovino sempre più difficoltà nell'accedere ai dispositivi degli utenti pur avendo tutte le autorizzazioni.
Si è dimenticato .... è dimostrato, soprattutto SENZA autorizzazione.

Il capo dell’FBI James B. Comey torna a parlare della privacy online e delle difficoltà che le forze dell’ordine avranno - o rischiano di avere - nel corso di delicate indagini che richiedono proprio l’invasione della privacy degli utenti per essere completate. Dopo aver già mostrato tutta la propria preoccupazione per la crittografia di Apple e Google nei device mobile di ultima generazione, Comey rincara la dose.
Povera FBI .... quei traditori e non patrioti Apple e Google non collaborano più :fiu
Gli incaricati di proteggere i cittadini non sempre hanno la possibilità di accedere alle prove di cui necessitano per contrastare il crimine e prevenire il terrorismo pur agendo seguendo tutte le leggi. Abbiamo l’autorità legale di intercettare e accedere alle comunicazioni e alle informazioni in seguito a un ordine del tribunale, ma spesso ci mancano le abilità tecniche per farle.
Questa è una perla: non hanno le abilità tecniche .... riassumano Snowden :stralol:
Troppe volte le autorità si sono ritrovate tra le mani dispositivi contenenti informazioni potenzialmente importanti e di fatto inaccessibili sia da loro che dalle aziende che li hanno prodotti. Il capo dell’FBI ha anche presentato una sfilza di esempi, come quello di un adolescente che non è stato scagionato dalle accuse perchè le forze dell’ordine non sono state in grado di accedere a un dispositivo contenente le prove della sua innocenza.
RI-DI-CO-LO ..... se il ragazzino era innocente, che necessità - ma soprattutto, quale diritto - aveva l'FBI di accedere a quei file?
e ancora: se era innocente - bastava dirglielo e metterlo per iscritto - era sufficiente farglielo presente e .... chiedergli la password :clap

Il resto di questa buffonata made in USA .... lo trovate qui.

Ah .... hey .... James B. .... la mia risposta è NO :->

System
System
Bot ufficiale TurboLab.it
Bot
Messaggi:
Iscritto il: sab dic 31, 2016 6:19 pm
Contatta: Contatta

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da System » ven ott 17, 2014 5:55 pm


Avatar utente
The Doctor
Livello: Storage Area Network (12/15)
Livello: Storage Area Network (12/15)
Messaggi: 1871
Iscritto il: mer mag 01, 2013 3:46 pm
Località: Altrove
Contatta:

Re: R: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da The Doctor »

Secondo me [Claudio] sei rimasto al 10 settembre 2011. Per combattere il Terrorismo, affinché MAI più accada ciò che è accaduto l'11 settembre, bisogna ricorrere a qualunque mezzo, anche violare la privacy di potenziali kamikaze se necessario.
L'FBI non ha certo bisogno di intercettare me che non ho nulla da nascondere.
Io sto con Wile Coyote e Gatto Silvestro...

[Claudio]

Re: R: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da [Claudio] »

Sono tre cose diverse:
The Doctor ha scritto:Secondo me [Claudio] sei rimasto al 10 settembre 2011.
Non sono un complottista, ma ho l'impressione che l'11 settembre 2001 gli USA se lo siano cercati e, in qualche maniera (colpa loro e della loro disorganizzazione), lo abbiano agevolato.
Per combattere il Terrorismo, affinché MAI più accada ciò che è accaduto l'11 settembre, bisogna ricorrere a qualunque mezzo, anche violare la privacy di potenziali kamikaze se necessario.
Certo, anche mettere in piedi guerre contro altri stati per la necessità di instaurare governi fantoccio e accondiscendenti, ecc. (per fare un esempio, non credo debba essere io a dirti che Bush mentì spudoratamente - non solo agli americani, ma anche all'ONU - sugli armamenti nucleari in possesso dell'Iraq).

