Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Lo spazio libero per parlare con gli amici di sport, motori e... "dolori".
Regole del forum
Rispondi
Avatar utente
crazy.cat
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5753
Iscritto il: mer mag 01, 2013 4:02 pm
Località: Mestre

Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Messaggio da crazy.cat » dom gen 01, 2017 6:04 am

E' matematico...
Un uomo d’affari manda un fax alla sua donna: “Mia cara moglie: tu comprenderai che, ora che hai 54 anni, io ho dei bisogni che tu non puoi più soddisfare. Io sono felice con te, ti considero una moglie meravigliosa e sinceramente spero che tu non prenderai male il fatto che, quando riceverai questo fax, io sarò all’hotel Comfort Inn con Vanessa, la mia segretaria, che ha 18 anni. Non ti arrabbiare, sarò a casa prima di mezzanotte”.
Quando l’uomo arriva a casa, trova un foglio sul tavolo nella sala da pranzo: “Caro marito, ho ricevuto il tuo fax e non posso che ringraziarti per avermi avvertita. Approfitto di questa occasione per ricordarti che anche tu hai 54 anni. Inoltre, ti informo che quando tu leggerai questo messaggio, sarò all’hotel Fiesta con Michel, il mio istruttore di tennis, che, come la tua segretaria, ha 18 anni. Visto che sei un noto uomo d’affari, e, in più sei laureato in Matematica, potrai facilmente comprendere che noi due ci troviamo in situazioni simili ma…con una piccola differenza: “18 entra più volte nel 54, rispetto al 54 nel 18 “…Quindi, non mi aspettare prima di domani! Baci dalla tua donna che ti capisce…”
Il marito perfetto
Nello spogliatoio di un club di golf c’è un gruppo di uomini, ad un tratto un telefonino squilla su una panca e uno di loro risponde e attiva il vivavoce. Gli altri si fermato attorno a lui per ascoltare.
Lui risponde: Pronto!
La donna dall’altra parte: Ciao, tesoruccio sono io, ti trovi al club?
Lui: Sì amore.
Lei: Sai? Mi trovo in quel bellissimo centro commerciale dove siamo stati insieme la scorsa settimana, ho visto una giacca di pelle meravigliosa per soli 980 euro, posso prenderla?
Lui: Ma certo cara, se proprio ti piace!
Lui: Quanto costa?Lei: Poi sono passata dall’autosalone dell’Audi e ne ho vista una che mi piace da matti.
Lei: Appena 95mila euro!
Lui: D’accordo, ma a quel prezzo fattela dare almeno super accessoriata.
Lei: Ok, ah tesoro un’ultimissima cosa.. ho visto che quell’attico che abbiamo visionato lo scorso anno e che ci è sfuggito è di nuovo in vendita, chiedono 850mila euro.. che faccio??
Lui: Beh, sai che ti dico? Fagli un’offerta di 800mila quasi certamente accetteranno altrimenti se proprio non ci stanno sborseremo i restanti 50mila, tanto mi sembra ugualmente un buon affare.
Lei: Ok amore!! Come sono felice, ti amo tanto tanto!!
Lui: Ti amo anche io.
A quel punto l’uomo riattacca, gli altri uomini lo guardano allibiti, posa il cellulare sulla panca e chiede loro “Qualcuno sa di chi è questo telefonino?!”
Una promessa
C’era un uomo che aveva lavorato tutta la vita, aveva risparmiato tutti i suoi soldi, e quando si trattava di spenderli era un vero “avaro”.
Poco prima di morire, disse alla moglie: “Quando muoio, voglio che tu prenda tutti i miei soldi e li metta nella bara con me.
Me li voglio portare con me nell’aldilà.”
E così si fece promettere con tutto il cuore dalla moglie, che quando sarebbe morto lei avrebbe messo tutti i suoi soldi nella cassa con lui. Beh, poi morì.
Al funerale era steso nella bara con vicino la moglie, vestita di nero, seduta affianco alla sua migliore amica. Quando fu finita la cerimonia e si preparavano a chiudere la bara, la moglie disse: “Aspettate un momento!” Aveva una piccola scatola di metallo, si avvicinò con la scatola e la mise nella cassa.
Poi chiusero la bara e la portarono via.
L’amica che aveva assistito alla scena disse: “Ragazza, non pensavo che fossi così tonta da mettere tutto quel denaro la dentro con tuo marito.”
La moglie fedele rispose: “Senti, io sono una persona credente, non posso tornare sulle mie parole. Gli ho promesso che avrei messo quei soldi nella bara con lui.”
“Vuoi dire che hai messo tutto quel denaro li dentro con lui!?!?!?”
“Certo che l’ho fatto” disse la moglie “L’ho preso tutto, l’ho messo sul mio conto, e gli ho fatto un assegno… se riesce a incassarlo se li può spendere tutti.”
I carabinieri sul sole
In una conferenza stampa il generale dei carabinieri annuncia che entro 2 anni effettueranno un viaggio sul sole.
Lo scalpore regna sovrano mentre il graduato illustra il progetto.
Ad un certo punto dal fondo della sala un giornalista timidamente chiede: " Ma scusi se mi permetto ma come pensate di riuscire a resistere all'impressionante temperatura?"
Il carabiniere per niente turbato e con un sorriso di compassione gli risponde: "E' per questo! Che abbiamo deciso di partire di notte!"
Dispaccio politico a doppia lettura
Nel nostro partito politico manteniamo le promesse.

Solo gli imbecilli possono credere che

non lotteremo contro la corruzione.

Perché se c'e qualcosa di sicuro per noi è che

l'onestà e la trasparenza sono fondamentali

per raggiungere i nostri ideali.

Dimostreremo che è una grande stupidità credere che

la mafia continuerà a far parte del nostro governo come in passato.

Assicuriamo senza dubbio che

la giustizia sociale sarà il fine principale del nostro mandato.

Nonostante questo, c'è gente stupida che ancora pensa che

si possa continuare a governare con i trucchi della vecchia politica.

