Nonostante il supporto a Windows 7 sia ormai terminato, Microsoft è ben conscia della realtà: pubbliche amministrazioni, governi e grandi aziende non potranno migrare ad una nuova versione di Windows in tempi brevi. Di conseguenza, il gruppo ha attivato Extended Security Updates (ESU): un servizio in abbonamento che consente di continuare a ricevere aggiornamenti per Windows 7 anche dopo la data di fine supporto. Vediamo quanto costa e cosa offre

Windows 7, fine supporto: come continuare ricevere aggiornamenti Extended Security Updates (ESU) - Windows Update Windows 7 Ricerca di aggiornamenti in corso...

Fine supporto Windows 7: cosa significa

Il 14 gennaio 2020 è la data ultima per il supporto a Windows 7. Banalizzando, questo significa che, da lì in avanti, Microsoft non distribuirà gli aggiornamenti tramite Windows Update al grande pubblico e non fornirà più assistenza telefonica oppure online. Per tutte le informazioni in merito, si veda questo approfondimento:

» Leggi: Windows 7, fine supporto: devo abbandonare Windows 7? quando è la data di "stop aggiornamenti"?

Windows 7, fine supporto: come continuare ricevere aggiornamenti Extended Security Updates (ESU) - windows 7 desktop

Come ricevere aggiornamenti per Windows 7 dopo la fine del supporto

Nonostante la fine del supporto, Microsoft ha attivato un programma a pagamento che fornisce tre anni di aggiornamenti di sicurezza, fino a gennaio 2023. Questo consente di mantenere protetti i PC che, per svariati motivi, non possano essere aggiornati ad una versione successiva del sistema operativo.

Detto programma è denominato Extended Security Updates (ESU).

Oltre alle patch di sicurezza, i PC coperti da ESU conserveranno la compatibilità con Office 365 e potranno dunque continuare ad eseguire la suite da ufficio in una configurazione di funzionamento pienamente certificata.

Chi può acquistare ESU

ESU è destinato esclusivamente a organizzazioni e aziende di grandi dimensioni, con un particolare sconto per i soggetti che abbiano attivo un contratto Software assurance (SA).

Non è dunque accessibile ai privati e, sebbene non siano ancora stati dettagliati i requisiti esatti, probabilmente non sarà disponibile per l'acquisto nemmeno alle piccole e medie imprese o agli uffici dotati di un numero limitato di postazioni PC.

A differenza delle precedenti opzioni di assistenza post-vita per Windows, il cui prezzo veniva contrattato singolarmente da ogni cliente, gli abbonamenti ESU di Windows 7 saranno venduti a tutti i clienti con le stesse modalità.

Windows 7, fine supporto: come continuare ricevere aggiornamenti Extended Security Updates (ESU) - finger_digit_tech_circle_blue

Le uniche due edizioni sulle quali è possibile attivare ESU sono:

  • Windows 7 Enterprise
  • Windows 7 Professional

ESU non può dunque essere attivato sulle varie declinazioni "Home" e nemmeno sulla "Ultimate".

Quanto costa ESU

Le organizzazioni con un contratto di licenza a volume attivo (Windows Enterprise) che sottoscriveranno ESU pagheranno un costo aggiuntivo che aumenterà progressivamente ogni anno:

  • primo anno: 25 $ per ogni PC
  • secondo anno: 50 $ per ogni PC
  • terzo anno: 100 $ per ogni PC

Per i clienti con licenza a volume, ESU è attivabile sui dispositivi con Windows 7 Enterprise oppure Windows 7 Professional allo stesso prezzo. Microsoft ha anticipato che le installazioni più grandi potranno concordare sconti puntuali con i commerciali di riferimento.

Le aziende che non avessero sottoscritto un contratto "a volume" possono accedere ad ESU per i propri PC Windows 7 Professional (l'edizione Enterprise è in vendita solo con licenza "a volume"). I costi sono però sensibilmente superiori:

  • primo anno: 50 $ per ogni PC
  • secondo anno: 100 $ per ogni PC
  • terzo anno: 200 $ per ogni PC

Windows 7, fine supporto: come continuare ricevere aggiornamenti Extended Security Updates (ESU) - windows 7 professional box

Chi decidesse di acquistare ESU durante il secondo o terzo anno dovrà pagare anche le quote degli anni precedenti.

Non esiste un limite minimo di acquisto per gli abbonamenti ESU, quindi le aziende potranno sottoscriverli nella misura necessaria a coprire le postazioni Windows 7 che desidereranno mantenere aggiornate.

Microsoft spera che l'imposizione di questi costi aggiuntivi sia un incentivo per le organizzazioni a utilizzare Windows Virtual Desktop per i propri sistemi Windows 7. Queste macchine virtuali ospitate sul cloud Azure, infatti, riceveranno gratuitamente gli aggiornamenti ESU; pertanto, a parte il costo della licenza di base e quello della macchina virtuale su cui verranno eseguiti gli aggiornamenti, non saranno richiesti pagamenti aggiuntivi.