Nonostante il grande interesse del pubblico per gli smartphone Android e iOS, c'è ancora un ampio mercato di professionisti, studenti e power-user che desidera e necessita di un notebook con Windows 10 per lavorare, programmare, fare i compiti o preparare gli esami. Dopo aver speso oltre 60 ore in prove pratiche, ricerche, comparazioni, recensioni, opinioni degli utenti sui forum e sui siti di shopping, ho sintetizzato il risultato in una serie di raccomandazioni semplici e dirette. Vediamo allora quali sono i migliori notebook del 2019 per lavorare, studiare e giocare

Migliori notebook 2019: guida scelta PC portatile - migliori notebook portatili 2019 spotlight

Migliore notebook prezzo/prestazioni 2019 : Huawei Matebook D 14 (variante AMD, 559 €)

Se cercate il miglior rapporto prezzo/prestazioni in un notebook del 2019, non ho dubbi: dopo oltre 8 ore di comparazioni ed averne acquistato uno io stesso come PC per il tempo libero, ritengo che Huawei Matebook D 14" nella variante con processore AMD Ryzen sia la scelta ideale nella fascia sotto i 600 €

» Acquista: Huawei Matebook D 14 (variante AMD) su Amazon

Migliori notebook 2019: guida scelta PC portatile - Huawei Matebook D notebook

Il bellissimo corpo in metallo si ispira (per non dire "copia spudoratamente") i Macbook Pro di Apple. Tuttavia, questa è una macchina di fascia media, che ci accompagnerà comunque con soddisfazione nelle attività "home", studio e ufficio grazie all'allegro processore AMD Ryzen 2500U (4 core/8 thread, 2 GHz con boost a 3.6 GHz), 8 GB di RAM e un SSD da 256 GB.

La GPU integrata è una AMD Radeon RX Vega 8, che garantisce risultati superiori di almeno il 50% rispetto alla UHD Graphics 620 di Intel.

È uno dei pochissimi sistemi che coniuga una CPU più che decorosa, 8 GB di RAM e un SSD capiente pur rimanendo al di sotto dei 600 €. Scegliere un vecchio "hard disk" a piatti rotanti solo perché fa risparmiare 50 o 100 € è oggi una follia, persino sulle macchine di fascia budget.

In vero, l'SSD utilizza l'interfaccia SATA, e non la più moderna e veloce NVMe. Tuttavia, NVMe rimane ancora fuori portata per questa fascia di prezzo.

Lodevole la presenza di uno schermo LED IPS da 14", full HD (1920x1080 pixel), con cornici relativamente ridotte. Purtroppo la luminosità massima lascia un po' a desiderare e l'accuratezza dei colori è inadeguata per chi debba svolgere elaborazioni grafiche di precisione. Nulla di realmente critico per l'utente medio, ma i più attenti alla qualità del pannello farebbero meglio a guardare altrove.

L'assortimento di porte è buono:

  • 1x USB 3.1 Gen. 1 (type-C)
  • 1x USB 3.0 (Type-A)
  • 1x USB 2.0 (Type-A)
  • 1x HDMI 2.0
  • 1x Jack per cuffie

Da notare che la porta USB type-C viene occupata dall'alimentatore, e non è dunque disponibile quando il PC è collegato alla presa elettrica. Inoltre, è solo USB 3.1 Gen. 1, non Thunderbolt 3: non potremo dunque collegare le nuovissime periferiche esterne ad alta velocità. Per molti di noi è irrilevante, ma è bene tenerlo a mente. In compenso, supporta la modalità alternativa DisplayPort: può dunque essere sfruttata per collegare uno schermo esterno 4K (UHD) che, in alcuni casi, riuscirà anche a fornire l'alimentazione.

La porta HDMI è stata upgradata alla versione 2.0 rispetto alla 1.4 presente sulla declinazione con CPU Intel: ci consente dunque di collegare uno schermo esterno 4K ed utilizzarlo alla frequenza di refresh ottimale di 60 Hz.

Una delle due porte Type-A (quelle "classiche" rettangolari) è di tipo "USB 2.0": è valida oggi solo per mouse, tastiera o vecchissime memorie USB della stessa generazione. Per tutto il resto, è decisamente meglio preferire l'altra, USB 3.0.

La tastiera è retroilluminata, con due livelli di potenza selezionabili. Purtroppo, però, i tasti hanno una corsa decisamente breve e risultano dunque piuttosto rumorosi: chi inserisca molto testo vorrà provarla in prima persona prima di acquistare.