Quando assumeremo il potere, faremo il possibile affinché

finiscano le situazioni di privilegio.

Non permetteremo in nessun modo che

i nostri bambini muoiano di fame.

Compiremo i nostri propositi nonostante

le risorse economiche siano esaurite.

Eserciteremo il potere fino a che

Si capisca da ora che

Siamo il partito di XXXXX, la nuova politica

- Ora prova a rileggere il tutto al contrario, leggi dal basso verso l'alto riga per riga... -
Tre vecchietti
Tre vecchietti, tutti abbondantemente sopra la soglia dei settant’ anni, stanno ad un tavolo d’osteria davanti a un mezzo litro di vino rosso e discutono dei guai provocati dall`avanzare dell’età:
Io, esordisce il primo, tutte le mattine mi alzo all’alba, prendo il mio cane e vado a caccia. Ma mentre una volta tornavo sempre col carniere pieno, ora non ci vedo più bene e non piglio neanche una lepre zoppa a me è la vista che mi rovina, è la vista.
Io, si lamenta il secondo, avevo uno stomaco di ferro, riuscivo a mangiare di tutto e mi facevo certe scorpacciate di polenta con le costine di maiale…. Ora la sera sono costretto a cenare con una minestrina a me è lo stomaco che mi rovina, è lo stomaco….
Io, conclude il terzo, starei abbastanza bene, pensate che questa mattina ho visto la figlia della mia vicina che lavava i panni al ruscello, senza pensarci due volte, mi sono avvicinato da dietro e me la son fatta, ma lei si è voltata e mi ha detto: “Ah peppì, è la terza volta che lo facciamo da stamattina!”
A me è la memoria che mi rovina, è la memoria!
Due carabinieri
Due Carabinieri fermano per un normale controllo una Ferrari con un negro molto distinto alla guida.
- Documenti per cortesia...
Il conducente presenta patente e libretto di circolazione, assolutamente in ordine. Il capo pattuglia legge:
- Nome: Leonardo
Sguardo stupito al guidatore.
- Cognome: Di Caprio
Altro sguardo stupito al guidatore.
- Occhi: azzurri
A questo punto rivolgendosi al collega:
- Anto', ma il Titanic è affondato o è bruciato?

System
System
Bot ufficiale TurboLab.it
Bot
Messaggi:
Iscritto il: sab dic 31, 2016 6:19 pm
Contatta: Contatta

Re: Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Messaggio da System » dom gen 01, 2017 6:04 am


Avatar utente
cippico
Livello: Disco fisso (9/15)
Livello: Disco fisso (9/15)
Messaggi: 529
Iscritto il: gio mag 16, 2013 6:16 pm
Contatta:

Re: Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Messaggio da cippico » lun gen 02, 2017 6:28 pm

:D

ciaooo e buon 2017
Salutone a Zane...padre putativo di...Turbolab... :-)
Mio sito... http://www.cippico.altervista.org

Avatar utente
crazy.cat
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5753
Iscritto il: mer mag 01, 2013 4:02 pm
Località: Mestre

Re: Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Messaggio da crazy.cat » ven gen 20, 2017 7:14 pm

Gesu' e San Pietro in Ferrari
Gesu' e San Pietro percorrono annoiati in Ferrari le vie della citta' quando San Pietro dice: "Maestro, guarda, li' c'e' Lazzaro".
"Ah, bene, adesso gli facciamo prendere un bello spavento!".
Detto e fatto, Gesu' accelera e investe il povero Lazzaro, che viene scaraventato violentemente a terra. Gesu' frena e retrocede fino al corpo esanime, abbassa il finestrino e dice:
"Lazzaro, alzati e cammina!".
Ma il cadavere rimane immobile.
"Lazzaro, alzati e cammina!!".
Ma non ottenne alcun risultato. Gesu' - un po' preoccupato - scende dall'auto e si avvicina al morto, lo osserva e ritorna di corsa all'auto, gridando:
"Pietro, andiamocene di qui, presto! Quello non era Lazzaro!"
uccelli diversi
Andrea chiede alla mamma:
- come sono nato ?
La mamma risponde:
- ti ha portato la cicogna.

Allora il secondo fratello chiede anche lui come fosse nato, e la mamma:
- ti ha portato un gabbiano

la terza figlia chiede anche le come fosse nata, e la mamma:
- ti ha portato un'aquila.

La suocera che stava a sentire borbotta:
- lo dicevo io che erano sempre uccelli diversi!
Il giorno più bello e il giorno più brutto
Un passante chiede ad un pastore:
- Qual'è stata la giornata più bella della tua vita?

e lui:
- eh quando la pecora si era persa e poi quando l' abbiamo ritrovata tutti se la sono inchiappettata

e il passante:
- ah capisco, e qual'è stata la seconda giornata più bella della tua vita?

E lui:
- quando il cavallo si era perso e poi quando lo abbiamo ritrovato tutti se lo sono inchiappettato

- e il passante continua:
- ...e qual'è stata la giornata più brutta?

e il pastore:
- quando mi sono perso io!
Perché' sei scappato
"Perché' sei scappato dalla sala operatoria prima dell'intervento?".
"Perché l'infermiera diceva: 'Coraggio, non si preoccupi, e' un'operazione facile...".
"E questo non ti ha tranquillizzato?".
"Il fatto e' che parlava con il chirurgo!".
arnese per donna
Una donna è stufa di farsi le cerette per depilarsi, legge sul giornale che hanno messo in commercio un rasoio elettrico per donna.
Lo va a comprare, torna a casa e si prepara per provarlo, ma suona il telefono. E' la ditta dove lavora e le dicono di partire subito per l'America.

Rimette il rasoio nella scatola, lo mette nella borsa, si reca all'aeroporto e si mette in fila per il check-in ma sente dalle vicine che per quel rasoio deve pagare una tassa altissima.

Si gira indietro e c'è un prete.