Per evitare un altro 11 settembre basta dare una sfoltita al numero di Agenzie (nel 2001 erano ben 14, e ognuna si faceva gli affari propri) e fare in maniera che le informazioni vengano scambiate, condivise e coordinate (cosa che non è accaduto nel 2001, con il risultato che ben conosciamo).
L'FBI non ha certo bisogno di intercettare me che non ho nulla da nascondere.
Se è per quello, non avrebbe bisogno di intercettare neppure me .... ma sul fatto che io non abbia (e tu non abbia) nulla da nascondere .... ho forti dubbi.

E comunque qui non si tratta di 11 settembre e/o post ..... ma di abuso indiscriminato di tecno-controllo: a te potrà anche stare bene, ma la mia risposta è la stessa: NO.

Avatar utente
The Doctor
Livello: Storage Area Network (12/15)
Livello: Storage Area Network (12/15)
Messaggi: 1871
Iscritto il: mer mag 01, 2013 3:46 pm
Località: Altrove
Contatta:

Re: R: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da The Doctor »

[Claudio] ha scritto:Non sono un complottista, ma ho l'impressione che l'11 settembre 2001 gli USA se lo siano cercati e, in qualche maniera (colpa loro e della loro disorganizzazione), lo abbiano agevolato.
Più che un'impressione è una grande minkiata. Oltretutto irrispettosa di tutte le persone che sono morte. Sarai mica uno di quelli che negano l'olocausto degli Ebrei? O magari anche loro se la sono cercata?
Certo, anche mettere in piedi guerre contro altri stati per la necessità di instaurare governi fantoccio e accondiscendenti, ecc. (per fare un esempio, non credo debba essere io a dirti che Bush mentì spudoratamente - non solo agli americani, ma anche all'ONU - sugli armamenti nucleari in possesso dell'Iraq).
Forse ti sei dimenticato di quante persone abbia ucciso Saddam Hussein nella sua patria?
Per evitare un altro 11 settembre basta dare una sfoltita al numero di Agenzie (nel 2001 erano ben 14, e ognuna si faceva gli affari propri) e fare in maniera che le informazioni vengano scambiate, condivise e coordinate (cosa che non è accaduto nel 2001, con il risultato che ben conosciamo).


Non mi riguarda. Se ci tieni puoi sempre candidarti a Capo dell'FBI o a Presidente degli USA.
... sul fatto che io non abbia (e tu non abbia) nulla da nascondere .... ho forti dubbi.
Spero per te che sia una battuta altrimenti dovrei querelarti per diffamazione.
Io sto con Wile Coyote e Gatto Silvestro...

[Claudio]

Re: R: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da [Claudio] »

The Doctor ha scritto:Più che un'impressione è una grande minkiata. Oltretutto irrispettosa di tutte le persone che sono morte. Sarai mica uno di quelli che negano l'olocausto degli Ebrei? O magari anche loro se la sono cercata?
:o ma se ti ho appena detto che non sono un complottista ... e te ne salti fuori con l'olocausto (e la sua negazione)? a parte che io non nego nulla in tal senso (e non sto a spiegarti il perché) che diamine c'entra con la questione posta in discussione?.

E poi scusa, nel tuo percorso scolastico un pochino di storia l'avrai studiata, spero: gli americani sono arrivati prima dei tedeschi, anche sotto quell'aspetto: hanno sterminato una intera popolazione (i nativi americani) per impossessarsi di terre e ricchezze; i pochi rimasti vivi, sono stati segregati in quelle che chiamavano .... "riserve" .....
Spero per te che sia una battuta altrimenti dovrei querelarti per diffamazione.
:s vorresti querelarmi per aver sottolineato che anche tu, come qualunque mortale che utilizza un computer, hai dati personali sensibili da proteggere? (che non te ne freghi nulla, è un altro paio di maniche).

Lasciamo perdere ..... se questo è il tono con cui vorresti affrontare la discussione proposta, io non ci sto.

