NGINX è un popolare software open source per erogare blog o siti web, come quello sul quale risiede la presente guida. In altre parole, NGINX è un server web alternativo al più conosciuto Apache HTTP Server, rispetto al quale adotta un modello di esecuzione basato sugli eventi che, in alcune circostanze, lo rende notevolmente più veloce. In questa guida vedremo dunque come installare NGINX su Ubuntu (Linux) e come configurare tutto quanto per avviare immediatamente il nostro progetto web

Trattazione aggiornata per funzionare al meglio con Ubuntu 22.04

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Sebbene NGINX sia disponibile anche per Windows, è ottimizzato e realmente consigliabile per l'uso in ambienti di produzione solo su server Linux. La procedura seguente è stata testata su Ubuntu 22.04 e 20.04 (sia "Desktop", sia "Server"), ma è analoga per tutte le distribuzioni derivate (fra le quali "Mint") e, presumibilmente, per le iterazioni successive.

Una stesura precedente di questa guida (archiviata qui) trattava anche CentOS, mentre oggi è focalizzata unicamente su Ubuntu.

Installare Nginx su Linux Ubuntu: Aprire il Terminale

Se stai lavorando via SSH oppure su Ubuntu Server sei già davanti alla linea di comando, quindi prosegui oltre.

Se però ti trovi in un ambiente grafico, devi avviare il Terminale: il mio metodo preferito è tramite la combinazione da tastiera Ctrl+Alt+T. In alternativa:

  1. clicca sul pulsante con i 3x3 punti in basso a sinistra
  2. digita terminale
  3. clicca sul collegamento mostrato

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux - linux apri terminale

» Leggi anche: Come aprire il terminale di Ubuntu

Installare NGINX su Linux Ubuntu: Installazione completamente automatica

Da questa situazione, puoi installare NGINX su Ubuntu in modo completamente automatico impartendo questo singolo comando:

sudo apt install curl -y && curl -s https://raw.githubusercontent.com/TurboLabIt/webstackup/master/script/nginx/install.sh?$(date +%s) | sudo bash

In caso fosse richiesta la password, digita quella del tuo utente Linux (quella che usi per eseguire login al sistema)

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Il comando appena impartito esegue uno script (visualizzabile qui) che svolge in sequenza tutte le tediose operazioni che, altrimenti, dovremmo impartire manualmente (vedi seguito dell'articolo).

Al termine, puoi lanciare in successione questi due comandi dallo stesso sistema sul quale hai appena installato NGINX per tentare di connetterti:

curl http://127.0.0.1

curl -k http://127.0.0.1

Se, in risposta, viene visualizzato codice HTML, significa che l'installazione è riuscita

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Tecnicamente, i messaggi di risposta che vedi sono errori, ma, in questo momento, non importa. Quello che conta è che il server web risponda, come effettivamente avviene!

Nei prossimi paragrafi vedremo la procedura alternativa per svolgere manualmente gli stessi passaggi che lo script ha eseguito automaticamente. Se hai usato lo script, puoi saltare tutto e riprendere dal Passo 14: Creare la cartella con i progetti web.

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 1: Diventare root

La procedura tramite script descritta ai paragrafi precedenti installa NGINX automaticamente ed è la modalità che, personalmente, raccomando. Se però preferisci installare NGINX manualmente, puoi ottenere un risultato analogo seguendo i passaggi forniti di seguito.