- Padre mi farebbe un favore?
- certo!
- ho comprato un rasoio per donna ma ho saputo che devo pagare una tassa salata. Non potrebbe nasconderlo sotto la tonaca?
- certo però, bada che io non so dire bugie perciò alle domande dico la verità
- padre non ho altra scelta e corro il rischio.

Così gli consegna il rasoio, lui svelto mette sotto la tonaca. Quando il doganiere si trova davanti al prete gli dice:
- padre ha qualcosa da dichiarare?
Il prete:
- dalla testa alla cintola nulla. Pausa.
Al che il doganiere:
- ma scusi padre e dalla cintola in giù
- a caro figliolo, li tengo solo un arnese per donna mai usato.

Il doganiere scoppia a ridere e gridà... avanti il prossimo!
Una persona che ci comprende senza dover spiegare nulla, che sappia capire i nostri silenzi, è ciò di cui abbiamo davvero bisogno.

Avatar utente
crazy.cat
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5753
Iscritto il: mer mag 01, 2013 4:02 pm
Località: Mestre

Re: Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Messaggio da crazy.cat » dom gen 29, 2017 5:01 pm

Un bambino va dal padre e dice: - Papà cos'è la politica? Il padre ci pensa e poi dice: - Guarda te lo spiego con un esempio: io che lavoro e porto a casa i soldi sono il capitalista, tua madre che li amministra è il governo, la donna delle pulizie è la classe operaia, tu che ormai hai qualche voce in capitolo sei il popolo, tua sorella che è appena nata è il futuro. Il bambino va a dormire, ma alle due di notte la sorella comincia a piangere; il bambino va a cercare qualcuno.Va dal padre ma non lo trova, va dalla madre la quale lo manda via perché ha sonno, va dalla donna delle pulizie e la trova a letto col padre e allora torna dalla sorella e le dice: - Guarda ho proprio capito cos'è la politica: i capitalisti fottono la classe operaia, il governo dorme, il popolo non lo ascolta nessuno e il futuro sta nella merda.
Un giorno due comunisti si ritrovano a chiacchierare. Il primo chiede all'altro:
- Ma se tu avessi due ville enormi, che cosa ci faresti?
Il secondo, prontamente:
- Una a me ed una al Partito!
L'altro insiste:
- E con due appartamenti?
- Uno a me ed uno al Partito!
- Con due automobili?
- Una a me ed una al Partito!
- Con due motorini?
- Uno a me ed uno al Partito!
- Con due biciclette?
- Ah no, quelle ce l'ho e me le tengo strette...
Alessandra Mussolini riceve il permesso di visitare l'Inferno.
Visita tutti i gironi fino a quando arriva a quello dei peccatori contro la storia.
Qui i vari peccatori della storia sono immersi nell'olio bollente e più sono gravi le loro colpe più sono immersi.
Alcuni sono immersi dalla cintola in su, altri con la testa fuori, altri sono totalmente sommersi.
Ad un certo punto Alessandra vede finalmente suo nonno Benito Mussolini che si trova immerso fino a metà petto.
La donna, rivolgendosi al diavolo che gli fa da cicerone dice: "Visto che ho ragione io: non era poi tanto cattivo".
E il diavolo accorgendosi della cosa urla: "Benito siamo alle solite, smonta subito dalla spalle di Adolf!"
L’onorevole durante il comizio: “Cittadini, voi sapete che i miei oppositori parlano male di me. Eppure vi assicuro che da queste tasche non e’ mai passato denaro illecito…”.
Una voce dal fondo della piazza: “VESTITO NUOVO, EH?”.
Rutelli si accorge che per il giubileo e’ tutto pronto tranne una via in cui manca l’illuminazione. Allora decide di affidare il compito di piantare i pali a tre gruppi: uno di finanzieri, uno di poliziotti ed uno di carabinieri. Alla fine del primo giorno i finanzieri fanno rapporto: “Abbiamo piantato 28 pali” e Rutelli: “Bravi, ottimo lavoro”.
Il giorno dopo i poliziotti: “Abbiamo piantato 36 pali” e Rutelli “Ottimo, con domani avremo sicuramente finito”.
Il terzo giorno arriva il maresciallo dei carabinieri: “Abbiamo piantato 2 pali”.
Rutelli incazzato gli chiede: “Ma come i finanzieri 28, i poliziotti 36 e voi solo 2?”.
E il maresciallo: “Si’, ma gli altri li avevano lasciati fuori di 4 metri”.
Prodi, camminando lungo la spiaggia, inciampa sulla lampada facendone uscire un Genio. Questi gli dice che per ricompensa e’ disposto ad esaudire un suo desiderio. Prodi senza esitare dice: “Voglio la pace nel Medio Oriente. Vedi questa mappa? Voglio che questi paesi finiscano di combattersi”. Il Genio guarda la mappa ed esclama: “Impossibile, uomo! Questi paesi sono in guerra da migliaia di anni. Io sono bravo, ma non cosi’ bravo. Non penso di riuscirci. Esprimi un altro desiderio”. Prodi pensa per un minuto e dice: “Vorrei divenire bello, molto bello. Questo e’ cio’ che voglio”. Il Genio fa un lungo sospiro e risponde: “Fammi un po’ rivedere la mappa, vediamo cosa si può fare…”
Un medico, un fisico e un politico stanno discutendo su quale sia la professione più antica. Il medico dice:
“La mia professione è certamente la più antica. Quando Eva è stata creata dalla costola di Adamo, quello è stato sicuramente un fenomeno medico”.
“E’ vero, commenta il fisico, ma prima dell’ordine c’era il caos. Solo un fisico può averlo fatto”.
“Scusate, interrompe il politico, ma chi credete abbia creato il caos?”
Inferno maleodorante
Un politico muore e finisce all'inferno dove lo aspetta Lucifero, gli mostra tre stanze fra tre che gli propone per l'eternità, nella prima trova dei dannati appesi a delle catene con del fuoco che li lambisce di continuo: "No, questa no, è troppo dolorosa" nella seconda trova dei dannati incastrati fino alla testa con nugoli di vespe che li pungono di continuo: "anche questa non mi piace" nell'ultima trova dei dannati sommersi in una cacca maleodorante, ma che bevono il caffè e leggono il giornale: "beh, a parte la cacca, questa è la migliore, la scelgo!" prende un caffè e un giornale, arriva un diavolo che ordina: "Okay ragazzi, la ricreazione è finita, tutti sotto!"
Una persona che ci comprende senza dover spiegare nulla, che sappia capire i nostri silenzi, è ciò di cui abbiamo davvero bisogno.