Avatar utente
ninja
Livello: Chiavetta USB (8/15)
Livello: Chiavetta USB (8/15)
Messaggi: 487
Iscritto il: lun ago 26, 2013 8:52 pm

Re: R: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da ninja »

[Claudio] ha scritto:E poi scusa, nel tuo percorso scolastico un pochino di storia l'avrai studiata, spero: gli americani sono arrivati prima dei tedeschi, anche sotto quell'aspetto: hanno sterminato una intera popolazione (i nativi americani) per impossessarsi di terre e ricchezze; i pochi rimasti vivi, sono stati segregati in quelle che chiamavano .... "riserve" .....
... inoltre per glorificare la loro storia hanno creato addirittura un genere cinematografico incentrato proprio sullo sterminio da te citato e sul loro fantomatico "sogno"... :fiu :fiu :fiu


Comunque non vi è dubbio che il diritto alla privacy è una questione "spinosa" e controversa, è vero che sarebbe necessario avere strumenti per accedere alle informazioni memorizzate sui dispositivi di terroristi, pedofili e malviventi vari...

... ma attualmente la contropartita sembra essere quella di dare la possibilità a chi deve effettuare i controlli di poter accedere in "modo indiscriminato" ai dati sensibili di chiunque, basti pensare a quanti di noi hanno nei propri dispositivi foto personali e della propria famiglia, documenti e mail scambiate con scuole (magari per i figli), medici (visite, esiti degli esami, ecc...), avvocati, ditte (es. buste paga, contratti, CV, ecc...), banche e finanziarie e altro ancora, dati sensibili che non vorremmo mai possano finire in mani di altri anche se riteniamo di non aver niente da nascondere non avendo mai fatto nulla d'illegale...
... quindi io giudico inaccettabile una simile richiesta e anche la mia risposta sarebbe assolutamente NO.

Io penso che il modo corretto di procedere sia quello che si dovrebbe sempre seguire... su concessione di un magistrato passare al sequestro dei dispositivi, quindi il giudice richiede all'imputato le password d'accesso che dovrà "obbligatoriamente fornire" e poi procedere con gli accertamenti, in questo modo si passa da un potenziale "controllo indiscriminato di massa" a un "controllo mirato" (quindi verrà violata la privacy di un numero limitato di individui), per me quello che hanno cercato di fare in quella dichiarazione è terrorismo psicologico per convincere le persone che è giusto "svendere" la propria privacy.

P.S.: Sapevo di aver letto qualche tempo fa questa notizia, questo è il primo link che ho trovato che ne parla: Da adnkronos.com - Caso Nsa: 90% intercettazioni erano di gente comune, non sospetti terroristi

Avatar utente
hashcat
Livello: Storage Area Network (12/15)
Livello: Storage Area Network (12/15)
Messaggi: 1946
Iscritto il: gio mag 02, 2013 4:13 pm

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da hashcat »

ninja ha scritto:Comunque non vi è dubbio che il diritto alla privacy è una questione "spinosa" e controversa, è vero che sarebbe necessario avere strumenti per accedere alle informazioni memorizzate sui dispositivi di terroristi, pedofili e malviventi vari...

... ma attualmente la contropartita sembra essere quella di dare la possibilità a chi deve effettuare i controlli di poter accedere in "modo indiscriminato" ai dati sensibili di chiunque, basti pensare a quanti di noi hanno nei propri dispositivi foto personali e della propria famiglia, documenti e mail scambiate con scuole (magari per i figli), medici (visite, esiti degli esami, ecc...), avvocati, ditte (es. buste paga, contratti, CV, ecc...), banche e finanziarie e altro ancora, dati sensibili che non vorremmo mai possano finire in mani di altri anche se riteniamo di non aver niente da nascondere non avendo mai fatto nulla d'illegale...
... quindi io giudico inaccettabile una simile richiesta e anche la mia risposta sarebbe assolutamente NO.

Io penso che il modo corretto di procedere sia quello che si dovrebbe sempre seguire... su concessione di un magistrato passare al sequestro dei dispositivi, quindi il giudice richiede all'imputato le password d'accesso che dovrà "obbligatoriamente fornire" e poi procedere con gli accertamenti, in questo modo si passa da un potenziale "controllo indiscriminato di massa" a un "controllo mirato" (quindi verrà violata la privacy di un numero limitato di individui), per me quello che hanno cercato di fare in quella dichiarazione è terrorismo psicologico per convincere le persone che è giusto "svendere" la propria privacy.
Concordo.

