Ora disponibile: Windows 10 1903, Aggiornamento di Maggio 2019
0

La storia di Windows, anno 2013: Windows 8.1

Sul finire del 2012, Microsoft si trovava nuovamente al centro di un turbine di polemiche come non succedeva dai tempi di Windows Vista. Windows 8, arrivato sugli scaffali da pochi mesi, non soddisfaceva per nulla gli acquirenti di tablet e convertibili per i quali era stato pensato. Di più: lo stravolgimento dell'interfaccia grafica, resosi necessario per abilitare l'uso confortevole tramite touch, aveva completamente disorientato coloro che vi dovevano interagire tramite mouse e tastiera. Ecco quindi che l'azienda corse ai ripari approntando Windows 8.1: un maxi-pacchetto di aggiornamento finalizzato unicamente a soddisfare le richieste più pressanti degli utenti: tornarono così il pulsante Start, la visualizzazione del desktop all'avvio del PC e tanti altri perfezionamenti richiesti a gran voce dagli utenti di PC tradizionali

Leggi tutto...

0

Windows 10: Blocco note è già disponibile su Microsoft Store

Come già annunciato qualche giorno fa, Microsoft ha separato il Blocco note dal "pacchetto" Windows 10. Da ora in poi, quindi, il Blocco note verrà distribuito come app autonoma anche su Microsoft Store.

Leggi tutto...

0

Ora anche Microsoft ascolta i fatti tuoi

Dopo gli assistenti vocali Siri e Google Assistant, ora tocca a Microsoft fare la parte del curioso: secondo Motherboard, infatti, le conversazioni intercorse via Skype usando la relativa funzione di traduzione possono essere ascoltate dal personale dipendente dell'azienda di Redmond.

Leggi tutto...

0

LinkedIn annuncia la migrazione su Azure

LinkedIn ha annunciato il trasferimento della sua infrastruttura sul cloud pubblico di Microsoft Azure. La migrazione, che avrà una durata pluriennale, avviene a distanza di tre anni dall'acquisto di LinkedIn da parte l'azienda di Redmond per la cifra di 26,2 miliardi di dollari.

Leggi tutto...

0

Microsoft, fatturato record grazie ai servizi cloud

Il gigante tecnologico ha annunciato i risultati del quarto trimestre fiscale 2019, dove ha riportato un profitto record di 13,2 miliardi di dollari, con un aumento del 49% rispetto allo scorso anno. Gran parte del merito va alle vendite di Azure nella divisione Intelligent Cloud e di Surface nel segmento More Personal Computing.

Leggi tutto...

0

La storia di Windows, anno 1987: OS/2

Il marchio "Microsoft" è oggi cementificato nell'immaginario collettivo come l'azienda di Windows. Ma le cose sarebbero potute andare molto diversamente: fra la fine degli anni 80 e l'inizio dei 90 l'azienda stava infatti sviluppando un sistema operativo chiamato OS/2 che avrebbe dovuto soppiantare MS-DOS e Windows stesso, spingendo l'informatica in una direzione totalmente diversa da quella che conosciamo. Ma una serie di divergenze d'opinione con il partner IBM e il buon successo sul mercato di Windows 3.0 convinsero il gruppo di Bill Gates a sganciarsi dalla collaborazione, lanciando il proprio lavoro coin il nome di Windows NT. IBM portò avanti OS/2 in autonomia, senza però mai raggiungere la massa critica necessaria a scalzare l'ex-partner, divenuto nel frattempo uno scomodo e potentissimo rivale. Sembra un romanzo, ma è la storia di OS/2

Leggi tutto...

0

Trump ha cambiato idea: le aziende USA possono vendere a Huawei

Il caso Trump VS Huawei si arricchisce di un altro esilarante capitolo. Qualche ora fa, infatti, il presidente degli Stati Uniti ha cambiato le carte in tavola, ammorbidendo la sua posizione nei confronti del colosso cinese e dichiarando che le società statunitensi possono tornare a vendere a Huawei componenti e parti aggiuntive.

Leggi tutto...

0

Microsoft e Intel confermano il supporto ai PC Huawei

Sebbene il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti abbia incluso Huawei nella "black list" delle entità commerciali, Microsoft e Intel hanno dichiarato che continueranno a fornire aggiornamenti software ai dispositivi dell'azienda cinese.

Leggi tutto...

1

Windows To Go: deprecato in Windows 10 1903, verrà presto rimosso completamente

Microsoft ha annunciato che Windows To Go (WTG) non verrà più sviluppato e, in futuro, verrà definitivamente rimosso da Windows 10

Leggi tutto...

0

Windows 10: problemi con i dispositivi Bluetooth dopo l'update dell'11 giugno 2019

Microsoft informa che, in seguito all'installazione degli aggiornamenti di sicurezza rilasciati in data 11 giugno 2019 o successivi, potrebbero verificarsi problemi di abbinamento, connessione o utilizzo di alcuni dispositivi Bluetooth.