Avatar utente
cippico
Livello: Disco fisso (9/15)
Livello: Disco fisso (9/15)
Messaggi: 529
Iscritto il: gio mag 16, 2013 6:16 pm
Contatta:

Re: Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Messaggio da cippico » lun gen 30, 2017 3:37 pm

:D

ciaooo a tutti
Salutone a Zane...padre putativo di...Turbolab... :-)
Mio sito... http://www.cippico.altervista.org

Avatar utente
crazy.cat
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5753
Iscritto il: mer mag 01, 2013 4:02 pm
Località: Mestre

Re: Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Messaggio da crazy.cat » dom mar 19, 2017 6:49 pm

Un maresciallo chiama un appuntato. Gli da due 5 euro e gli dice di comprargli un pacchetto di sigarette e un accendino. L’appuntato va in tabaccheria ma non torna. Passano due ore e ancora non si fa vivo, così il maresciallo chiama un altro appuntato e gli dice – Tonì vai a vedere che sta facendo quello stupido tutto sto tempo – lui va e vede l’appuntato che guarda preoccupato i soldi. Gli si avvicina e gli chiede – Ma che è successo Franco? – lui risponde incazzato – Statti zitto, ho fatto un guaio, ho dimenticato quali sono i 5 euro delle sigarette e i 5 euro dell’accendino – l’appuntato dice – E me lo vuoi chiedere a me, io che ne so, torniamo in caserma dal maresciallo – I due tornano e spiegano l’accaduto al maresciallo. Il maresciallo urla incazzato nero – Ma che volete da me, voi siete due rincoglioniti, ma dove avete la testa? Tornate qua dopo quasi 3 ore a chiedermi quali sono i 5 euro delle sigarette e quali quelli dell’accendino? E io mica me lo ricordo.

Una mattina un carabiniere entra in caserma e trova il suo maresciallo molto afflitto.
“Maresciallo, ma che cosa è successo? Sembra disperato!”
“Lo sono, appuntato, lo sono. Stanotte è morto mio padre, era vecchio, ma gli volevo un gran bene…”
Nel pomeriggio l’appuntato rientra nella stanza del maresciallo e lo trova ancora più disperato.
“Maresciallo, d’accordo, è una disgrazia, ma dovete farvi coraggio…”
“No appuntato, non potete capire, la disgrazia non è una, sono due! Mi ha telefonato mio fratello e mi ha detto che è morto anche suo padre!”

Sherlock Holmes e il dottor Watson si trovano in vacanza in un campeggio. Dopo una buona cena e un’ottima bottiglia di vino, si ritirano in tenda e si addormentano profondamente. Durante la notte Holmes si sveglia e scuote l’amico.
«Watson, guardate in alto nel cielo e ditemi cosa vedete!».
«Vedo milioni e milioni di stelle, Holmes».
«E cosa ne deducete?» chiede Holmes.
Watson riflette a lungo e poi replica: «Beh, da un punto di vista astronomico, questo mi fa pensare che ci sono nel cielo milioni di galassie e quindi, potenzialmente, miliardi di pianeti. Da un punto di vista astrologico, vedo che Saturno è in Leone. Da un punto di vista orario, se guardo la Luna, ne deduco che sono circa le 3:15. Da un punto di vista meteorologico, credo che domani avremo una bellissima giornata. Da un punto di vista teologico, mi fa capire che Dio è Infinita Potenza e che noi siamo solo una piccolissima e insignificante parte dell’Universo. Ma perché me lo chiedete? Cosa suggerisce a voi tutto questo?»
Holmes rimane un attimo in silenzio e poi esclama: «Watson, siete un idiota! Qualcuno ci ha rubato la tenda!»


Renzi si reca dal parroco della sua parrocchia per confessarsi, ma il prete gli dice: "Ascolta figliolo, mi pare che il tuo caso richieda una competenza superiore. Credo sia meglio che tu vada dal Vescovo"
Così Renzi si presenta dal Vescovo chiedendogli la confessione.
"Certo figliolo, come ti chiami?"
"Renzi"
"Renzi l'ex presidente del Consiglio? No caro mio, non ti posso confessare perché il tuo è un caso difficile, è meglio che tu vada in Vaticano"
Renzi allora va dal Papa ed esordisce:
"Sua Santità, voglio confessarmi"
"Caro figlio mio, come ti chiami?"
"Renzi "
"Ahi, ahi, ahi, figliolo, il tuo caso è molto difficile anche per me, però qui sul lato del Vaticano c'è una piccola cappella. Al suo interno troverai una croce...il Signore ti potrà ascoltare"
Renzi giunge nella cappella e si rivolge alla croce:
"Signore, voglio confessarmi"
"Certo figlio mio, come ti chiami?"
"Renzi "
"Ma chi? L'ex Presidente del Consiglio in Italia?
Quello che ha tolto l'articolo 18 e ha aumentato il lavoro precario?
Quello che ha salvato le banche che hanno rovinato migliaia di ignari cittadini?
Quello che ha nominato la Boschi ministro e poi ha salvato la banca di famiglia?
Quello che ha fatto incrementare l'immigrazione clandestina senza offrire integrazione ai veri rifugiati, dando alle cooperative oltre 1 miliardo di Euro?
Quello che ha fatto aumentare il debito pubblico?
Quello che si è fatto la legge elettorale su misura e adesso che ha perso consensi non gli va più bene?
Quello che doveva lasciare se perdeva il referendum ma è ancora in politica?
Quello della riforma "Buona scuola" che ha gettato l'istruzione nel caos?
E l'aumento delle tasse? Il canone TV in bolletta? La manutenzione caldaia, "bollino" da 8,00 € a 20,00 di quest'anno? E le bollette del telefono ogni 28 giorni, cioè 13 bollette all'anno?!?"
"Ehm... sì sono proprio io, Signore..."
"Figlio mio, non hai bisogno di confessarti, tu devi solamente ringraziare!"
"Ringraziare? E chi Signore?"
"I Romani, per avermi inchiodato qui! Altrimenti scendevo e ti facevo un mazzo così!"

