È davvero un buon momento per acquistare un nuovo PC: le CPU Skylake (Intel Core di sesta generazione) portano con sé miglioramenti in termini prestazionali anche sui modelli di fascia media, e sono disponibili sul mercato da... quanto basta a far scendere i prezzi al dettaglio delle varie componenti in modo visibile. Ma prima di investire i risparmi nella direzione sbagliata, consultate questo articolo: ho raccolto i migliori componenti per bilanciare prezzo e prestazioni, di modo da garantirvi un PC di fascia medio-alta a meno di 750 € (licenza di Windows inclusa).

Trattazione aggiornata per riflettere lo stato del mercato a giugno 2016

miglior PC fisso posso assemblare: guida mercato scelta CPU, MoBo, RAM, SSD, case - edizione Skylake, estate 2016 - intel core i5 skylake cpu

Produttività da ufficio, uso del web, video full HD 1080p, macchine virtuali (desktop), grafica 2D, conversioni audio/video e quant'altro: un PC dotato delle componenti indicati vi consentirà di svolgere tutte queste attività alla grande. Non sarà invece in grado di videogiocare a risoluzioni elevate e, in generale, eseguire operazioni 3D particolarmente spinte (AutoCAD, 3ds Max eccetera). Questo non significa che non potrete usarlo per attività videoludiche ma, piuttosto, che dovrete fare qualche rinuncia in termini di resa visiva (v. seguito).

Portatile o fisso? Assemblato o "di marca"?

In questo articolo presento una "lista della spesa" dei migliori componenti per un PC senza troppi compromessi. Potete acquistare i singoli pezzi ed assemblarli in autonomia, oppure utilizzare la guida come riferimento per cercare un PC "di marca" configurato in maniera analoga (potrebbe valerne la pena).

L'articolo è incentrato sulla realizzazione di un computer "da scrivania": prima di giudicare anacronistica la scelta, leggete "TLI risponde: meglio un PC fisso oppure un super-notebook?".

Processore: Intel Core i5-6500 (190 €)

Il processore Intel Core i5-6500 (scheda) è posizionato esattamente a metà nel listino "per il grande pubblico" (mainstream) del produttore. L'ho scelto dopo estensive ricerche e confronti poiché è il modello che garantisce il miglior rapporto prezzo/prestazioni: in particolare, è nettamente più economico rispetto alle CPU di fascia superiore, con le quali però rimane confrontabile in termini di performance

miglior PC fisso posso assemblare: guida mercato scelta CPU, MoBo, RAM, SSD, case - edizione Skylake, estate 2016 - intel core i5 skylake box

Questa CPU di sesta generazione (Skylake), quad-core a 64 bit con processo produttivo a 14 nm, ha una frequenza nominale di 3.2 GHz ma può passare automaticamente a 3.6 GHz in caso di improvvisi picchi di lavoro di breve durata. La cache di terzo livello (L3) è di 6 MB.

Include le estensioni VT-x e VT-d, sfruttabili dai gestori di macchine virtuali per rendere più rapida l'esecuzione dei sistemi guest: rimanendo nell'ambito di prodotti per il desktop, segnaliamo che sia VirtualBox, sia VMware Player sono in grado di beneficiarne.

C'è anche il supporto a vPro, l'ombrello di estensioni per la gestione remota, caratteristica che lo rende appropriato anche nei PC aziendali.

Il moltiplicatore è bloccato: di conseguenza, non è possibile dilettarsi nell'overclocking e spremere fino all'ultimo MHz. Ho preferito questa soluzione perché i costi delle CPU Intel sbloccate sono attualmente molto più elevati, a fronte di benefici meno sensibili rispetto al passato.

Sulla carta, si parla di un consumo massimo di 65 Watt (equivalente ad una vecchia lampadina, in definitiva). Ma questo è l'assorbimento di picco: quando non esegue calcoli complessi, ci si attesta su valori decisamente inferiori. L'ambiente e la bolletta ringraziano.

Ciò nonostante, il supporto a 64 GB di RAM massima significa che potreste usarlo anche per un piccolo server.