Per prima cosa, devi acquisire i privilegi massimi diventando root. Il comando è:

sudo -s

In caso ti fosse richiesta la password, digita quella del tuo utente Linux (quella che usi per eseguire login al PC)

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

» Leggi anche: Sudo senza password con Ubuntu: come disabilitare la richiesta di password quando si eseguono comandi come root (video)

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 2: Disinstallare... Nginx

Prima di proseguire, è opportuno verificare che NGINX non sia già stato installato, magari per errore. Il modo più efficace di farlo è tramite il gestore dei pacchetti:

dpkg --list | grep nginx

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Se il comando non mostra alcuna risposta, possiamo tranquillamente andare oltre perché NGINX non è installato. In caso contrario, è fondamentale disinstallare il pacchetto corrente:

apt purge --auto-remove nginx* -y

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Raccomando caldamente anche di eliminare eventuali file di configurazione relativi alla precedente installazione, di modo da partire con una situazione pulita:

rm -rf /etc/nginx

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 3: Installare i pre-requisiti

NGINX richiede la presenza di alcuni pacchetti, che devono essere installati manualmente. Il comando per ottenerli tutti in un colpo solo, insieme anche ad altre utility che serviranno fra poco, è il seguente:

apt install software-properties-common curl gnupg2 ca-certificates lsb-release ubuntu-keyring openssl zip unzip nano -y

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 4: Aggiungere i repository ufficiali di NGINX

Le distribuzioni Linux, come Ubuntu, rendono disponibili nei rispettivi repository i pacchetti per Nginx. Ma F5, lo sviluppatore di NGINX, offre una propria fonte ufficiale che contiene, generalmente, versioni più aggiornate. Nella mia esperienza, è molto meglio prelevare NGINX direttamente dal repository dello sviluppatore.

Importa innanzitutto la chiave digitale utilizzata per firmare il pacchetto:

curl https://nginx.org/keys/nginx_signing.key | gpg --dearmor | sudo tee /usr/share/keyrings/nginx-archive-keyring.gpg >/dev/null

Verifica poi che sia quella del team team di sviluppo:

gpg --dry-run --quiet --import --import-options import-show /usr/share/keyrings/nginx-archive-keyring.gpg

Per la massima sicurezza dovresti confrontare l'hash mostrato a schermo con quello riportato sul sito ufficiale, ma diciamo che vedi la dicitura nginx signing key <signing-key@nginx.com> è sufficiente

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Finalmente possiamo aggiungere alla lista di fonti il repository ufficiale di NGINX tramite questo lungo comando:

echo "deb [signed-by=/usr/share/keyrings/nginx-archive-keyring.gpg] http://nginx.org/packages/mainline/ubuntu `lsb_release -cs` nginx" | sudo tee /etc/apt/sources.list.d/nginx.list

Quello che succede, in pratica, è che viene creato il file /etc/apt/sources.list.d/nginx.list contenente il percorso al repository ufficiale di NGINX per la specifica versione di Ubuntu in uso

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Come ultimo step, è necessario configurare il sistema di modo che prelevi il pacchetto di NGINX da questo specifico repository, e non da quello predefinito di Ubuntu. Il comando è:

echo -e "Package: *\nPin: origin nginx.org\nPin: release o=nginx\nPin-Priority: 900\n" | sudo tee /etc/apt/preferences.d/99nginx

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 5: Installazione del pacchetto

Il comando precedente configura solo l'utilizzo del repository NGINX ufficiale, ma non installa materialmente il programma. Per farlo, dobbiamo impartire quest'altro comando concatenato:

apt update && apt install nginx -y

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 6: Aggiungere nginx al gruppo www-data

Per massimizzare la sicurezza e semplificare la gestione del server è opportuno aggiungere l'utente Linux con cui "gira" NGINX, ovvero l'utente nginx, al gruppo di sistema chiamato www-data. Allo scopo, basta impartire:

usermod -aG www-data nginx

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 7: Prima esecuzione

NGINX è ora installato, ma il suo processo non è ancora in esecuzione. Procedi dunque ad avviarlo. Allo scopo, ti consiglio di usare SEMPRE questo specifico comando concatenato:

nginx -t && service nginx restart

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

In questo modo, NGINX verifica che la nuova configurazione sia corretta prima di avviare o riavviare il servizio. Se viene rilevato un problema:

  1. viene visualizzata una chiara indicazione di dove si trova l'errore
  2. NGINX continua a funzionare comunque con la configurazione precedente

Questo è un piccolo ma importante "trucco" che fa la differenza, soprattutto quando si utilizza NGINX su un server di produzione. Ricordalo!

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 8: Test del servizio

Il web server è ora attivo e mostra una pagina di benvenuto "standard" a tutti i client che vi si colleghino. Se il computer sul quale è in esecuzione NGINX è dotato di un browser web, puoi verificarlo aprendo http://localhost, ovvero facendo collegare il sistema... a se stesso

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Se invece il sistema non ha il browser web, puoi simulare lo stesso comportamento impartendo questo comando:

curl http://localhost

Se la risposta è composta da una serie di tag HTML fra i quali si legge qualcosa di simile a <title>Welcome to nginx!</title>, tutto sta funzionando correttamente

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 9: Generare un certificato per attivare HTTPS

Il web moderno funziona via HTTPS (con la "s" finale), e quindi anche il nostro server deve fare lo stesso. Generiamo dunque un certificato HTTPS da utilizzare con tutti i siti erogati dal nostro server. Tale certificato, bene inteso, sarà di tipo "self-signed", ovvero "di test", e farà scattare un avviso nel browser web: ma è comunque meglio che non utilizzare HTTP "semplice", e sarà comunque facile sostituirlo in seguito con un certificato "reale" poco prima di andare in produzione.

Prima creiamo la cartella:

mkdir -p /usr/local/turbolab.it/webstackup/autogenerated

[ nota: in realtà, puoi scegliere un percorso qualsiasi per la cartella, ma nel seguito utilizzeremo quello indicato nell'esempio. Raccomando di non modificarlo, altrimenti diventa difficile seguire la guida ]

Poi generiamo una chiave crittografica:

openssl genrsa -out /usr/local/turbolab.it/webstackup/autogenerated/openssl-private-key.pem

Infine, usiamola per generare il certificato HTTPS vero e proprio:

openssl req -x509 -out /usr/local/turbolab.it/webstackup/autogenerated/https-localhost.crt -key /usr/local/turbolab.it/webstackup/autogenerated/openssl-private-key.pem -days 3650 -new -nodes -sha256 -subj "/CN=localhost"

Visualizziamo ora il contenuto della cartella:

ls -la /usr/local/turbolab.it/webstackup/autogenerated

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Troverai due file:

  • https-localhost.crt: è il certificato HTTPS vero e proprio
  • openssl-private-key.pem: è la chiave crittografica utilizzata per generarlo

Ci serviranno entrambi più avanti.

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 10: Redirect automatico da HTTP a HTTPS

Facciamo ora in modo che tutte le richieste in HTTP inviate al nostro server generino un redirect verso l'equivalente sito in HTTPS. Allo scopo, scarichiamo la configurazione già pronta all'uso:

curl -LO --output-dir /etc/nginx/conf.d/ https://raw.githubusercontent.com/TurboLabIt/webstackup/master/config/nginx/00_global_https_upgrade_all.conf

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Il comando scarica il file in /etc/nginx/conf.d/00_global_https_upgrade_all.conf.

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 11: Disattivare il sito di default

La pagina di cortesia con il testo Welcome to NGINX visualizzata in precedenza è comoda subito dopo l'installazione, per verificare che NGINX funzioni, ma poi deve tassativamente essere rimossa. Tornati alla linea di comando, disattiviamo dunque la configurazione che mostra quella pagina, spostandola fuori dalla cartella che contiene tutte le configurazioni:

mv /etc/nginx/conf.d/default.conf /etc/nginx/conf.d_default_original_backup.conf

Al suo posto, facciamo in modo che il server web ritorni un errore "sito non trovato" ogni volta in cui venga richiesto un dominio non esplicitamente configurato. Allo scopo, otteniamo la configurazione già pronta all'uso:

curl -LO --output-dir /etc/nginx/conf.d/ https://raw.githubusercontent.com/TurboLabIt/webstackup/master/config/nginx/05_global_default_vhost_disable.conf

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Il comando scarica il file in /etc/nginx/conf.d/05_global_default_vhost_disable.conf.

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 12: Verificare la situazione

Arrivati a questo punto, è opportuno verificare che tutto funzioni ancora correttamente. Riavviamo il servizio per rendere effettive le ultime modifiche:

nginx -t && service nginx restart

Aprendo ora http://localhost tramite browser web (vedi seguito se il sistema su cui hai installato NGINX non ha l'interfaccia grafica e non puoi quindi usare il browser), notiamo che, anche se abbiamo richiesto il sito in HTTP, viene effettuato un redirect automatico verso lo stesso sito in HTTPS. È merito della configurazione tramite il file 00_global_https_upgrade_all.conf che abbiamo scaricato poco fa!

Allo stesso tempo, poiché stiamo utilizzano un certificato HTTPS "self-signed" (vedi trattazione precedente) comparirà l'avviso di sicurezza La tua connessione non è privata

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux - zShotVM_1668363433

È dunque necessario cliccare sul pulsante Avanzate e seguire il link Continua con

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux - zShotVM_1668363450

Compare così una pagina di errore con il messaggio 400 Bad Request. Perfetto! È merito della configurazione svolta tramite il file 05_global_default_vhost_disable.conf scaricato poco fa, che scatena questo errore in caso un client richiedesse un sito non debitamente configurato... cioè esattamente quello che stiamo tentando di fare qui

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux - zShotVM_1668363486

Niente paura: nei passi successivi configureremo esplicitamente il nostro sito.

Se invece il sistema sul quale hai appena installato NGINX non ha l'interfaccia grafica e il browser web, puoi svolgere la medesima prova da linea di comando impartendo:

curl --head http://localhost

Il parametro fa in modo venga visualizzata l'intestazione (header) della risposta HTTP, dalla quale vediamo che il server web risponde ridirezionando la connessione verso l'equivalente pagina HTTPS (riga Location: https://localhost/).

Impartendo dunque

curl -k https://localhost

Viene visualizzato lo stesso HTML che compone la pagina di errore visualizzata nel browser web poco più sopra

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 14: Creare una nuova "home" per www-data

Come abbiamo stabilito, salveremo i nostri siti sotto /var/www. Al momento, però, questo stesso percorso è anche la "home" dell'utente Linux www-data. Ne consegue che, in seguito ad alcune azioni, potrebbero comparire qui dentro anche file temporanei e altre cartelle relative alle preferenze dell'utente. Non ci piace.

Per risolvere il problema, creiamo una cartella dedicata e impostiamola come home per l'utente www-data tramite questo lungo comando concatenato:

mkdir -p /home/www-data && chown www-data:www-data /home/www-data -R && chmod ug=rwx,o= /home/www-data -R && usermod -d /home/www-data www-data

Molto meglio!

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 14: Creare la cartella con i progetti web

I file di ogni sito web che andremo ad erogare dal nostro server risiedono, per convenzione, in una sotto-cartella dedicata nel percorso /var/www: il sito che stai leggendo ora, ad esempio, è ospitato veramente sotto /var/www/turbolab_it!

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Creiamo dunque la cartella /var/www, e una sotto-cartella chiamata local che conterrà il nostro primo sito di test:

mkdir -p /var/www/local

Dobbiamo poi consentire l'accesso alla cartella all'utente Linux nginx e al gruppo www-data, ovvero quello che esegue il processo del server web:

chown nginx:www-data /var/www -R && chmod ug=rwX,o= /var/www -R

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Come ultima "finezza", lanciamo il comando seguente:

chmod g+s /var/www

Fa in modo che tutti i nuovi file creati nella cartella vengano automaticamente assegnati al gruppo www-data.

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 15: Scaricare il sito web di test

Procedi scompattando nella cartella /var/www/local un archivio zip che contiene alcuni file HTML di esempio che ho preparato. Il comando è il seguente:

curl -Lo /var/www/local/sito.zip https://turbolab.it/scarica/145 && unzip -o /var/www/local/sito.zip -d /var/www/local/ && rm -f /var/www/local/sito.zip

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 16: Scaricare il file di configurazione

Ora scarica il file di configurazione semi-pronto che consente a NGINX di rispondere alle richieste erogando le pagine HTML del nostro sito di test:

curl -Lo /etc/nginx/conf.d/local.conf https://turbolab.it/scarica/282

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux - Schermata del 2019-04-20 16-43-41

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 17: Configurare un sito per localhost

Apri ora il file di configurazione appena scaricato:

nano /etc/nginx/conf.d/local.conf

All'interno, trovi varie direttive:

  • server_name: è il dominio gestito da questa specifica configurazione. Nel file che hai scaricato è impostato a localhost, poiché risponderà al sito https://localhost. Se in futuro vorrai gestire un tuo dominio (mio-sito.com, ad esempio) dovrai indicarlo qui
  • root: indica dove si trovano i file HTML, PHP, CSS, immagine ecc. che compongono il sito web. Nel file che hai scaricato è impostato a /var/www/local
  • listen: indica la porta TCP. A meno di situazioni molto particolari, deve essere mantenuto sempre così com'è
  • ssl_certificate e ssl_certificate_key: fanno riferimento al certificato HTTPS e alla relativa chiave. Nel file che hai scaricato utilizziamo il certificato "self-signed" che abbiamo generato alcuni Passi fa

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Per il nostro prossimo test non devi modificare nulla, quindi ti basta capire il significato dei parametri, poi battere la combinazione Ctrl+X sulla tastiera per uscire.

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 18: Riavviare il servizio

Ora che la configurazione è pronta, dobbiamo riavviare Nginx per renderla effettiva. Come al solito, usa

nginx -t && service nginx restart

In questo modo puoi visualizzare eventuali errori ed evitare di bloccare il servizio in caso qualcosa sia sbagliato.

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 19: Visualizzare la pagina con il browser web

È tutto pronto: apri il browser web sullo stesso sistema sul quale hai installato NGINX e visita https://localhost per visualizzare il sito che hai appena configurato (se si tratta di un server senza interfaccia grafica, usa il solito curl -k https://localhost per visualizzare l'HTML a Terminale).

Se tutto funziona correttamente, vedrai la pagina di test

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Prova ora a modificare, con l'editor da terminale, il file HTML che stai visualizzando:

nano /var/www/local/index.html

Fai qualche modifica, salva, poi ricarica la pagina nel browser per vedere le modifiche apportate - [ Ricordo che la sequenza di combinazioni da tastiera per salvare e uscire dall'editor sul terminale è Ctrl+O, Invio, Ctrl+X.

Tanto per capire meglio come funziona l'installazione attuale, svolgi questo semplice esercizio:

  1. copia il file: cp /var/www/local/index.html /var/www/local/pagina1.html
  2. usando l'editor di testi, apri la copia appena creata: nano /var/www/local/pagina1.html
  3. scrivi qualcosa a piacere (anche solo Ciao a tutti! va benissimo) e poi salva le modifiche
  4. da browser web, apri http://localhost/pagina1.html (oppure curl -k https://localhost/pagina1.html da terminale)
  5. visualizzerai così il contenuto della nuova pagina

La situazione è dunque la seguente (la schermata è stata catturata da Windows, ma è analoga sotto Linux)

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

In definitiva: accodando il nome del file desiderato all'indirizzo http://localhost/, il browser richiede detto file al server web. Se il file esiste nella cartella che abbiamo specificato come root, NGINX lo ritorna al browser, che lo interpreta e lo mostra.

Installare NGINX su Linux Ubuntu, Passo 20: Erogare molteplici siti

La configurazione attuale funziona perché abbiamo configurato esplicitamente tutto quanto per rispondere a http://localhost. Proseguiamo ora facendo in modo che il servizio risponda anche ad altri domini: ad esempio, potremmo erogare i siti sito1.com e sito2.com dallo stesso PC/server.

Iniziamo aggiungendo queste righe al file hosts del sistema sul quale abbiamo installato NGINX:

127.0.0.1 sito1.com www.sito1.com

127.0.0.1 sito2.com www.sito2.com

127.0.0.1 sito3.com www.sito3.com

Così facendo, ogni tentativo di contattare questi domini viene risolta sul sistema locale. Se si tratta di una connessione HTTP o HTTPS (come quella inviata del browser quando richiede una pagina web), risponderà il nostro NGINX.

Creiamo le cartelle adibite ad erogare i primi due nuovi siti. Seguendo l'impostazione precedente, lanciamo:

  • mkdir /var/www/sito1
  • mkdir /var/www/sito2

Scompattiamo all'interno di entrambe le cartelle il pacchetto con i file di esempio già usato in precedenza. Per il primo sito:

curl -Lo /var/www/sito1/sito.zip https://turbolab.it/scarica/145 && unzip -o /var/www/sito1/sito.zip -d /var/www/sito1/ && rm -f /var/www/sito1/sito.zip

Per il secondo sito:

curl -Lo /var/www/sito2/sito.zip https://turbolab.it/scarica/145 && unzip -o /var/www/sito2/sito.zip -d /var/www/sito2/ && rm -f /var/www/sito2/sito.zip

Ora entriamo e modifichiamo le rispettive copie di index.html per mostrare un messaggio che ci permetta poi di distinguere i due siti. Ad esempio:

  • nano /var/www/sito1/index.html: scrivi Benvenuto su sito1.com
  • nano /var/www/sito2/index.html: scrivi Stai guardando sito2.com

Procediamo ora a duplicare il file di configurazione local.conf (l'avevamo scaricato prima, ricordi?) creando un file di configurazione per sito1.com:

cp /etc/nginx/conf.d/local.conf /etc/nginx/conf.d/sito1.conf

Apriamo il nuovo file:

nano /etc/nginx/conf.d/sito1.conf

Ora:

  1. valorizziamo server_name di modo che corrisponda al dominio che vogliamo gestire (in questo caso: sito1.com)
  2. modifichiamo il percorso dopo la direttiva root per fare in modo che punti alla directory che contiene il nostro sito (in questo caso: /var/www/sito1)
  3. salva le modifiche al file e chiudi

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux

Ripeti tutto per configurare sito2.com, quindi riavvia il servizio:

nginx -t && service nginx restart

Se tutto è filato liscio, torna al browser web e prova ad aprire http://sito1.com: superando l'avviso di sicurezza, dovresti vedere il messaggio personalizzato che avevi inserito nel relativo file index.html. Aprendo http://sito2.com verrà visualizzata l'altra pagina

Come installare NGINX Ubuntu - Guida Definitiva configurare Server Web Linux - vhost sito1 sito2 sito3

Aprendo http://sito3.com (il dominio che avevamo inserito nel file hosts ma non configurato in NGINX) verrà mostrato un messaggio di errore, proprio perché non è stato configurato.

Cosa fare ora?

Arrivati a questo punto, il nostro NGINX su Linux è perfettamente configurato e funzionante. Probabilmente, però, vorrai installare anche PHP e MySQL di modo da eseguire un gestore di contenuti (CMS) come WordPress e creare il tuo blog, oppure imparare a programmare. Per il resto della guida:

» Leggi: Installare e configurare un server web: La Grande Guida ad Apache, MySQL, PHP su Windows e Linux in modo facile