Durante la lezione una professoressa insegna ai suoi studenti le regole del galateo, l'educazione e le buone maniere. Poi rivolta ad uno di loro chiede:
"Paolo, immaginati di star corteggiando una giovane fanciulla di buona famiglia e durante una cena molto intima con lei devi andare in bagno...cosa le diresti per assentarti?"
Paolo: "Aspettami solo un attimo che vado a far pipì!"
La professoressa replica: "Questa frase sarebbe molto grossolana e maleducata! Simone, tu invece cosa diresti?"
Simone: "Direi… Scusa ma devo andare alla toilette, torno subito"
L'insegnante: "Questa risposta va già meglio, tuttavia dovete ricordare che è comunque sgradevole menzionare la toilette durante il pasto. E tu, Giovanni, saresti capace di usare la tua intelligenza per dimostrare le tue buone maniere?"
Giovanni: "Io direi: mi scuso di dovermi assentare un momento, mia cara, me ne vado da qui per tendere la mano ad un amico intimo che spero di poterti presentare dopo cena..."

Un giovane uomo è diventato papà e quando finalmente si avvicina a vedere per la prima volta suo figlio si accorge che è nero e sbianca di colpo. La sua compagna allora gli spiega con amorevolezza:
"Amore, capisco la tua sorpresa perché anche io non me l'aspettavo una cosa del genere, ma poi ci ho pensato ed ho capito perché nostro figlio è nero: quando ero piccola mio padre lavorava in Costa d'Avorio, e mia madre aveva trovato una balia nera. Lei mi dava il suo latte e quindi i suoi geni sono passati nel mio sangue e a mia volta io li ho passati a nostro figlio..."
"Ma davvero? Non me l'hai mai detto...però effettivamente torna come ragionamento, cara scusami se ho dubitato anche solo un attimo di te. Ti amo tanto!"
Poi il giovane incontra sua madre fuori dall'ospedale che tutta entusiasta gli chiede:
"Allora com'è il mio nipotino? Ti somiglia?"
"A dir la verità no, è nero mamma! Ma non pensare male, il motivo è che Martina da piccola è stata allattata da una donna di colore originaria della Costa d'Avorio, ha quindi preso i geni di questa balia e li ha trasmessi a nostro figlio...capito?"
"Sì, ho capito perfettamente" risponde la madre stizzita "è successa la stessa cosa a te quando eri appena nato."
"Cosa mi è capitato?"
"E' capitato che ti ho dato del latte di mucca ed evidentemente i suoi geni sono passati nel tuo sangue...è per questo che sei cornuto!"
Una persona che ci comprende senza dover spiegare nulla, che sappia capire i nostri silenzi, è ciò di cui abbiamo davvero bisogno.

Avatar utente
cippico
Livello: Disco fisso (9/15)
Livello: Disco fisso (9/15)
Messaggi: 529
Iscritto il: gio mag 16, 2013 6:16 pm
Contatta:

Re: Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Messaggio da cippico » mar mar 21, 2017 7:16 pm

:clap

ciaooo a tutti
Salutone a Zane...padre putativo di...Turbolab... :-)
Mio sito... http://www.cippico.altervista.org

Avatar utente
crazy.cat
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5753
Iscritto il: mer mag 01, 2013 4:02 pm
Località: Mestre

Re: Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Messaggio da crazy.cat » mar mag 30, 2017 7:34 pm

Alle poste in un paesino arriva un commissario incaricato di verificare il livello culturale dei dipendenti. Questi vengono chiamati uno ad uno per un breve colloquio.
Entra il [p]primo:
[c]: Allora..iniziamo con qualcosa di semplice…Conti da 1 a 10…
[p]: 1, 3, 5, 7, 9.
[c]: Ma come? E i numeri pari?
[p]: Sa, io consegno la posta solo a sinistra….
[c]: Daccordo..daccordo..vada pure….
Entra il [s]econdo:
[c]: Bene, faccio anche a lei una domandina facile facile….
Conti fino a 10… [s]: 2, 4, 6, 8, 10.
[c]: Ok, ok..ho capito…lei consegna la posta solo a destra….
[s]: Si..io…
[c]: Va bene, vada pure…..
Entra il [t]erzo:
[c]: Allora, speriamo che lei sappia contare…
[t]: Beh, certo…1, 2, 3, 4, 5…
[c] (stupito): Complimenti, ma lei non consegna la posta?
[t]: No no, io ho un titolo di studio…lavoro in ufficio!
[c]: Complimenti..continui ancora…
[t]: certo…6, 7, fante, cavallo e re!
Una persona che ci comprende senza dover spiegare nulla, che sappia capire i nostri silenzi, è ciò di cui abbiamo davvero bisogno.

Avatar utente
crazy.cat
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5753
Iscritto il: mer mag 01, 2013 4:02 pm
Località: Mestre

Re: Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Messaggio da crazy.cat » mer mag 31, 2017 6:38 am

Sei diventato grande quando...