Rispondo con una citazione:

<<privacy for the weak and transparency for the powerful>>

I poteri in termini di sorveglianza di organismi come l'FBI e similari sono enormi e, come è già stato documentato numerose volte, vengono regolarmente abusati. Rispetto a ciò che diceva ninja (a proposito della necessità di una severa regolamentazione che intermedi le richieste d'accesso ai dati sensibili di un individuo), purtroppo, proprio a causa della possibilità di scavalcare il sistema legale, questa "soluzione", a livello effettivo, non ci tutela affatto.

Parallel Construction:
Last summer, Reuters revealed how the NSA and other surveillance organizations would share info with the DEA and other law enforcement agencies, but then tell them to reconstruct the evidence via a process called "parallel construction," so that the surveillance would not then be discussed in court. This is highly questionable, and probably illegal, as a defendant has the right to know all of the evidence being used against him or her, and should also be told how that evidence was gathered, to make sure the collection was legal. But what's being done with parallel construction, is that the intelligence community is able to give "hints" to law enforcement, allowing them to come up with various pretenses for an investigation, avoiding ever having to reveal that the NSA or others used potentially illegal surveillance efforts. One example given in that Reuters report was how DEA agents would suddenly be given a tip like this: "Be at a certain truck stop at a certain time and look for a certain vehicle." The DEA would then have the local police come up with some pretense to stop the truck... and then when evidence is found they can claim it was a random traffic stop, when the reality is anything but that.
E' possibile consultare un'analisi delle implicazioni del Parallel Construction da un punto di vista più formale: QUI.

P.S.: To be continued...
“The quieter you become, the more you can hear”

magopenguin
Livello: Disco fisso (9/15)
Livello: Disco fisso (9/15)
Messaggi: 690
Iscritto il: dom ott 27, 2013 2:57 pm

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da magopenguin »

Io la penso come Doc.

A parte il fatto che non ho nulla da nascondere (i codici cifrari :D e partizioni protette mi servono preventivamente incaso rubano o trovano un mio device,non certo per proteggermi da enti governativi)

La domanda mia invece è: chi ci assicura (perchè da qualche parte dovran pur risiedere questi file) che questi file non vengono rubati / hackerati e chi sa dove andranno a finire?

..

[Claudio]

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da [Claudio] »

magopenguin ha scritto:Io la penso come Doc.
Sei libero di pensarla come ti pare ..... però, sai .... bisognerebbe essere un tantino coerenti:

E, giusto per evitare che qualcuno (tu, per primo) dica che si decontestualizza (la questione, in definitiva ha risvolti simili, in quanto ad atteggiamento da tenere): PROVIENE DA QUI.
magopenguin ha scritto: ..... Per quello che mi riguarda non installo ne Avira ne Avast.
Faccio la mia parte per cercare di far capire a chi di dovere che certe politiche non ci vanno a genio.
:fiu ....... :lol:

magopenguin
Livello: Disco fisso (9/15)
Livello: Disco fisso (9/15)
Messaggi: 690
Iscritto il: dom ott 27, 2013 2:57 pm

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da magopenguin »

Coerenti ?

Non l'ho capita .

Se me la rispieghi . .

[Claudio]

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da [Claudio] »

magopenguin ha scritto:Coerenti ? Non l'ho capita . Se me la rispieghi . .
Io dovrei spiegarti il senso compiuto di ciò che tu scrivi e/o affermi? ..... scusa, ma non ho di queste ambizioni :->

magopenguin
Livello: Disco fisso (9/15)
Livello: Disco fisso (9/15)
Messaggi: 690
Iscritto il: dom ott 27, 2013 2:57 pm

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da magopenguin »

Va beh lasciamo perdere Claudio.