La variante AMD non ha il lettore di impronte integrato nel tasto di accensione.

L'autonomia lontano dalla presa di corrente è in linea con i modelli di fascia alta: si assesta infatti attorno alle 9-10 ore di uso reale.

Buono il fattore di forma: lo spessore di 15,8 mm per un totale di 1,47 kg lo rendono accettabilmente comodo anche da trasportare.

Nel complesso, Huawei Matebook D 14" è un'ottima scelta che soddisferà la maggior parte delle necessità tipiche del pubblico non-professionale di riferimento.

» Acquista: Huawei Matebook D 14 (variante AMD) su Amazon

Migliore notebook 2019: ASUS ZenBook UX333FN (789 €)

Se però il Huawei appena indicato non è più disponibile, il prezzo si discosta troppo da quello indicato o, semplicemente, si desidera un notebook più piccolo, leggero e dalle finiture "premium", è opportuno guardare altrove.

Se il budget lo permette, la mia raccomandazione spassionata quale migliore notebook 2019 va a ASUS ZenBook UX333FN:

» Acquista: ASUS ZenBook UX333FN su Amazon

Migliori notebook 2019: guida scelta PC portatile

Davvero: se siete indecisi e non sapete cosa scegliere, questo è il modello che consiglio a chiunque mi chieda "Quale notebook comprare nel 2019?".

Capiamoci: non è il più veloce in assoluto, né il più leggero o "il più economico". Ma, dopo 16 ore investite in ricerche, confronti e analisi, nonché aver comprato e usato in prima persona il modello equivalente dell'anno scorso (ora regalato a mia moglie), non ho trovato alcun concorrente che riesca a bilanciare tutte queste caratteristiche in modo altrettanto ottimale, mantenendo il prezzo entro gli 800 €.

Sono disponibili varie configurazioni: quella che raccomando espressamente monta Intel Core i5-8265U (4 core/8 thread, 1.60 GHz con boost a 3.90 GHz), 8 GB di RAM e SSD da 256 GB. Finalmente, il disco utilizza la veloce interfaccia NVMe e offre una velocità di picco pari al doppio rispetto all'SSD SATA presente a bordo della generazione precedente.

Il display è un buon LED IPS full HD non-touch da 13.3" capace di coprire praticamente il 100% della gamma colore sRGB e oltre il 60% di AdobeRGB: la riproduzione è dunque sempre piuttosto fedele. Peccato per la luminosità massima: ci si ferma a soli 260 nit, quindi sarà difficile lavorare all'aperto o con una forte sorgente luminosa a perpendicolo.

C'è una GPU dedicata: si tratta di NVIDIA MX150 con 2 GB di DDR5, che rende le prestazioni grafiche superiori del 100% rispetto ai concorrenti che si appoggiano alla Intel UHD Graphics 620 integrata sulla CPU. Possiamo dunque far girare persino qualche gioco non troppo esigente, fino quando abbiamo aspettative realistiche: la GPU è comunque di fascia economica (fra quelle dedicate) e lo spessore estremamente ridotto impone restrizioni termiche che limitano le performance.

Un importante punto di forza sono le cornici di plastica strettissime attorno al monitor (persino quella sul lato inferiore!), che permettono di ottenere un rapporto fra l'area visibile ed il corpo da record: 95%. Oltre al colpo d'occhio, estremamente moderno e gradevole, la riduzione dei bordi ha consentito di restringere ulteriormente il corpo e ridurre il peso ad appena 1.09 kg. La trasportabilità è quindi ai massimi livelli ottenibili.

Questa la dotazione di porte:

  • 1x USB 3.1 Gen. 2 Type-C
  • 1x USB 3.1 Gen. 2 Type-A
  • 1x USB 2.0 Type-A
  • 1x HDMI
  • 1x lettore schede MicroSD
  • 1x Alimentazione
  • 1x Jack per cuffie

Proprio la porta USB type-C è una delle principali (uniche?) delusioni:

  1. è una buona USB 3.1 Gen. 2 da 10 Gbps, ma non supporta Thunderbolt 3: non potremo dunque collegare le nuovissime periferiche esterne ad alta velocità. Per molti di noi è irrilevante, ma è bene tenerlo a mente
  2. non supporta la modalità alternativa DisplayPort, e non è dunque utilizzabile per collegare un monitor esterno
  3. non supporta il Power delivery: dovremo dunque utilizzare sempre l'alimentatore con connettore proprietario

Per quanto riguarda un eventuale schermo esterno possiamo ripiegare sulla HDMI.... che però, essendo in versione 1.4 e non 2.0, non consente di sfruttare un eventuale monitor 4K (UHD) alla frequenza di refresh ottimale di 60 Hz.

Una delle due porte Type-A (quelle "classiche" rettangolari) è di tipo "USB 2.0": è valida oggi solo per mouse, tastiera o vecchissime memorie USB della stessa generazione. Per tutto il resto, è decisamente meglio preferire l'altra, USB 3.1.

Non c'è il lettore di impronte digitali, ma la webcam è compatibile RealSense: offre dunque il riconoscimento facciale del proprietario tramite Windows Hello per lo sblocco e l'accesso rapido senza bisogno di inserire la password.

La durata della batteria è pienamente soddisfacente: ci si asseta attorno alle 9-10 ore di uso reale, che però scendono rapidamente in caso si sforzi il comparto grafico causando l'attivazione della GPU dedicata.

La tastiera, retroilluminata, offre tasti con una corsa da 1.4 mm che restituisce buone sensazioni tattili. Inoltre, l'apertura dello schermo inclina leggermente il corpo verso l'utente, rendendo più ergonomica la posizione e migliorando il flusso di aerazione. Il touchpad, senza tasti fisici e compatibile con la specifica Microsoft Precision, consente di attivare un piccolo tastierino numerico in sovraimpressione che facilita l'inserimento dei numeri: una trovata simpatica, utile a chi fa molti calcoli.

Per tutti questi motivi, non ho dubbi: ASUS ZenBook UX333FN è il miglior notebook del 2019 e un acquisto sicuro un po' per tutti

» Acquista: ASUS ZenBook UX333FN su Amazon

A chi preferisse uno schermo leggermente più grande, segnalo ASUS ZenBook UX433FN da 829 €. È identico al modello appena trattato, se non per lo schermo da 14" al posto di quello da 13.3"

» Acquista: ASUS ZenBook UX433FN su Amazon

Migliore notebook di fascia alta 2019: Dell XPS 13 7390 (1.249 €)

Il notebook ASUS ZenBook raccomandato per questo 2019 è talmente valido da rendere i più costosi concorrenti di fascia superiore davvero difficili da consigliare. Chi però avesse bisogno imprescindibile di almeno una delle seguenti funzionalità deve per forza scegliere qualcos'altro:

  1. porta ThunderBolt 3
  2. ricarica tramite USB type-C
  3. output video verso monitor 4K (UHD) alla frequenza ottimale di 60 Hz
  4. utilizzo di 2 o più monitor esterni
  5. lettore di impronte digitali
  6. schermo più luminoso

Fra i notebook ultraportatili che rispondono a tutte queste necessità, non ho dubbi: per il secondo anno consecutivo, Dell XPS 13 7390 è il migliore notebook 2019 di fascia alta

» Acquista: Dell XPS 13 7390 su Amazon

Migliori notebook 2019: guida scelta PC portatile

Sono disponibili molte varianti, ma quella che consiglio monta la CPU Intel Core i5-10210U: si tratta di un processore di "decima generazione", la più recente al momento in cui scrivo. Dell XPS 13 è uno dei pochissimi ad offrirlo. Completano la dotazione 8 GB di RAM e SSD da 256 GB. Non vale la pena di andare oltre: i prezzi decollano rapidamente e le limitazioni termiche dettate dallo chassis estremamente ridotto non consentono di mantenere la velocità massima a lungo.

Per quanto riguarda lo schermo: XPS 13 è disponibile anche in una più costosa variante a risoluzione "4K" (UHD) con supporto "touch". Non la consiglio: a parte il fatto che è acquistabile solo in abbinata al più costoso Intel i7, la "full HD" (1920x1080) rimane ancora preferibile sui display degli ultrabook da 13": la differenza è poco significativa su una diagonale tanto ridotta, e la full HD ha un impatto inferiore sulla batteria, a tutto vantaggio dell'autonomia lontano dalla presa di corrente. Inoltre, la configurazione full HD pesa meno, aspetto sempre importante in un ultraportatile come questo.

Il display ha una luminosità massima superiore ai 350 nit, quindi rimane sufficientemente visibile anche all'aperto.

La dotazione di porte è estremamente moderna:

  • 2x Thunderbolt 3 (4 linee PCI Express Gen 3) che supporta: erogazione di alimentazione, Thunderbolt 3 (40 Gb/s bidirezionale), USB 3.1 Gen 2 (10 Gb/s), uscita video DisplayPort 1.2 nativa, VGA, HDMI, Ethernet e USB-A tramite Dell Adapter (venduta separatamente)
  • 1x USB type-C 3.1 Gen. 2
  • 1x lettore schede MicroSD
  • 1x Jack per cuffie

Le porte Thunderbolt 3 supportano l'output video tramite adattatore DisplayPort o HDMI 2.0: potremo così collegare fino a 2 monitor esterni, anche 4K (UHD), ed utilizzarli alla risoluzione nativa con la frequenza ottimale di 60 Hz.

Le 3 USB type-C possono essere usate per l'alimentazione: il caricatore fornito in dotazione è infatti di questo tipo e non impiega un connettore proprietario.

Non vi sono altre uscite video, né USB "classiche" (type A): dobbiamo dunque utilizzare l'adattatore (dongle), fornito in dotazione, persino per collegare le semplici memorie USB, le stampanti o il ricevitore per il mouse. Attenzione dunque a non perderlo e a non dimenticarlo a casa.

Novità di questa generazione: la webcam è incastonata in alto nello schermo, dove ci si aspetta, e non inquadra più "dentro le narici" come invece succedeva in passato. Ha però perso il riconoscimento facciale grazie al quale eseguire login e sblocco del PC senza bisogno di inserire la password. Allo scopo, si usa il lettore di impronte digitali integrato sul tasto di accensione.

La tastiera retroilluminata (tre livelli di potenza selezionabili) è buona, ma i tasti hanno una corsa decisamente ridotta. Non siamo agli accessi spacca-dita dei MacBook, ma chi immetta lunghi testi farebbe meglio a provarla in prima persona prima di acquistare.

Le strettissime cornici dello schermo, lo spessore sottile del corpo e la compattezza estrema sono le caratteristiche distintive di questo stupendo portatile. Il ZenBook di quest'anno batte però il Dell in quanto a dimensioni (è un pochino più compatto), peso e persino la caratteristica "strettezza" delle cornici. Ciò nonostante, rimaniamo su ottimi livelli.

In definitiva: ASUS ha recuperato molto terreno, ma l'assenza delle porte Thunderbolt 3 e dell'output video tramite USB rimangono gravi carenze, alle quali il modello Dell è immune. Per noi utenti è dunque sufficiente capire se queste feature sono necessarie al nostro workflow quotidiano per scegliere l'uno o l'altro.

» Acquista: Dell XPS 13 7390 su Amazon

Migliore notebook massime prestazioni 2019: Dell XPS 15 7590 (1.799 €)

I notebook presentati fino ad ora sono leggeri, ultra-comodi da trasportare ed eccellenti per studiare e lavorare in un contesto "di tutti i giorni". Vi sono però alcune categorie professionali che potrebbero aver bisogno di performance più spinte: penso, in particolare, a chi debba montare video a risoluzione 4K (UHD), eseguire rendering 3D con AutoCAD, Cinema 4D o 3D Studio Max, simulazioni complesse oppure la conversione di flussi audio-video in tempo reale. Anche i programmatori, impegnati su progetti composti da migliaia di file diversi, vorranno scegliere un PC ad alte prestazioni.

A tutti costoro raccomando un PC fisso, magari in abbinata a Desktop remoto: spenderanno sensibilmente meno e avranno performance drasticamente superiori. Se però rimanere mobili è un'esigenza imprescindibile, serve un notebook "massime prestazioni".

Ebbene: in questo momento, ritengo che Dell XPS 15 7590 sia il migliore notebook del 2019 nella categoria "performance". Parlo per esperienza diretta: ho chiesto all'azienda per la quale lavoro di fornirmi specificamente questo modello, e lo uso ora quotidianamente per le attività produttive con estrema soddisfazione

» Acquista: Dell XPS 15 7590 su Amazon

La forza di questa macchina nasce dalla CPU: non adotta infatti un modello della famiglia "U", ottimizzata per consumare meno batteria e massimizzare l'autonomia del notebook lontano dalla presa elettrica. Al contrario: la configurazione consigliata monta un Intel Core i7-9750H progettato per garantire le prestazioni massime grazie alla frequenza base di 2.60 GHz (4.50 GHz in Turbo Boost) e 6 core fisici (12 thread via Hyper-threading). Il risultato è un drammatico +30% circa di velocità rispetto ad un Core i7 della linea a basso consumo.

La dotazione di RAM è pari a 16 GB (DDR4 a 2.666 MHz), suddivisi in 2 banchi da 8 GB: è un bene (si attiva il dual channel, che offre un pochino di velocità in più con talune applicazioni) ma implica anche che non vi siano altri slot liberi. Di conseguenza, in caso volessimo successivamente passare a 32 GB, sarà necessario sostituire entrambi i banchi, e non "affiancare" quello nuovo.

Per quanto riguarda lo storage, troviamo un velocissimo SSD NVMe in formato M.2. La capacità è di 512 GB: dovrebbe essere più che adeguata nella maggior parte dei contesti professionali.

Per tutti gli altri dettagli, rimando alla mia video-review completa:

» Leggi: Il migliore notebook ad alte prestazioni per programmare e montare video: recensione Dell XPS 15 7590 (modello 2019)

Per tutti questi motivi, ritengo che Dell XPS 15 7590 sia il migliore notebook del 2019 nella categoria "performance" e lo raccomando a tutti i professionisti in ascolto che debbano svolgere operazioni computazionalmente intense anche in mobilità

» Acquista: Dell XPS 15 7590 su Amazon

Migliore notebook 2019 sotto i 500 €: Vari

La mia primissima raccomandazione a chi avesse un budget inferiore ai 500 € è di valutare un notebook dell'anno scorso: si tratta di PC eccellenti, che spesso si trovano oggi in super-offerta a causa della necessità di svuotare i magazzini per far posto alla nuova generazione. I miei consigli specifici sono qui:

» Leggi: I migliori notebook dell'anno scorso: come risparmiare acquistando un portatile di generazione precedente

Migliori notebook 2019: guida scelta PC portatile - migliori notebook 2018 spotlight

In caso non trovaste nessuno dei PC consigliati l'anno scorso in offerta, stra-suggerisco di attendere e accumulare qualche euro per affrontare la spesa di un buon sistema di fascia media come quello presentato in apertura. Vedetelo come un piccolo investimento in qualcosa di utile, che vi farà risparmiare tempo, lavorare e studiare meglio. Inoltre, un buon notebook vi durerà parecchi anni, mentre un modello di "super-budget" dovrà essere sostituito prima perché divenuto obsoleto.

Ciò detto, capisco che vi siano situazioni "di emergenza" nelle quali uno studente, un disoccupato o qualcuno con limitate possibilità di spesa abbia bisogno di un notebook ultra-economico subito, e non possa permettersi nemmeno il lusso di ottimizzare il costo. Nella fascia economica si trovano davvero un mare di "ciofeche", motivo per cui ho dedicato un articolo specifico ai migliori notebook 2019 per spendere poco:

» Leggi: Il migliore PC portatile / notebook economico che posso comprare

Migliori notebook 2019: guida scelta PC portatile - Acer Aspire 5 A515-52-3973 Notebook

Migliore notebook da gaming 2019: Acer Predator Helios 300 (1.549 €)

I portatili fin qui consigliati sono in grado di far girare parecchi videogiochi in modo "decoroso", a patto di abbassare la risoluzione, il livello dei dettagli e accettare marcati rallentamenti in alcune situazioni. Ma per giocare davvero "alla grande" serve un notebook espressamente studiato per il "gaming": una categoria caratterizzata da modelli costosi, poiché montano componenti di fascia alta e una GPU dedicata (AMD o Nvidia) che, da sola, innalza il prezzo di alcune centinaia di euro. Inoltre, i notebook ottimizzati per i videogiochi tendono ad essere più spessi, pesanti, con grosse cornici di plastica attorno allo schermo e un'estetica palesemente studiata per i ragazzi più giovani, decisamente ridicola in una riunione di lavoro oppure all'interno di un'aula studio. Non dimentichiamo infine che l'autonomia della batteria si attesta attorno alle 4-5 ore, persino se svolgiamo attività poco impegnative.

In definitiva: sono fortemente convinto che la maggior parte di noi ottenga l'esperienza d'uso migliore, al minor prezzo, scegliendo uno dei notebook ottimizzati per la mobilità indicati in precedenza, lasciando i videogiochi ad una console dedicata (PlayStation o Xbox) oppure al PC fisso. Ciò premesso: se siamo alla ricerca del migliore notebook 2019 per il gaming, esistono un paio di opzioni che ci permetteranno di videogiocare in modo accettabile anche fuori casa senza prosciugare il conto corrente.

Per il secondo anno consecutivo, la mia preferenza quale "migliore gaming notebook" va a Acer Predator Helios 300:

» Acquista: Acer Predator Helios 300 su Amazon

Migliori notebook 2019: guida scelta PC portatile - Acer Predator-Helios-300 2019

Per circa 1.600 € portiamo a casa un portatile motorizzato da Intel Core i7-9750H (6 core/12 thread, 2.60 GHz / 4.50 GHz in Turbo Boost), 16 GB di RAM DDR4, Nvidia GTX 1660 Ti da 6 GB GDDR6 e SSD NVMe da 256 GB. È inoltre possibile installare un secondo disco fisso o SSD in modo piuttosto semplice.

La "superstar" è però il bellissimo display IPS full HD da 15.6" con frequenza di aggiornamento (refresh rate) a 144 Hz: nel gaming fa assolutamente la differenza, e sono pochi i concorrenti in grado di offrirlo a questo prezzo.

Le opinioni degli autori specializzati e dei clienti su utenti su Amazon sono concordi nel riportare un livello di prestazioni ottimale e consistente: l'impianto di raffreddamento è in grado di mantenere le temperature sotto controllo, evitando così i rallentamenti persino dopo varie ore di gaming frenetico.

Il corredo di porte è completissimo:

  • 1x USB 3.1 Gen 2 (USB type-C)
  • 3x USB 3.1 Gen 1 (USB type-A)
  • 1x HDMI 2.0
  • 1x Mini-DisplayPort
  • 1x Ethernet
  • 1x Alimentazione
  • 1x Jack per cuffie

La porta HDMI 2.0 consente di collegare display 4K (UHD) alla risoluzione nativa e refresh rate ottimale di 60 Hz. La mini-DisplayPort supporta invece anche monitor compatibili con NVIDIA G-Sync ad un refresh rate massimo di 240 Hz.

» Acquista: Acer Predator Helios 300 su Amazon

Ai videogiocatori che cercassero un'alternativa meno costosa segnalo invece HP OMEN 15-dc1020ng da 1.134 €

Migliori notebook 2019: guida scelta PC portatile - HP OMEN 15-dc1020ng

Monta CPU e GPU di classe inferiore, meno RAM e, soprattutto, un classico schermo da 60 Hz invece di quello a 144 Hz della mia prima scelta. Non garantisce dunque lo stesso livello qualitativo, ma si tratta comunque di una soluzione interessante per chi non potesse permettersi di accedere alla fascia superiore e fosse disposto ad accettare queste limitazioni per risparmiare circa 400 €.

» Acquista: HP OMEN 15-dc1020ng su Amazon

Migliore notebook 2-in-1 2019: Lenovo Yoga 530 (699 €)

Un notebook 2-in-1, dotato di schermo touch reclinabile all'indietro e supporto alla scrittura tramite pennino (stylus) si rivela molto utile per prendere appunti, disegnare diagrammi, schemi o illustrazioni. Per gli studenti, è una caratteristica altamente desiderabile: parlo per esperienza diretta, avendo preparato io stesso molti esami dell'università esclusivamente in questo modo!

Ebbene: il migliore notebook 2-in-1 del 2019 è Lenovo Yoga 530

» Acquista: Lenovo Yoga 530

Migliori notebook 2019: guida scelta PC portatile - lenovo yoga notebook convertibile 2-in-1

È motorizzato da CPU AMD Ryzen 7 2700U (4 core/8 thread, 2.2 GHz con boost a 3.8 GHz), 8 GB di RAM e SSD da ben 512 GB che parrebbe avere interfaccia NVMe, da quanto ho capito cercando fra le testimonianze degli utenti (l'informazione non è disponibile sul sito ufficiale).

Lo schermo da 14" con risoluzione full HD è sensibile al tocco. Possiamo dunque interagire con gli elementi di Windows e con i programmi anche toccandoli con le dita, invece che tramite mouse o touchpad. Inoltre, lo schermo è ripiegabile all'indietro di 360° per consentirci di scrivere con la penna dedicata, qui di tipo "attivo" per la massima precisione. Finalmente, Lenovo la include in dotazione, invece di costringerci ad acquistarla a parte per altri 50-80 € come succedeva in passato.

La luminosità massima, pari a 233 nit, è un pelino bassa, ma lo si nota solo nell'uso all'aperto.

Per quanto riguarda le porte, troviamo:

  • 1x USB type-C
  • 2x USB 3.1 Gen. 1 (type-A)
  • 1x HDMI
  • 1x lettore scheda microSD
  • 1x Alimentazione
  • Jack audio

Proprio la USB type-C è una delle principali delusioni:

  1. è solo USB 3.1 Gen. 1, non Thunderbolt 3: non potremo dunque collegare le nuovissime periferiche esterne ad alta velocità. Per molti di noi è irrilevante, ma è bene tenerlo a mente
  2. non fornisce output DisplayPort, e non è dunque possibile utilizzarla per collegare un monitor esterno
  3. non supporta nemmeno il Power delivery: dovremo dunque utilizzare sempre l'alimentatore con connettore proprietario

Per quanto riguarda un eventuale schermo esterno possiamo ripiegare sulla HDMI. Essendo in versione 1.4 e non 2.0, non consente però di sfruttare un display 4K alla frequenza di refresh ottimale di 60 Hz.

Il sistema è equipaggiato con un lettore di impronte digitali, per lo sblocco e l'accesso rapido a Windows.

La tastiera è retroilluminata, con due livelli di potenza selezionabili. I tasti hanno una buona corsa e la digitazione è sempre piacevole. Il touchpad è compatibile con la specifica Microsoft Precision a garanzia della qualità complessiva.

La durata della batteria è sufficiente, ma non entusiasmante: complice il consumo di corrente addizionale imposto dal touchscreen, ci si assesta attorno alle 7 ore di uso reale.

Con 1.67 kg di peso, un'importante cornice di plastica nera sul lato inferiore e uno spessore maggiorato dal meccanismo di rotazione, questo Lenovo Yoga non ha certamente il design più avanzato del settore o la migliore trasportabilità. Tutto sommato, comunque, il modello in questione si comporta bene anche nel ruolo di notebook, affiancando l'aspetto "scrittura con penna" come utile plus che non inficia sulla funzionalità principale del computer

» Acquista: Lenovo Yoga 530

A chi cercasse un 2-in-1 di fascia più alta e fosse disposto a spendere qualcosa in più per ottenerlo suggerisco HP Spectre X360 13 da 1.099 €

Migliori notebook 2019: guida scelta PC portatile - HP Spectre X360 13 notebook convertibile 2-in-1

La configurazione consigliata è quella con CPU Intel Core i5-8250U, 8 GB di RAM e SSD da 256 GB (interfaccia NVMe). La specifica implementazione di HP tende a privilegiare l'autonomia a discapito delle prestazioni, ma in un sistema 2-in-1 è una scelta condivisibile.

Lo schermo da 13.3" ha una luminosità massima superiore (311 nits) e la tecnologia scelta per le porte è migliore:

  • 2x USB type-C Thunderbolt 3
  • 1x USB 3.1 Gen. 2 (type-A)
  • 1x lettore scheda microSD
  • Jack audio

Da ricordare che una delle due Thunderbolt sarà sempre occupata dall'alimentatore. In compenso, l'altra supporta la modalità alternativa DisplayPort per collegare anche monitor 4K (UHD) alla frequenza ottimale.

C'è un lettore di impronte digitali per lo sblocco e l'accesso rapido, ma anche una webcam compatibile RealSense per il riconoscimento facciale del proprietario tramite Windows Hello.

Il materiale promozionale promette addirittura "22 ore e 30 minuti" di autonomia. È un'esagerazione, ma si superano davvero le 9 ore di utilizzo reale un po' in tutte le condizioni.

Un altro importante vantaggio è nel peso: solo 1.26 kg.

» Acquista: HP Spectre X360 13 su Amazon

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto quali siano i migliori notebook 2019 per ogni tipologia di utilizzo. Non ho ricevuto alcun compenso da parte delle aziende citate: tutte le raccomandazioni espresse sono frutto di ricerche e analisi indipendenti finalizzate ad aiutare il pubblico di TurboLab.it a trovare il migliore notebook del 2019. Ciò detto, il nostro sito riceverà una commissione per ogni acquisto perfezionatosi partendo dai link ad Amazon indicati.