1. Le 7.00 del mattino è l'ora in cui ti alzi e non quella in cui vai a letto
2. I tuoi amici si "sposano e divorziano", anziché "mettersi insieme e mollarsi".
3. Hai già incontrato qualcuno che ti da del lei senza prenderti per il cul..
4. Esci con l'ombrello e non lo lasci in giro.
5. Il 99% del tempo che passi al computer è per lavoro.
6. Hai 130 giorni di ferie arretrate, anziché 2.
7. Jeans e maglietta non significa più "essere vestiti".
8. "Cena e film" sono l'intera serata anziché solo l'inizio.
9. Non sai più l'orario di chiusura del tuo locale preferito, ammesso che tu ne abbia ancora uno.
10. Mangi al fast-food solo a ora di pranzo e perché devi fare fast.
11. Fare ses so al di fuori di un letto matrimoniale ti sembrerebbe di praticare del "sesso bizzarro".
12. Farmacia: aspirine e antiacidi, anziché preservativi.
13. Hai più cibo che birra in frigo.
14. I parenti più vecchi non hanno più problemi a raccontare barzellette sporche quando ci sei tu.
15. Senti la tua canzone preferita al supermercato.
16. Ti preoccupi di quello che farai tra due mesi.
17. Le tue piantine restano vive.
18. Sei tu che chiami i Caramba perché i ragazzi dell'appartamento di fianco non abbassano quel cavolo di stereo del cavolo.
19. Il tuo canale preferito ha cambiato nome (Videomusic) e poi non te ne frega più niente di quella manica di rocchettari rompico...
20. Ti sei comperato uno scooterone col parabrezza e il Tucano per andare a lavorare e ti incazzi quando i ragazzini ti sorpassano in curva piegati come Valentino coi loro scooterini pistolati all'inverosimile.
21. Stai continuando a leggere e rileggere questa lista cercando qualcosa che non c'entri con te, ma col cavolo che lo trovi!!!
Una persona che ci comprende senza dover spiegare nulla, che sappia capire i nostri silenzi, è ciò di cui abbiamo davvero bisogno.

Avatar utente
crazy.cat
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5753
Iscritto il: mer mag 01, 2013 4:02 pm
Località: Mestre

Re: Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Messaggio da crazy.cat » mar lug 04, 2017 11:34 am

Un signore malconcio con un sacco nero in mano e un fiasco nell'altra, entra in un bar, si siede al bancone e ordina da bere. Il barista nota il signore in condizioni pessime, ma è molto incuriosito dal sacco che si muove ed urla, quindi chiede spiegazioni:
'Mi scusi signore, che succede e cosa c'è dentro quel sacco che si muove e urla?'
Il signore risponde:
"No guardi, non si preoccupi, è meglio che non sappia cosa c'è nel sacco"
Il barista allora più incuriosito insiste:
"Mi scusi, ma lei è nel mio bar e voglio sapere cosa contiene, anche perché le grida provenienti da quel sacco stanno spaventando i miei clienti. Pretendo che mi dica cosa contiene!'
Il cliente replica:
"Guardi per il suo bene è meglio che non lo sappia, si fidi di me, è per il suo bene!''
Il barista:
"Insomma me lo dica! Mi faccia vedere cosa c'è dentro!"
Al che l'uomo risponde:
"Guardi, se proprio insiste, le do il sacco e lei lo va ad aprire in una stanzetta dove nessuno la può vedere."
'Ma via, cosa ci sarà mai? Mi faccia vedere...''
Il cliente alla fine si lascia convincere:
"Io l'ho avvertita... adesso peggio per lei...''
Apre il sacco e ne esce un ometto di 30cm completamente pazzo, che in un minuto distrugge quasi completamente il bar e che poi a fatica riescono a rimettere dentro! Al che il barista arrabbiatissimo si rivolge al cliente:
"Ma guardi cosa ha combinato! Ma si rende conto di cosa ha fatto? Ho almeno 100.000 euro di danni.. Come faccio adesso?"
"Mi dispiace ma io l'avevo avvertita, però proprio perchè è lei le svelo un segreto... Guardi in questo fiasco c'è un genio che può esaudire solo un desiderio... basta sfregarlo e lui uscirà, così magari ricostruisce il bar. Però si ricordi di URLARE il desiderio perchè questo genio è un po' sordo..''
Il barista incuriosito e disperato prova. Prende la bottiglia... la sfrega... ed esce un uomo gigantesco... Pensa un po'...
"Ma visto che ho solo un desiderio magari gli chiedo più soldi, invece di 100.000 euro gli chiedo un miliardo... ma si un miliardo."
Allora il barista si rivolge al genio... "Genio voglio un miliardo!!!!"
Dopo pochi secondi dal cielo cade un bellissimo biliardo rovinando del tutto il bar. Il barista ancor più disperato guarda il signore e dice:
"Ma come? io avevo chiesto un miliardo e non un biliardo!"
E il cliente:
"Aho! Io te l'avevo detto de urlà forte chè er genio è sordo... ma secondo te io che avevo chiesto un PAZZO di 30 centimetri?
Una persona che ci comprende senza dover spiegare nulla, che sappia capire i nostri silenzi, è ciò di cui abbiamo davvero bisogno.

Avatar utente
crazy.cat
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5753
Iscritto il: mer mag 01, 2013 4:02 pm
Località: Mestre

Re: Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Messaggio da crazy.cat » mar lug 04, 2017 11:35 am

Una coppia di sposini:
Lei: "amore mi aggiusti la sedia che si è rotta?"
Lui: " e che faccio il falegname!?"
La moglie infastidita, sbuffa e se ne va; il giorno seguente:
Lei: " amore mi aggiusti la lampadina?"
Lui: "e che faccio l'elettricista!?"
Lei infastidita sbuffa e fa finta di nulla; il giorno dopo:
Lei: " amore mi aggiusti il tubo del lavandino?"
Lui: " e che faccio il tubista!?"
Lei sbuffa e va via.
Il giorno dopo il marito vede che la sedia è riparata, anche la lampadina e il tubo e chiede alla moglie: " chi ha riparato tutto"??
Lei: "quel ragazzo carino che abita di fianco a noi?"
Lui: " e cosa ha voluto in cambio soldi"?
Lei: " no no mi ha detto o mi fai una torta o mi paghi in natura!"
Lui: " e tu amore hai fatto la torta vero!!???"
Lei: " e che faccio la pasticciera!" :)
Una persona che ci comprende senza dover spiegare nulla, che sappia capire i nostri silenzi, è ciò di cui abbiamo davvero bisogno.

Avatar utente
cippico
Livello: Disco fisso (9/15)
Livello: Disco fisso (9/15)
Messaggi: 529
Iscritto il: gio mag 16, 2013 6:16 pm
Contatta:

Re: Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Messaggio da cippico » mer lug 05, 2017 1:29 pm

:lol:

ciaooo a tutti
Salutone a Zane...padre putativo di...Turbolab... :-)
Mio sito... http://www.cippico.altervista.org

Avatar utente
crazy.cat
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5753
Iscritto il: mer mag 01, 2013 4:02 pm
Località: Mestre

Re: Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Messaggio da crazy.cat » sab lug 29, 2017 5:23 pm

La lepre e l'orso
Un giorno nella foresta l'orso decide di fare una lista di tutti gli animali che avrebbe mangiato durante la stagione. La notizia si diffonde rapidamente, per cui lo viene a sapere il leone che va a trovarlo e gli dice:
"Orso, e' vero che hai fatto una lista degli animali che intendi mangiare nei prossimi mesi?".
E l'orso:
"Si', e' vero".
E il leone:
"Ci sto anch'io nella lista?".
"Fammi vedere... Si', ci sei".
"Hm, e fammi vedere, come fai a mangiarmi?".
E l'orso:
"Cosi'!"
e se lo mangia.
Poi lo viene a sapere la tigre. Va anche lei dall'orso e gli chiede:
"Orso, e' vero che hai fatto una lista degli animali che intendi mangiare nei prossimi mesi?".
"Si', e' vero".
"Ci sto anch'io nella lista?".
"Fammi vedere... Siì, ci sei".
E la tigre:
"Hm, e fammi vedere, come fai a mangiarmi?".
"Cosi'!" e se la mangia.
Poi lo viene a sapere l'elefante. Va anche lui dall'orso e gli chiede:
"Orso, e' vero che hai fatto una lista degli animali che intendi mangiare nei prossimi mesi?".
"Si' e' vero".
"Ci sto anch'io nella lista?".
E l'orso:
"Fammi vedere... Si', ci sei".
"Hm, e fammi vedere, come fai a mangiarmi?".
"Cosi'!" e se lo mangia.
Dopo lo viene a sapere la lepre. Va anche lei dall'orso e gli chiede:
"Orso, e' vero che hai fatto una lista degli animali che intendi mangiare nei prossimi mesi?".
"Si', e' vero".
E la lepre:
"Ci sto anch'io nella lista?".
"Fammi vedere... Si', ci sei".
E la lepre:
"Senti, Orso, non potresti cancellarmi, per favore?".
"Certo!"
La spiaggia nudisti
Una famigliola ha programmato di trascorrere le vacanze estive al mare. Hanno affittato allo scopo una villetta sul lungomare per rendere il soggiorno più piacevole. Arrivati sul posto, scoprono che la spiaggia è una spiaggia di nudisti. I genitori, non sapendo cosa fare, dopo una lunga discussione, decidono che almeno questo sarà il modo per fare sapere più cose ai figli sulla vita.

Camminando sulla spiaggia, i bambini notano che tutta quella gente è differente dal solito, gli uomini hanno pisellini di diversa misura e le donne tettine di diversa misura. Confusi chiedono spiegazioni ai genitori: "Mamma, perché questi signori hanno i pisellini di diversa misura?"
"Bene... ehm... perché più lungo è il pisellino più è stupido l'uomo!"
"E perché le donne hanno tettine differenti?"
"Per lo stesso motivo. Più grandi sono le tette più sono stupide."

Una sera, dopo un giorno intero passato in spiaggia, la madre ed i bambini erano nella villetta pronti per andare a dormire. La madre chiede ai figli: "Avete per caso visto vostro padre?"
"Si, stava parlando con una donna veramente stupida e più parlava, più diventava scemo"
Una bella ragazza
Una bella ragazza in vacanza se ne va sulla terrazza dell'albergo dove alloggia per prendere un po' di sole.
Siccome non c'è nessuno in giro, si toglie il costume da bagno per un pò di tintarella integrale.
Stando stesa sulla pancia, quasi addormentata, sente il rumore di qualcuno che si precipita su per le scale.
In fretta si copre con l''asciugamano, giusto in tempo per veder apparire il direttore dell''albergo.
'Mi scusi, signorina. Non ho nessun problema se lei prende il sole sulla terrazza dell'albergo, ma gradirei molto se lei rimettesse il costume...'.

'E che differenza fa? Non c'è nessuno, qui! Nessuno mi può vedere!'.

'Non è propriamente esatto... se lei si sdraia sul lucernario del ristorante...'.
Una persona che ci comprende senza dover spiegare nulla, che sappia capire i nostri silenzi, è ciò di cui abbiamo davvero bisogno.

Avatar utente
crazy.cat
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5753
Iscritto il: mer mag 01, 2013 4:02 pm
Località: Mestre

Re: Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Messaggio da crazy.cat » dom ago 06, 2017 5:46 pm

Cenerentola ha 85 anni
Cenerentola è anziana, ha 85 anni.
Dopo una vita felice con suo marito, il principe, ora deceduto, lei passa le sue giornate nel suo salotto. E' solita osservare il mondo dalla sua poltrona, con il suo gatto Bob sulle sue ginocchia. E' felice.

Un pomeriggio tra le nubi appare improvvisamente la sua madrina, la Fata Buona.

Cenerentola le chiede:
- "Cara Fata Buona, dopo tutti questi anni, cosa fai qui?"

La madrina le risponde:
- "Cenerentola cara, dopo l'ultima volta che ti ho vista, hai condotto una vita esemplare. C'è forse qualcosa che io posso fare per te? Un desiderio che posso esaudire?"

Cenerentola è sorpresa, felice e allo stesso tempo confusa. Dopo averci pensato un po' mormora:
- "Amerei molto diventare ricca".

In quello stesso istante, la sua poltrona tramuta in oro massiccio.

Cenerentola è stupefatta. Bob, il suo gatto fedele, spaventato si va a nascondere dietro il divano.