Avatar utente
Cris
Livello: DVD-ROM (5/15)
Livello: DVD-ROM (5/15)
Messaggi: 179
Iscritto il: mer apr 30, 2014 11:01 pm

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da Cris »

Sono d’accordo con ninja quando dice:
per me quello che hanno cercato di fare in quella dichiarazione è terrorismo psicologico per convincere le persone che è giusto "svendere" la propria privacy.
Anche secondo me è un tentato meccanismo per indurre conformismo e accondiscendenza, il tentativo di fare passare un atteggiamento sostanzialmente sbagliato (quello di accedere ai nostri dispositivi indiscriminatamente) come normale e naturale, anzi necessario per la nostra (… ) sicurezza.
E secondo me questo processo è già iniziato, ad esempio quando riteniamo “normale e necessario” che una App debba poter accedere a tutti i nostri dati, anche a quelli non strettamente connessi all’utilizzo della App, soprattutto nelle nuove generazioni che si giustificano dicendo: “ma si, è normale, è così… lo fanno tutti!”

Anch’io dico NO. Violare la privacy, il diritto personale alla riservatezza, è come violare la proprietà privata. E di sicuro non apro volontariamente la porta di casa a uno svaligiatore.
Sempre! Che parola terribile. Quando la sento mi fa venire i brividi. :fiu

[Claudio]

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da [Claudio] »

Cris ha scritto:E secondo me questo processo è già iniziato, ad esempio quando riteniamo “normale e necessario” che una App debba poter accedere a tutti i nostri dati, anche a quelli non strettamente connessi all’utilizzo della App, soprattutto nelle nuove generazioni che si giustificano dicendo: “ma si, è normale, è così… lo fanno tutti!”
A dire il vero è iniziato molto prima, quando un miliardo di persone si è preso la briga di consegnare i propri dati personali (e quelli dei propri "amici") e la propria quotidianità (e quella dei propri "amici") - senza che gli venisse richiesto, peraltro - al peggiore tra gli ingegneri sociali di sempre, Mark Zuckerberg (al cui cospetto, Kevin Mitnick, oggi appare un dilettante).
Cris ha scritto:Anch’io dico NO. Violare la privacy, il diritto personale alla riservatezza, è come violare la proprietà privata. E di sicuro non apro volontariamente la porta di casa a uno svaligiatore.
E ci mancherebbe fosse diverso, Cris :clap

Avatar utente
Cris
Livello: DVD-ROM (5/15)
Livello: DVD-ROM (5/15)
Messaggi: 179
Iscritto il: mer apr 30, 2014 11:01 pm

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da Cris »

... beh si, ma dipende anche da come uno lo usa FB... E ora anche WA .... un bell "all-in" no?

Sempre! Che parola terribile. Quando la sento mi fa venire i brividi. :fiu

[Claudio]

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da [Claudio] »

Cris ha scritto:... beh si, ma dipende anche da come uno lo usa FB...
Sciocchezza che sento proferire ogni giorno da chiunque utilizzi FB ( una giustificazione sciocca per spiegarne l'utilizzo ) ..... la piattaforma è quella, è appositamente studiata per fare quello e stop; tralascio la questione "finti amici" le cui richieste vengono accettate solo per rimpinguare il numero di contatti (una scemenza assoluta consegnare i propri dati, i propri pensieri, ecc. a perfetti sconosciuti oltre che a Zuckerberg).
Senza contare tutto il resto: privacy zero, datori di lavoro curiosi, eventuali datori di lavoro che vogliono capire "chi sei", e varie ed eventuali (ADS mirato ovunque, malware in crescente aumento, applicazioni che raccolgono dati all'insaputa dell'utente per poi rivenderli, ecc. ecc.).
E ora anche WA .... un bell "all-in" no?
Almeno, l'utilizzo di WA è ristretto a persone che si conosce realmente (e, almeno per ora, non sembra che i furbacchioni di FB abbiano esagerato).

Avatar utente
Cris
Livello: DVD-ROM (5/15)
Livello: DVD-ROM (5/15)
Messaggi: 179
Iscritto il: mer apr 30, 2014 11:01 pm

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da Cris »

[Claudio] ha scritto:
Cris ha scritto:... beh si, ma dipende anche da come uno lo usa FB...
Sciocchezza che sento proferire ogni giorno da chiunque utilizzi FB ( una giustificazione sciocca per spiegarne l'utilizzo ) ..... la piattaforma è quella, è appositamente studiata per fare quello e stop; tralascio la questione "finti amici" le cui richieste vengono accettate solo per rimpinguare il numero di contatti (una scemenza assoluta consegnare i propri dati, i propri pensieri, ecc. a perfetti sconosciuti oltre che a Zuckerberg).
Senza contare tutto il resto: privacy zero, datori di lavoro curiosi, eventuali datori di lavoro che vogliono capire "chi sei", e varie ed eventuali (ADS mirato ovunque, malware in crescente aumento, applicazioni che raccolgono dati all'insaputa dell'utente per poi rivenderli, ecc. ecc.).
E ora anche WA .... un bell "all-in" no?
Almeno, l'utilizzo di WA è ristretto a persone che si conosce realmente (e, almeno per ora, non sembra che i furbacchioni di FB abbiano esagerato).
Hai ragione sono iscritta a FB, ma l'ho fatto volontariamente e consapevolmente.
E quello che vedo .... sono tante solitudini...
Per quanto riguarda la condivisione dei miei pensieri l'ho fatto anche qui! Certo qui non sono loggata col mio nome e cognome, ma questo non mi esime dall'essere me stessa.
Per essere uno che non utilizza FB ..... però ne sai degli usi e costumi della massa che utilizza FB ImmagineImmagineImmagineImmagine
Sempre! Che parola terribile. Quando la sento mi fa venire i brividi. :fiu

[Claudio]

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da [Claudio] »

Cris ha scritto:Hai ragione sono iscritta a FB, ma l'ho fatto volontariamente e consapevolmente.
Ne sei cosi sicura? di solito ci si iscrive per seguire il "branco" ..... sai ..... "se non ci facebookiamo non sei nessuno" .... cose cosi .... :fiu
E quello che vedo .... sono tante solitudini...
Non è necessario iscriversi a FB, allora: le strade, le piazze, i centri commerciali sono zeppi di persone sole che meriterebbero, davvero, la nostra attenzione.
Per quanto riguarda la condivisione dei miei pensieri l'ho fatto anche qui!
Qui nessuno si sogna di "mettere le mani" sui tuoi dati personali per farne chissà cosa.
Al limite, chi amministra un forum (poi ci sono le eccezioni, ma è altro discorso) potrà avere accesso al tuo indirizzo IP, all'account che hai utilizzato per registrarti e alle informazioni che hai inserito.
Se per il secondo (account) si può utilizzare un account temporaneo, per il terzo (informazioni) non è certo un obbligo inserire info personali, anche il primo (quello si, un dato sensibile) è facilmente risolvibile.
Per essere uno che non utilizza FB ..... però ne sai degli usi e costumi della massa che utilizza FB.
Se è per quello, sono molte le cose che non utilizzo, ma non è detto che non le conosca o non mi tenga informato.

Annotazione: stiamo virando verso l'OT.

[Claudio]

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da [Claudio] »

Tanto per restare in tema (privacy), non possiamo certo scordarci di Skype ..... quindi: TOX.

Qualche informazione, in questo articolo di Michele Nasi (ilsoftware.it).

Avatar utente
Cris
Livello: DVD-ROM (5/15)
Livello: DVD-ROM (5/15)
Messaggi: 179
Iscritto il: mer apr 30, 2014 11:01 pm

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da Cris »

[Claudio] ha scritto:
Cris ha scritto:Hai ragione sono iscritta a FB, ma l'ho fatto volontariamente e consapevolmente.
Ne sei cosi sicura? di solito ci si iscrive per seguire il "branco" ..... sai ..... "se non ci facebookiamo non sei nessuno" .... cose cosi .... :fiu
posso risponderti dicendo che di persone che pensano fuori dagli schemi con idee “rivoluzionarie” o “diverse” (e sensate) ce ne sono sempre meno, mentre le persone che si dichiarano anticonformiste perché “fa figo” sono sempre di più.
[Claudio] ha scritto:Non è necessario iscriversi a FB, allora: le strade, le piazze, i centri commerciali sono zeppi di persone sole che meriterebbero, davvero, la nostra attenzione.
........... parlavo di solitudine dell'animo...........
Annotazione: stiamo virando verso l'OT.
..tu hai condotto il "gioco" e non puoi aspettarti sinceramente che non replichi..... :fiu
Sempre! Che parola terribile. Quando la sento mi fa venire i brividi. :fiu