Leggi tutto...

0

Con Skype condividi lo schermo del tuo smartphone durante le videochiamate

Microsoft sta introducendo una nuova funzionalità per Skype su iOS e Android, che consentirà agli utenti di condividere lo schermo del proprio smartphone durante le videochiamate.

Leggi tutto...

1

Windows 10: Your Phone sincronizza le notifiche da smartphone Android

Microsoft ha iniziato ad implementare un aggiornamento dell'app Your Phone in Windows 10 che consente di sincronizzare le notifiche del telefono, oltre alle foto e agli SMS recenti.

Leggi tutto...

0

Paint non verrà rimosso da Windows 10 (almeno per ora)

Verso la fine del 2017, Microsoft aveva iniziato a mostrare un avviso all'interno di Paint comunicando agli utenti che il programma di grafica sarebbe stato presto spostato in Microsoft Store. In questi giorni, il sito italiano di tecnologia HTNovo ha chiesto informazioni sulla sorte di Paint, non essendovi più alcuna traccia del suddetto avviso sui dispositivi che eseguono Windows 10 1903

Leggi tutto...

Windows 7, fine supporto: devo abbandonare Windows 7? quando è la data di "stop aggiornamenti"?

Windows 7 è stato un grande sistema operativo. Ma oggi è un prodotto obsoleto: il periodo di "supporto esteso" a Windows 7 è infatti ormai concluso. Di conseguenza, Microsoft interromperà presto la distribuzione di tutti gli aggiornamenti (patch di sicurezza incluse). Vediamo allora nel dettaglio quando finirà il supporto di Windows 7, quali ripercussioni concrete ci saranno su noi utenti e rispondiamo (senza luoghi comuni) alla domanda "Devo davvero abbandonare Windows 7?"

Leggi tutto...

0

Microsoft Defender è il nuovo antivirus per Mac

Microsoft sta estendendo la portata dell'applicazione anti-malware Windows Defender anche a Mac e non è escluso che in futuro l'antivirus possa essere utilizzato anche su altre piattaforme.

Leggi tutto...

0

La storia di Windows, anno 2012: Windows 8

Sul finire del 2009, Microsoft stava raccogliendo elogi sia dalla stampa, sia dagli iper-critici utenti appassionati come non succedeva da tempo. Il nuovo Windows 7 -disponibile al grande pubblico da pochi mesi- funzionava bene e piaceva un po' a tutti, a tal punto da riaccendere l'interesse del pubblico per i PC tradizionali. Ma l'idillio durò poco e l'azienda, spiazzata da una mossa imprevedibile della concorrenza, tentò di correre ai ripari: il risultato un disastro chiamato Windows 8.

Leggi tutto...

8

Windows 10 1809 cancella i Documenti dal PC: distribuzione sospesa

Pare proprio che la procedura di aggiornamento al nuovo Windows 10 1809 (Aggiornamento di Ottobre 2018) abbia almeno un difettuccio decisamente grave: in talune circostanze, l'upgrade elimina i file personali degli utenti. Microsoft ne ha dunque sospeso la distribuzione automatica

Leggi tutto...

5

La storia di Windows, anno 2000: Windows 2000

Mentre il pubblico "home" si arrabattava fra una schermata blu di Windows 95 e un ma-perché-non-parte-più? con Windows 98, i professionisti potevano contare da tempo su di una famiglia di sistemi operativi (editi dalla stessa Microsoft) di livello completamente diverso: Windows NT. E fu proprio l'iterazione di Windows NT lanciata alle porte del nuovo millennio a gettare le basi per il futuro: nasceva infatti il 15 dicembre 1999 Windows 2000. Un prodotto di importanza cruciale, poiché sarebbe divenuto la base di tutte le generazioni successive, comprese quelle moderne

Leggi tutto...

4

La storia di Windows, le origini: MS-DOS

Prima dell'avvento di Windows, Microsoft commercializzò un altro sistema operativo. Anch'esso, come il suo successore, ebbe un successo planetario e diventò la piattaforma di riferimento in ambito PC, introducendo un livello di standardizzazione indispensabile per la crescita di tutto il settore. Correva l'anno 1981, e il giovane Bill Gates poneva le basi del successo futuro della propria azienda con MS-DOS, acronimo di Microsoft Disk Operating System. L'aspetto curioso è che, contrariamente a quanto sostiene "la leggenda", Gates e soci non lo realizzarono internamente: in realtà, si limitarono ad acquistare un software preesistente che venne poi rimarchiato e ceduto in licenza ad IBM. Fu la prima di molte scelte commerciali e tecnologiche vincenti, tali da portare Microsoft a dominare, pressoché incontrastata, la scena PC dagli anni 90 in poi

Leggi tutto...

0

La storia di Windows, anno 1985: Windows 1.0

I primi anni ottanta furono un periodo di grande fermento per il nascente mercato dei "Personal Computer" (PC). Microsoft assunse un ruolo di primo piano fin da subito grazie alla profittevole partnership con IBM ma, nonostante l'inarrestabile successo già ottenuto con MS-DOS, Bill Gates e soci conservarono l'entusiasmo e continuarono a sviluppare ed investire in un nuovo prodotto: fu così che, il 20 novembre 1985, arrivò il capostipite del sistema operativo per PC leader del mondo moderno: Windows 1.0

Leggi tutto...

Da MS-DOS ad oggi: La storia completa di Windows

Il nostro viaggio nella storia dei sistemi operativi Microsoft per PC inizia da MS-DOS (o da MIDAS?), per poi proseguire con Windows 1.0, OS/2, Windows NT e le tante versioni successive. Incontreremo progetti abbandonanti come Windows 96, Windows Neptune e Windows Odyssey, fino a superare la generazione attuale per qualche anticipazione sul futuro

Leggi tutto...

0

Come verificare gli accessi effettuati a un account online Microsoft e trovare quelli sospetti

Con un singolo account Microsoft potete accedere a tutti i servizi digitali, come Skype, lo Store per installare le App, OneDrive e tanto altro, se sospettate che qualcuno via abbia rubato le credenziali, e li stia utilizzando a vostra insaputa, è possibile controllare le attività più recenti per verificare da quale parte del mondo provengono e quando sono state fatte.

Leggi tutto...

0

La storia di Windows, anni 1998 e 1999: Windows 98 e Windows 98 Second Edition

Windows 98 (nome in codice: Memphis) fu il diretto discendente del fortunatissimo Windows 95. Microsoft ripartì proprio da quest'ultimo, mantenendo l'architettura ibrida 16/32 bit ancora largamente basata su MS-DOS e l'interfaccia grafica caratterizzata da menu Start e desktop: due concetti introdotti proprio da Windows 95. Allo stesso tempo, l'azienda integrò nativamente Internet Explorer nel cuore del sistema operativo, schiacciando il browser web concorrente (Netscape Navigator) e cementificando la propria posizione come sistema operativo di riferimento per il pubblico "home". Il risultato fu un successo planetario, tale da costringere il gruppo ad estendere di alcuni anni la data di fine supporto

Leggi tutto...

5

La storia di Windows, anno 2000: Windows ME (Millennium Edition)

Sul finire degli anni Novanta, i piani di Microsoft erano chiari: Windows 98 sarebbe stato l'ultimo sistema operativo basato su MS-DOS. Ma, in concreto, il progetto di migrare il pubblico "home" al più robusto kernel di Windows NT si rivelò nettamente più ostico del previsto: Windows 2000 era un prodotto dalle caratteristiche spiccatamente "business", mentre il codice che sarebbe poi divenuto Windows XP attraversava soltanto lo stadio di progettazione. Cosa fare, allora, per rispondere alla necessità di un sistema operativo più moderno di Windows 98 ed alimentare il flusso di cassa capitalizzando sulla rivoluzione digitale in atto? La risposta del colosso del software arrivò fra giugno e settembre 2000 sottoforma di Windows ME... uno dei prodotti più criticati nella storia di Windows

Leggi tutto...

8

La storia di Windows, anno 2009: Windows 7

Fra il 2008 e il 2009, l'industria tecnologica stava vivendo in pieno la transizione fra il computer tradizionale ed i dispositivi mobili che, oggi, vanno per la maggiore fra il grande pubblico. Sebbene la rivoluzione iniziata da iPhone fosse già in atto, il mercato dei tablet non sarebbe esploso fino all'anno successivo con il debutto di iPad. Nel frattempo, Android si mostrava solo in una versione 1.x ancora molto acerba e dalla diffusione irrilevante. Di conseguenza, l'interesse dei consumatori per i computer in senso stretto rimaneva elevato, soprattutto grazie al formato dei piccoli "netbook" super-economici. Microsoft, dal canto proprio, si trovava ad affrontare una situazione difficile proprio in ambito PC, ovvero il campo di battaglia dove la software house rimane ancora leader incontrastata: nonostante fossero trascorsi quasi tre anni dalla disponibilità pubblica di Windows Vista, moltissimi utenti avevano scelto di rimanere legati alla generazione precedente, in un'atmosfera di incertezza e scarsa fiducia nel marchio "Windows" che stava penalizzando le vendite. È in questo contesto che, fra luglio e ottobre 2009, Microsoft rilasciò la versione finale di Windows 7. Un sistema operativo caricato di un fardello davvero pesante: riabilitare Windows da un flop di dimensioni epocali chiamato Windows Vista.

Leggi tutto...