Cenerentola grida:
- "Grazie! Fata Buona, grazie!".

La madrina le risponde:
- Siamo solo all'inizio. Qual è il tuo secondo desiderio?"

Cenerentola abbassa la testa, vede il suo povero corpo scarno e dice:
- "Mi piacerebbe essere bella e giovane come un tempo".

Quasi istantaneamente ritrova la sua bellezza che era sfiorita con gli anni.
Cenerentola risente subito in sé dei sentimenti ormai dimenticati, passioni, ardori...

La madrina le dice allora:
- "Cenerentola, ti concedo un ultimo desiderio. Esprimilo."

Cenerentola guarda il suo povero gatto invecchiato e risponde:
- "Vorrei che tu trasformi il mio gatto Bob in un uomo giovane, bello e gentile".

Come per magia Bob viene trasformato in un magnifico ragazzo, talmente bello che anche gli uccelli non possono trattenersi dall'arrestare il proprio volo e cadere ai suoi piedi.

La Fata Buona prima di andarsene, saluta:
- "Felicitazioni Cenerentola, divertiti nella tua nuova vita".

E subito dopo sparisce.

In alcuni istanti magici Cenerentola e Bob si guardano teneramente e Cenerentola è come ipnotizzata alla vista del più bell'uomo che avesse mai visto.

Bob avanza verso di lei, la prende tra le sue braccia muscolose, le si avvicina all'orecchio e con un caldo soffio le sussurra:
- "Adesso ti penti di avermi fatto castrare, vero?"

La giraffa, l'elefante e la gallina
Un gruppo di animali non contento del proprio aspetto fisico, decide di ribellarsi e per tale motivo invia una delegazione direttamente a discutere con Dio.

La delegazione è composta da una giraffa, un elefante ed una gallina: i tre arrivano in paradiso ed aspetta di essere ricevuti.

Vengono convocati uno ad uno: entra per prima la giraffa.

Dio:
- "Cara giraffa, cosa ti spinge fin qui?"

- "Signore, mi sento così brutta e strana con questo collo lungo, è proprio vergognoso! Si potrebbe rivedere il mio aspetto fisico?"

- "Creatura ingrata! Metti in dubbio l'operato del Signore?! Io c'ho studiato prima di crearti! Tu sei la perfezione! Guardati bene e ragiona: quel collo ti serve per arrivare a mangiare il cibo più prelibato che si trova in alto e per respirare l'aria più pulita!"

- "Hai proprio ragione Signore non ci avevo pensato, che stupida che sono stata!"

La giraffa esce contenta e tutta arzilla, poi viene convocato l'elefante.

Dio:

- "Anche tu qui! Non mi dire che ti vuoi lamentare?!"

- "Signore, è possibile che io debba avere un naso così lungo e delle orecchie così grandi?!"

- "Ingrato! Tu sei il simbolo della perfezione, sei una creatura completa di optional! Quelle orecchie ti servono per rinfrescarti quando fa caldo e con quel naso puoi bere senza chinarti. Gli altri animali pagherebbero oro per avere quello che hai tu. Ora torna a casa e vergognati!"

L'elefante, sgridato ma convinto da Dio, esce tutto felice.

La gallina esclama:

- "Ma fateme capì, semo venuti qua pe' lamentarci e pe' facce fa più belli e invece voi uscite tali e quali e per di più contenti?"

Giraffa:
- "E certo! Non vedi che io sono perfetta? Posso mangiare il cibo più buono che si trova sopra gli alberi e respiro l'aria più buona! Ti piacerebbe essere come me, non è vero?!"

Elefante:

- "Pure io! Non vedi come sono bello?! Sono un animale condizionato, riesco a rinfrescarmi quando fa caldo e riesco a bere senza sporcarmi. Ti piacerebbe essere come me, non è vero?!"

La gallina incassa ed entra decisa da Dio.

Dio:

- "Anche tu, ingrata, sei qui per lamentarti?! Tu sei la perfez..."

- "Nun te 'nventà 'n cacchio! O l'ovo più piccolo o il culo più grosso!"

Storia delle mutande
Siamo nel medioevo.
Un sarto bussa alla porta di un monastero, un monaco gli apre e lo fa entrare. Il sarto è pieno di entusiasmo e mostra all'arzillo fraticello la sua nuova, rivoluzionaria invenzione: le mutande.

Il frate è un po' perplesso:
- "Ma a che servono queste... mutande?"

- "Ma come a che servono? Guardi, le provi, non vede che comfort? Le raccolgono tutto in un caldo abbraccio! Basta cò sti cosi penzoloni!"

- "Caspita è vero! Mi porti quattro metri di stoffa, voglio mostrare quest'invenzione alle monache della santissima vergine"

Così se ne va col carretto carico di stoffa verso la cima della collina, al monastero delle suore. Durante il tragitto però gli scappa la cacca. Scende dal carretto, si leva le mutande e fa quello che deve fare. Siccome però non è abituato a indossare le mutande dimentica di rimettersele, e le lascia per terra.

Arriva al monastero, bussa alla porta e gli apre la superiora. Lui euforico esclama:
- "Ho una cosa da farle vedere, guardi qua!" - e tutto impettito alza il suo saio.

La suora è sul punto di svenire
- "Oh mio Dio!"

E lui, ancora più orgoglioso:
- "E questo è niente, sul carretto ne ho altri quattro metri!"
Lettera calda
Caro,

ti voglio!

Voglio farti girare la testa,

trascinarti a letto,

farti provare caldo,

farti gemere per una settimana.

Baci
La tua Influenza
Una persona che ci comprende senza dover spiegare nulla, che sappia capire i nostri silenzi, è ciò di cui abbiamo davvero bisogno.

System
System
Bot ufficiale TurboLab.it
Bot
Messaggi:
Iscritto il: sab dic 31, 2016 6:19 pm
Contatta: Contatta

Re: Re: Ridere, ridere.... (forse).... (2017)

Messaggio da System » dom ago 06, 2017 5:46 pm


Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio