Oyster Pearl è una criptovaluta che mira a distruggere il mercato della pubblicità online, liberando i webmaster dalla schiavitù di dover tappezzare le proprie pagine di "ads" quale fonte di sostentamento e dal problema insostenibile generato dagli "ad block". Il progetto ricorda i cryptominer, ovvero i malware che sfruttano CPU e GPU degli utenti per generare monete digitali, ma la tecnologia è di nuova generazione, l'impatto minimo e vi sono ottime prospettive di guadagno, anche per chi non possiede un proprio sito. E, in questo momento, le "Perle" costano pochissimo

Guadagnare cryptominer anti-pubblicità: come perché comprare subito Oyster Pearl (criptovaluta) - oyster pearl spotlight

Oyster Pearl fa parte delle criptovalute minori che, a mio avviso, avranno ottime performance durante i prossimi mesi. Per la lista completa:

» Leggi: 5 criptovalute economiche per grandi guadagni nel 2018 (video guida, alternative a Bitcoin)

Che cos'è Oyster

Sono un creatore di contenuti non-più-professionista che, come tanti, paga le spese dei propri hobby grazie alla pubblicità. Allo stesso tempo, odio i banner e adotto gli "ad block" sia su PC, sia su smartphone per tutti i siti tranne quelli che consulto quotidianamente. Trovandomi io stesso incastrato in questa insopportabile ipocrisia, guardo sempre con interesse a forme di monetizzazione alternative.

» Leggi anche: Il migliore Ad Blocker: 5+ soluzioni per bloccare la pubblicità online

Oyster (significa "ostrica", come il mollusco marino) è una di queste. Cosa fa? in estrema sintesi, è un Javascript che, innestato nelle pagine web, sfrutta CPU e GPU dei visitatori per generare un ricavo per il proprietario del sito. Contrariamente ai malware "cryptominer" apparsi nel 2017, Oyster adotta tecnologia di nuova generazione e tutti gli accorgimenti tecnici per rispettare il pubblico

Guadagnare cryptominer anti-pubblicità: come perché comprare subito Oyster Pearl (criptovaluta)

Chiariamo con un esempio banale: se avessi installato Oyster sulla pagina dell'articolo che state leggendo (al momento non l'ho realmente fatto, ma sono in fase di valutazione), il vostro computer dedicherebbe qualche ciclo di GPU e GPU per svolgere calcoli che, sommati a tutti quelli degli altri utenti, mi farebbero guadagnare un token ("gettone") del progetto Oyster, chiamato "Pearl" ("perla", come quella per fare collane che si trova dentro alle ostiche). Potrei quindi scambiare il gettone sul mercato ottenendo frazioni di Bitcoin che, rivendute, mi consentirebbero di ottenere un numero variabile di euro (a seconda del cambio Bitcoin/Euro del momento).

Se anche non possedete un sito o una piattaforma sulla quale creare contenuti, continuate a leggere: i gettoni di Oyster possono essere acquistati e rivenduti da tutti, con lauti guadagni se continueranno a cresceranno di valore.

Come funziona Oyster?

Ma facciamo un passo indietro e partiamo dalla descrizione del flusso di denaro. Prima ancora di essere soluzione remunerativa per webmaster squattrinati, Oyster è un tool di storage che permette l'archiviazione persistente dei dati sulla rete distribuita di IOTA, chiamata "Tangle" (è una struttura dati alternativa alla più popolare blockchain popolarizzata da Bitcoin ma ormai usata da quasi tutti).

» Leggi anche: [guida] Come comprare IOTA (MIOTA), la criptovaluta del futuro: mercato, prezzo e procedura pratica

Guadagnare cryptominer anti-pubblicità: come perché comprare subito Oyster Pearl (criptovaluta)

Chi desideri sfruttare il servizio Oyster per salvare i propri documenti (in formato crittografato e anonimo) paga un canone. Il prezzo dovuto va versato in "Perle", ovvero il token del progetto.

A questo punto, entrano in scena i webmaster: i gestori dei siti web interessati a guadagnare con Oyster devono infatti copia-incollare una singola riga di codice Javascript alle proprie pagine: questo fa sì che il browser dei visitatori svolga le operazioni di calcolo necessarie a movimentare i dati archiviati sulla rete. In cambio, il gestore del sito riceve parte delle "perle" e può, idealmente, evitare di mostrare la pubblicità poiché i visitatori hanno già contribuito al sostentamento del progetto fornendo temporaneamente la potenza di calcolo dei propri PC.

Oyster: perché è un progetto promettente

Sì, sì, concordo: il flusso è un pelino articolato da comprendere... ma Oyster è un progetto che mi ispira fiducia per molteplici motivi.

Innanzitutto, la rete IOTA è esplicitamente studiata per funzionare su apparecchi IoT (Internet of things) dalla limitatissima capacità di calcolo: questo contribuisce a far sì che l'impatto di Oyster sui PC e smartphone dei visitatori sia minimo, riducendo il rischio che gli utenti decidano di bloccare lo script (operazione che, comunque, è abbastanza semplice da svolgere per chi proprio lo desideri):

» Leggi: Come bloccare lo script oyster.ws/webnode.js delle pagine/siti web: che cos'è Oyster? un pericoloso malware/virus?

Guadagnare cryptominer anti-pubblicità: come perché comprare subito Oyster Pearl (criptovaluta)

Inoltre, tutte le transazioni sulla rete IOTA avvengono a zero commissioni: il guadagno per i portali non viene dunque diluito. Da tenere a mente anche che la complessità di deploy per i gestori dei siti è minima (copia-incolla lo sappiamo fare tutti, no?) e, aspetto forse più importante in assoluto, i visitatori non devono installare nulla per contribuire: funziona tutto in Javascript (come la maggior parte dell'Internet moderna), ed il "contributo" cessa non appena si abbandona la pagina.

Tutto il codice sorgente di Oyster è "open" e disponibile su Github: nessuna "fregatura" o dirottamento di guadagni verso soggetti estranei, quindi.

In ultimo, la corsa ai cryptominer "malevoli" alla quale abbiamo assistito durante il 2017 ci ha dimostrato l'interesse concreto dei gestori dei servizi web per una soluzione di questo tipo, con l'importante "plus" che qui è tutto implementato con tecnologie nettamente più efficienti e rispettose.

Per chi non ha un sito: Come guadagnare con Oyster

Oyster è una buona occasione di guadagno non solo per i webmaster, ma anche per gli utenti che non possiedano un sito Internet. Questi ultimi non devono fare altro se non acquistare le "Perle" su un exchange, conservarle qualche mese per poi rivenderle quando saranno aumentate di valore. Il simbolo da cercare è PRL.

Allo scopo, dobbiamo rivolgerci ad alcuni siti di trading (exchange) specializzati in criptovalute alternative ai più popolari Bitcoin, Ethereum o Litecoin. Possiamo trovare una lista degli exchange che trattano Oyster a questa pagina.

Al momento in cui scrivo, la presenza di Oyster sugli exchange principali è ancora limitata (niente Binance, ad esempio). Fortunatamente, possiamo almeno ottenere Oyster Pearl tramite l'interessante KuCoin:

» Vedi: Registrazione a KuCoin

Guadagnare cryptominer anti-pubblicità: come perché comprare subito Oyster Pearl (criptovaluta) - registrazione kucoin

[nota di trasparenza: ogni volta che un utente si registra a KuCoin partendo da questo link ed investe in criptovaluta, TurboLab.it riceve una commissione in criptovaluta. Dal canto nostro, poiché siamo un progetto indipendente e no-profit, li convertiremo per pagare le spese del server e degli altri servizi correlati]

Purtroppo, KuCoin non consente di acquistare Oyster (PRL) o le altre criptovalute pagando in dollari o euro. Dobbiamo invece accreditare sul nostro conto una piccola quantità di Bitcoin o Ethereum, per poi scambiarla con PRL. Per la guida completa:

» Leggi: Alternativa a Binance per comprare criptovalute: video guida a KuCoin (RaiBlocks, Dent, KuCoin Shares)

Guadagnare cryptominer anti-pubblicità: come perché comprare subito Oyster Pearl (criptovaluta)

Per i webmaster: come guadagnare con Oyster

Per i webmaster che dispongano di un proprio progetto su web, l'installazione di Oyster nelle pagine è banale. Basta aggiungere questo tag in un punto qualsiasi della pagina (preferibilmente in fondo):

<script id="o.ws" payout="ETH_ADDRESS" src="https://oyster.ws/webnode.js"></script>

È sufficiente sostituire la stringa ETH_ADDRESS con l'indirizzo del proprio wallet Ethereum (v. seguito).

Personalmente, sto valutando di aggiungere Oyster anche qui su TurboLab.it, se non altro per valutarne con mano le caratteristiche tecniche e i guadagni concreti su di un sito che genera un volume di traffico piuttosto significativo. Il principale motivo che mi trattiene è il timore che qualche antivirus lo rilevi erroneamente come malware, generando preoccupanti avvisi per gli utenti. Al momento il problema non esiste, ma se le cose dovessero cambiare a causa di un aggiornamento periodico delle definizioni antivirali, sarebbero dolori.

» Leggi anche: Analizzare i file sospetti Online con numerosi antivirus

Per quanto riguarda TurboLab.it, in caso decidessi di procedere, desidererei segnalare la novità ai visitatori in modo trasparente ma non invasivo, ma questa complicazione ha probabilmente senso solo su un sito spiccatamente "community" come il nostro.

Miglior wallet per Oyster Pearl

Conservare i token Oyster acquistati all'interno dell'exchange è altamente pericoloso. Per prevenire crack e furti, è più prudente trasferire i propri averi in un portafoglio offline, da proteggere poi con ogni premura.

» Leggi anche: Guida completa ai wallet offline: come conservare le criptovalute sul PC e prevenire furti (portafogli Bitcoin, Ethereum, Litecoin)

Come accennato, PRL è un token ERC-20, ed è dunque compatibile con qualsiasi wallet software o hardware per Ethereum. Ciò premesso, il già consigliato Exodus non lo supporta nativamente (né è previsto che lo faccia nel prossimo futuro): sebbene si possa usare l'indirizzo del borsellino Ethereum gestito da Exodus, recuperare poi le Perle diverrebbe estremamente macchinoso. Piuttosto, raccomando di usare il wallet Javascript di riferimento per il mondo Ethereum:

» Leggi: Portamonete Ethereum ed altri token ERC-20: guida rapida a MyEtherWallet

Guadagnare cryptominer anti-pubblicità: come perché comprare subito Oyster Pearl (criptovaluta)

Quanto si può guadagnare investendo in Oyster?

Come tutte le operazioni finanziarie con una marcata tendenza speculativa, non è possibile sapere a priori quale sarà il ritorno del nostro investimento in Oyster. Potremmo perdere tutto se il progetto va male, ma anche guadagnare un sacco di soldi se il valore dei token crescerà molto in futuro.

Personalmente, do un giudizio positivo all'idea, alla tecnologia, e all'implementazione di tutto quello che riguarda la parte di remunerazione per i webmaster. Sono invece estremamente scettico circa la concreta adozione del servizio di archiviazione file da parte del pubblico pagante: in questo momento, a meno di dissidenti politici e persone che svolgono attività al limite dell'illegalità (o oltre), non riesco ad individuare un pubblico di riferimento ansioso di abbandonare Dropbox, OneDrive, Google Drive e soci in favore di un meccanismo distribuito

» Leggi anche: Sfida: Resilio Sync (BitTorrent Sync) contro Dropbox, OneDrive, Google Drive

Guadagnare cryptominer anti-pubblicità: come perché comprare subito Oyster Pearl (criptovaluta)

Ciò nonostante, se Oyster riuscirà ad apparire su un buon numero di siti e la moneta verrà scambiata in volumi rilevanti, la criptovaluta stessa finirà per ottenere un valore proprio e slegato dall'utilità pratica: la fenomenale crescita di Siacoin, soluzione incentrata esclusivamente sull'archiviazione distribuita di file ma con un utilizzo concreto irrisorio, ci dimostra che non è fantasia.

Come ulteriore nota negativa, evidenzio che la modesta capitalizzazione di mercato (meno 80 milioni di dollari, al momento in cui scrivo) espone a fenomeni di pump and dump da parte dei gruppi organizzati (maggiori informazioni qui). Anche questo pericolo, comunque, dovrebbe scemare parallelamente alla crescita.

Il team è composto da ragazzi capaci... ma sul sito vengono presentate soltanto 3 persone, tutte in ruoli legati allo sviluppo software. Nella primissima stesura dell'articolo additavo questo aspetto come una criticità, ma nel frattempo, la squadra è salita a 16 individui, fra i quali anche addetti marketing (figure fondamentali per spingere l'adozione del servizio), manager ed esperti di finanza.

Chiudo con una nota finanziaria positiva: la quantità di token è relativamente bassa. Al momento in cui scrivo, pocomeno di 32 milioni di pezzi sono in circolazione, a fronte di un totale complessivo inferiore a 109 milioni di unità. I numeri sono dunque superiori a Bitcoin (max: 21 milioni) e Litecoin (max: 84 milioni) ma lontani dai "miliardi" di Ripple o Cardano. Questo aspetto permetterà movimenti di prezzo più marcati, anche in caso di bassi volumi.

Per tenere sott'occhio l'andamento delle Perle e ricevere una notifica quando il prezzo sale o scende, possiamo utilizzare gli strumenti segnalati in questo articolo:

» Leggi: Bitcoin valore euro aggiornato: quanto vale un Bitcoin?

Nello specifico, se decidete di usare l'ottimo Bitcoin Checker per Android, notate che dovete scegliere Cryptopia come exchange prima di selezionare PRL come valuta. Purtroppo, non è disponibile il cambio verso "euro": dobbiamo dunque accontentarci di PRL/BTC (Oyster Pearl/Bitcoin).

Gruppi di discussione

Per aggregare gli investitori italiani di Oyster Pear ho aperto un gruppo su Facebook:

» Visita: Oyster Pearl Italia (criptovaluta) su Facebook

Al momento l'attività è minima, ma spero che, con il trascorrere del tempo e l'aiuto degli altri utenti, possa diventare una risorsa utile per confrontarsi e scambiare opinioni su questo interessante progetto

Guadagnare cryptominer anti-pubblicità: come perché comprare subito Oyster Pearl (criptovaluta)

Per quanto riguarda i siti in inglese, /r/Oyster/ su Reddit è un po' il punto d'incontro internazionale, ricchissimo di domande dalle quali partire per approfondire le varie tematiche.