[Claudio]

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da [Claudio] »

Cris ha scritto:.... parlavo di solitudine dell'animo ......
Quindi, la cura sarebbero i socialnetwork? :acch ..... io parlavo di "solitudini" ben più serie e reali, che spesso fingiamo di non vedere o, quando le vediamo ..... voltiamo la testa e tiriamo dritto
certo, è più semplice rifornire il proprio ego al distributore globale di FB, piuttosto che tendere la mano senza attendersi un ritorno in termini di immagine (non è riferito a te, ovviamente).
Cris ha scritto:..tu hai condotto il "gioco" e non puoi aspettarti sinceramente che non replichi..... :fiu
Non conduco alcun gioco (mi conosci abbastanza per sapere che, su certi temi, non gioco) ..... per il resto ..... le tue repliche sono il sale di questa discussione :stralol:

[Claudio]

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da [Claudio] »

Ma si .... aggiungiamo ( .... sai mai possa interessare a qualcuno ) anche questa inchiesta pubblicata su The Intercept (in Italia non ci facciamo mancare nulla).
When Apple and Google unveiled new encryption schemes last month, law enforcement officials complained that they wouldn’t be able to unlock evidence on criminals’ digital devices.
What they didn’t say is that there are already methods to bypass encryption, thanks to off-the-shelf digital implants readily available to the smallest national agencies and the largest city police forces — easy-to-use software that takes over and monitors digital devices in real time, according to documents obtained by The Intercept.

Avatar utente
speedyant
Livello: Disco fisso (9/15)
Livello: Disco fisso (9/15)
Messaggi: 608
Iscritto il: lun gen 13, 2014 4:56 pm
Località: Torino

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da speedyant »

Chissà che fine ha fatto il "mitico" chip presente in tutti i pc americani...

[Claudio]

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da [Claudio] »

speedyant ha scritto:Chissà che fine ha fatto il "mitico" chip presente in tutti i pc americani...
:o A cosa ti riferisci? se puoi essere più preciso (magari pubblica qualche link di riferimento) ..... perché non ne ho mai sentito parlare, quindi sono interessato ad approfondire (giusto perché, a spanne - almeno per come lo proponi - sembra più materia per "complottisti" o "produttori seriali di bufale").

Quindi, se possibile (non chiedo molto) vorrei prendere visione di documentazione perchè:
1) visto che si parla di chip, si deve fare riferimento ad un componente hardware, quindi sono interessato a capire chi lo ha prodotto e/o produce (una volta che ho capito di cosa si parla, considerato che la presenza di un componente hardware non si può celare senza che venga scoperto, immagino si possa reperire in rete ampia documentazione fotografica del predetto componente; quella la cerco da me);
2) vorrei capire perché solo su tutti i computer americani (insomma, anche in casi come questi, gli USA si riservano dei privilegi :bam :stralol: ).

P.S.: se la tua era solo una battuta, giusto per partecipare alla discussione ..... lascia stare la documentazione, e io non perderò tempo a correre dietro a qualcosa che - rispetto al tema proposto - non è provato.

Avatar utente
speedyant
Livello: Disco fisso (9/15)
Livello: Disco fisso (9/15)
Messaggi: 608
Iscritto il: lun gen 13, 2014 4:56 pm
Località: Torino

Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da speedyant »

Pur essendo a livello di "battuta", ammetto parecchio idiota, mi ricordavo giusto. Cerca chip clipper, su wikipedia trovi una breve trattazione.
Ho comunque scoperto che fine abbia fatto... Ha fatto appunto una "fine".

System
System
Bot ufficiale TurboLab.it
Bot
Messaggi:
Iscritto il: sab dic 31, 2016 6:19 pm
Contatta: Contatta

Re: Re: Privacy online, l’appello dell’FBI: Lasciatevi spiare da noi

Messaggio da System » sab nov 01, 2014 5:13 pm


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio