I malware sono entrati nel tuo computer e non se ne vogliono proprio andare? Una scansione con Kaspersky Rescue Disk 10 potrebbe risolvere il tuo problema.

Perché devo fare una scansione antivirus da CD-ROM, o pendrive, avviabile?

Ci sono molti casi in cui il malware che ha infettato il nostro computer se ne impossessa a tal punto che è impossibile utilizzare qualsiasi programma, o utility, in grado di debellarlo.

A questo punto non ci rimane altro che agire da un supporto esterno, dotato di antivirus, in grado di fare il boot e avviare il nostro computer per eseguire un controllo completo e rimuovere il malware.

L'immagine ISO del CD di boot di Kaspersky Rescue Disk 10 è scaricabile da questo indirizzo, va masterizzata su un supporto adeguato in modo che il computer riesca ad avviarsi da esso, oppure si può trasferire su una pendrive utilizzando Rescue2usb e le istruzioni che trovate in questa pagina.

Funzionamento

All’avvio chiede di premere un tasto per accedere a un menu di scelta delle lingue dove trovate l’Inglese. Di seguito accettate la licenza con la pressione del tasto 1.

med

Arrivati a questo punto, scegliete il Graphic Mode, ma se non dovesse funzionare provate il Text Mode, il Rescue Disk dovrebbe allora avviarsi senza l'interfaccia grafica e (forse) potrete iniziare il controllo del sistema operativo.

med

Se non ci sono stati altri problemi con i driver e il CD è riuscito ad avviarsi, arriviamo finalmente all'interfaccia principale del Rescue Disk da cui, come prima cosa, avviamo l’aggiornamento delle definizioni virali. Se avete un collegamento con cavo ethernet non dovreste avere nessun problema ad aggiornare, mentre ho letto (ma non ho mai avuto modo di sperimentarlo) che le schede Wi-fi non sono supportate.

med

Passando agli Objects Scan si può scegliere cosa controllare.

med

Ora possiamo avviare la scansione di quello che abbiamo scelto e attendere.

med

Come per l’antivirus Kaspersky, quando è installato nel computer, compariranno vari messaggi colorati e alcuni avvisi per l’utente che lo inviteranno a compiere qualche scelta.

med

Al termine della scansione potremo consultare i dettagli di cosa è stato trovato e poi procedere all’eliminazione (Neutralize all). Nei report possiamo vedere, anche in forma grafica, tutti i tipi di malware trovati.

med

Altre funzioni

Tra le altre funzioni presenti nel Rescue Disk, troviamo Dolphin, un File Manager con cui possiamo cancellare malware particolarmente resistenti, o nel caso tutto sia andato storto, e il sistema operativo non si avvia più, possiamo recuperare i nostri documenti personali e salvarli prima di formattare tutto.

med

Possiamo accedere anche al registro di configurazione di Windows e rimuovere qualche chiave di registro, magari un malware in esecuzione automatica o un servizio rootkit che ci crea problemi.

med

Abbiamo a disposizione anche un browser, con cui trascorrere il tempo in attesa del termine della scansione, oppure recuperare informazioni da Internet sul malware che ci ha infettati.

med

Conclusioni

Ho usato il Kaspersky Rescue Disk in parecchie occasioni, anche su sistemi operativi molto compromessi e bloccati, si è sempre aggiornato senza problemi, anche in ambito aziendale. Oltre alla potenza dell’antivirus Kaspersky sono ottime le funzioni di editor del registro di Windows e la possibilità di recuperare/cancellare file dal computer.

Assolutamente consigliato, anche per un controllo occasionale, di ogni computer vogliate  verificare, l'unico problema potrebbe essere la mancanza di qualche driver che ne impedisca l'avvio, ma sino ad ora non mi ha mai tradito.