Perché non passare alla fascia superiore con l'Intel Core i5-6600 (scheda)? semplicemente perché ho rilevato un aumento di prezzo pari a 30 €. Non è moltissimo (motivo per cui si tratta di una scelta eccellente in caso il nostro non fosse disponibile) ma le differenze fra i due si limitano ad una manciata di MHz in più. Per lo stesso motivo non consiglio le CPU della famiglia Core i7: le uniche caratteristiche aggiuntive degne di nota sono Hyper-Threading (tecnologia che sdoppia i core fisici in unità di elaborazione logiche), 2 MB di cache L3 in più e una frequenza più elevata. La maggiorazione di prezzo è però superiore ai 100 €, difficilmente giustificabili se rapportati ai benefici prestazionali concreti.

E perché, invece, non scendere? perché Intel Core i5-6400 costa solo 10/15 € in meno, a fronte di una riduzione della frequenza di base a 2.7 GHz. La differenza prestazionale è ben maggiore del risparmio.

Il prezzo al dettaglio della CPU consigliata come prima scelta sta oscillando parecchio, passando dai 190 € rilevati al momento della stesura della guida sino a 210 €. È importante quindi valutare puntualmente anche i prezzi dei modelli immediatamente superiori ed inferiori.

Scendendo ulteriormente, si trovano solo le CPU Intel Core i3: hanno prezzi interessanti e sono una buona scelta per realizzare un sistema con budget molto ridotto, ma offrono solo due core invece di quattro, risultando meno appetibili per un sistema di fascia medio-alta come quello che vogliamo costruire qui.

Perché non AMD? perché, a partirà di prezzo, AMD offre CPU meno veloci a fronte di una componente GPU più performante: non è una scelta vincente per una macchina non rivolta principalmente all'uso gaming.

» Intel Core i5-6500 su Amazon

» In caso non fosse disponibile: Intel Core i5-6600 su Amazon (modello superiore)

» In caso non fosse disponibile: Intel Core i5-6400 su Amazon (modello inferiore)

Dissipatore di calore: nessuno

La confezione del processore Intel include già un impianto di raffreddamento più che appropriato. Una spesa aggiuntiva non ha davvero alcun senso su una configurazione di questo tipo.

Scheda madre: Gigabyte GA-H170M-D3H (107 €)

Da molti anni compro e consiglio le schede madri di Gigabyte Technology. L'esperienza ed il confronto mi hanno insegnato che sono prodotti estremamente stabili e divengono obsolete a causa del naturale avanzamento tecnologico ben prima di logorarsi

miglior PC fisso posso assemblare: guida mercato scelta CPU, MoBo, RAM, SSD, case - edizione Skylake, estate 2016 - Gigabyte H170M-D3H

Gigabyte H170M-D3H (scheda) è un vero gioiellino: compatibile con la CPU suggerita, offre buone performance, un assortimento di porte difficile da trovare sui modelli concorrenti ed un prezzo estremamente aggressivo.

Impiega il chipset H170, ovvero quello di fascia media: è sprovvisto della già trattata capacità di overclocking, ma è in grado di gestire configurazioni disco in RAID e offre porte in abbondanza (v. seguito).

Per la nostra configurazione ci accontenteremo di molto meno, ma è bene sapere che, attrezzando tutti e 4 i connettori presenti, potremmo arrivare fino a 64 GB di RAM (lo stesso tetto della CPU).

L'assortimento di connettori per i dischi e variegato: troviamo 6x SATA 6 Gb/s, ma anche 2x SATA Express (16 Gb/s) e 1x M.2 (32 Gb/s). Per l'attuale generazione di SSD sono sufficienti le 6 Gb/s, ma il fatto che siano presenti anche le prossime evoluzioni garantirà di poter aggiornare con semplicità negli anni a venire.

Nonostante il formato "ristretto" (micro ATX), espone 4 USB 3.0 posteriori (più il supporto ad altre 4 frontali, se presenti sul case), 2 USB 2.0 (più eventuali altre 4 frontali), 1 PS/2 per i vecchi mouse e tastiere, audio 7.1 e porta Gigabit Ethernet.

Troviamo le uscite video tradizionali: DVI-D, D-Sub e HDMI 1.4 (utilizzabili tutte in contemporanea se collegate ad alternarti monitor), ma niente DisplayPort. Fate solo attenzione al fatto che DVI-D non supporta i convertitori a D-Sub: se avete un vecchio monitor dotato unicamente di questo ingresso, potrete collegarlo solo alla D-Sub nativa.

miglior PC fisso posso assemblare: guida mercato scelta CPU, MoBo, RAM, SSD, case - edizione Skylake, estate 2016 - Gigabyte H170M-D3H io

Anche se useremo la GPU integrata (vedi seguito), la scheda madre offre uno slot PCI Express x16 (PCIEX16) e un PCI Express x16 a x4 (PCIEX4), eventualmente sfruttabili in seguito per installare una scheda video dedicata, oppure due prodotti AMD in modalità CrossFire (non è supportato invece lo SLI di nVidia). A completamento, ci sono anche 2 slot PCI classici.

» Gigabyte GA-H170M-D3H su Amazon

Scheda video: nessuna

La CPU consigliata integra già la GPU Intel HD Graphics 530: sebbene drasticamente più lenta dei modelli AMD e nVidia dedicati, il livello raggiunto da questa generazione è tale da posizionarsi come alternativa credibile per il gaming. Certo, per avere un'esperienza di gioco accettabile (sempre almeno 30 FPS) è necessario regolare i dettagli sulla qualità "bassa" e mantenere la risoluzione strettamente entro i 1280x720 pixel (720p), ma, a queste condizioni, si può giocare senza problemi anche ai titoli recenti, considerato il supporto a DirectX 12 e OpenGL 4.4.

Per quanto riguarda la riproduzione filmati, invece, non ci sono limitazioni: la GPU integrata riproduce senza problemi sia filmati full HD (1080p), sia quelli UHD (4k).

Il consiglio, quindi, è di non acquistare altro, perlomeno in prima battuta. In caso il risultato non fosse soddisfacente, si potrà sempre aggiungere un modello dedicato in seguito.

RAM: HyperX FURY DDR4, 8 GB Kit (38 €)

Quattro sono gli aspetti da considerare per scegliere la RAM: quantità, velocità, affidabilità, compatibilità. Partiamo dall'ultima. La scheda madre scelta monta moduli DDR4: non è quindi possibile utilizzare precedenti stick in formato DDR3 su questo sistema

miglior PC fisso posso assemblare: guida mercato scelta CPU, MoBo, RAM, SSD, case - edizione Skylake, estate 2016 - ram hyperx fury ddr4 ram

Per quanto riguarda l'aspetto quantitativo: 4 GB sono il minimo assoluto, ma per sfruttare appieno un PC come quello che stiamo costruendo è meglio preferire 8 GB: i prezzi rimangono ragionevoli, ed i vantaggi sono tangibili in tutti gli ambiti d'impiego.

Considerando che la scheda madre offre quattro slot, raccomando due banchi da 4 GB l'uno. Oltre a sfruttare la modalità dual-channel, questa configurazione consente di completare la serie in seguito, raggiungendo 16 GB. Se, però, prevedete di andare anche oltre, è importante partire con due banchi da 8 GB, di modo da poter successivamente arrivare a 32 GB senza sostituire quanto già presente.

Sotto il profilo velocistico le cose si complicano un po'... ma basta leggere qualche buona analisi sui siti specializzati per rendersi conto che la spesa aggiuntiva per i kit con velocità elevata non porta benefici proporzionati.

Combinando questi aspetti alla storica affidabilità del marchio Corsair, la mia scelta non può che ricadere su HyperX FURY DDR4 (scheda): DDR4 da 2.133 MHz, latenza CAS CL14 e 1.2 V di consumo. Il produttore le garantisce "a vita" per i difetti di fabbricazione.

Il prezzo rilevato al momento della stesura dell'articolo era di 62 €, ma attualmente il kit è scontato a 38 €, cifra che rafforza la nostra propensione a suggerire questo specifico modello.

» HyperX FURY DDR4, 8 GB Kit su Amazon

Disco principale: Samsung SSD 850 EVO 250 GB (91 €)

Su un sistema di questo livello è di importanza cruciale montare un buon disco a stato solido (SSD). La primissima scelta, quella che raccomando a tutti, è Samsung SSD 850 EVO (minisito)

miglior PC fisso posso assemblare: guida mercato scelta CPU, MoBo, RAM, SSD, case - edizione Skylake, estate 2016

Garantisce un livello di prestazioni drasticamente più elevato rispetto a qualsiasi disco fisso (HDD) tradizionale: la velocità massima è di 500 MB/s, ovvero un ordine di grandezza (10 volte!) in più rispetto ai dischi a piatti rotanti. Non è il più veloce in assoluto fra gli SSD, ma si posiziona molto bene quando paragonato alla concorrenza nella stessa fascia. Certo, le edizioni rivolte al mercato professionale sono superiori, ma il Samsung 850 EVO esce vincente come rapporto prezzo/prestazioni.

I più attenti noteranno che monta celle di tipo TLC ma, come già ampiamente discusso, questo non inficia sull'affidabilità: da specifiche, il produttore garantisce 5 anni d'uso in condizioni di stress intenso (41 GB/giorno).

Il taglio che consiglio è espressamente quello da 250 GB: sono più che sufficienti a contenere il sistema operativo, i programmi e tutti i dati utilizzati di frequente pur limitando il prezzo entro i 100 €. Di contro, il modello da 500 GB è ancora piuttosto costoso (133 €, al momento), mentre quello da 120 GB costa 20 € in meno: un netto peggioramento del costo per gigabyte.

» Samsung SSD 850 EVO (250 GB) su Amazon

Disco secondario: Seagate ST3000DM001 (98 €)

Probabilmente, il solo SSD non sarà sufficiente a contenere tutti i nostri dati. Considerando che la scheda madre offre connettori in quantità, il modo più pratico ed economico per gestire la situazione è di installare un secondo disco fisso ad alta capacità sul quale sposteremo poi foto, filmati, musica e tutto quello che apriamo meno di frequente. Ci affideremo ad un tradizionale modello a piatti rotanti, imbattibile in quanto a costo per gigabyte.

Seagate ST3000DM001 (scheda) offre ampio spazio per musica, film e documenti ad un prezzo concorrenziale, pur mantenendo un livello prestazionale piuttosto buono

miglior PC fisso posso assemblare: guida mercato scelta CPU, MoBo, RAM, SSD, case - edizione Skylake, estate 2016

Da ricordare che questo drive è di classe consumer, non enterprise. Di conseguenza, sarebbe utopico aspettarsi un livello d'affidabilità elevato. D'altro canto, passare alle linee superiori fa decollare i prezzi in maniera importante, soprattutto se si cerca di non impattare sulle performance. Contando che il backup dei dati è fondamentale a prescindere e che Seagate tutela dalle rotture con due anni di garanzia, la soluzione rimane valida per l'uso previsto ed il modesto prezzo di listino.

» Seagate ST3000DM001 su Amazon

Scheda di rete - cablata: nessuna / Wi-Fi: varie (13-60€)

La scheda madre integra già una porta Gigabit Ethernet per il collegamento LAN, retrocompatibile con i router/switch a 100 Mbps e persino con i vecchissimi modelli 10 Mbps. Se però avete la necessità di collegare il PC in Wi-Fi, servirà qualcosa di aggiuntivo.

Se l'unica necessità è accedere ad Internet, un adattatore USB come TP-Link WN727N (scheda) risolve il problema... per meno di 13 €.

Se però volete anche "proiettare" senza fili con Miracast (sì, la CPU è compatibile), servirà un prodotto certificato: Intel Dual Band Wireless-AC 7260 + Bluetooth per desktop (scheda) è il non plus ultra allo scopo, ma, purtroppo, il prezzo è di quasi cinque volte (!) quello di un adattatore Wi-Fi economico

miglior PC fisso posso assemblare: guida mercato scelta CPU, MoBo, RAM, SSD, case - edizione Skylake, estate 2016 - Intel Dual Band Wireless-AC 7260

» Solo Wi-Fi: TP-Link WN727N su Amazon

» Wi-Fi + Miracast: Intel Dual Band Wireless-AC 7260 + Bluetooth per desktop su Amazon

Scheda audio: nessuna

La scheda madre integra già tutto il necessario per riprodurre musica e sonoro in configurazione 7.1 con una qualità più che soddisfacente. Non serve altro.

Lettore ottico - Interno: nessuno / esterno: Samsung SE-506BB/TSBD (70 €)

Fra ampia disponibilità di memorie USB capaci di combinare una buona capacità ad un basso prezzo e la pervasività del collegamento veloce ad Internet, i tempi sono ormai più che maturi per non installare alcun lettore di dischi ottici all'interno del PC. Chi però volesse guardare film "alla vecchia maniera" di tanto in tanto, sfruttare qualche Live CD oppure masterizzare dischi di backup, troverà in Samsung SE-506CB/RSBD (scheda, in francese) una buona soluzione portatile, con la capacità di scrivere anche i Blu-ray e condivisibile alla bisogna con il notebook e gli altri device

miglior PC fisso posso assemblare: guida mercato scelta CPU, MoBo, RAM, SSD, case - edizione Skylake, estate 2016 - samsung SE-506CB RSBD blu-ray

Per maggiori informazioni si veda la nostra review del modello precedente: "Samsung SE-506BB è il drive USB per leggere e scrivere CD, DVD e Blu-ray in mobilità".

» Samsung SE-506CB/RSBD su Amazon

Case: Fractal Design Core 1500 (59 €)

I materiali poco nobili e le scarse risorse investite nella progettazione dei case economici hanno ripercussioni che risultano evidenti solo ad assemblaggio completato: pur non volendo guardare all'estetica, i difetti spaziano dall'alta rumorosità alle vibrazioni con cigolii continui, passando per la difficoltà nello smontare e rimontare il tutto (operazione necessaria per l'upgrade o la pulizia interna) per arrivare, nei casi più gravi, ad un pessimo flusso d'aria che può portare a surriscaldamento e blocchi. È quindi importante investire qualcosina in più per un modello ben fatto, da riutilizzarsi negli anni sostituendo solo le componenti interne obsolete.

Per la fascia di prezzo oggetto di questo articolo, la mia scelta ricade su Fractal Design Core 1500 (scheda)

miglior PC fisso posso assemblare: guida mercato scelta CPU, MoBo, RAM, SSD, case - edizione Skylake, estate 2016 - fractal design core 1500

Si tratta di un case Micro-ATX (compatibile, quindi, con la scheda madre suggerita e con tutte quelle in formato mATX, ma non con i modelli ATX di dimensioni "regolari") con due alloggiamenti da 5,25" (per montare un lettore ottico interno e una "slitta" per hard disk) e ben 4 carrelli da 3,5" per dischi a piatti rotanti e/o SSD da 2.5". È presente inoltre una posizione aggiuntiva dedicata ad un singolo SSD.

Tutti i carrelli poggiano su gomme anti-vibrazioni, con tangibili benefici in termini di silenziosità.

Il flusso d'aria ottimale è garantito da due ventole da 120mm fornite in dotazione e già montate. Chi avesse la necessità di ventilare ulteriormente potrà acquistare fino a 5 ulteriori ventole ed attrezzare così le 7 grate disponibili. La velocità di rotazione dei vortici è regolabile in tre posizioni.

I filtri sono facilmente smontabili per facilitare le operazioni di pulizia.

Frontalmente, espone 2 porte USB 3.0, pratiche e veloci per collegare temporaneamente chiavette e dischi portatili, oltre ai classici jack da 3,5 mm per cuffie e microfono. Le interfacce, i LED di funzionamento e i pulsanti di accensione e reset sono posizionati sul lato superiore, con gradevoli benefici in termini estetici.

» Fractal Design Core 1500 su Amazon

Alimentatore: Corsair VS550 (48 €)

Così come il case, nemmeno l'alimentatore deve essere sottovalutato quando si assembla un sistema: i modelli economici hanno vita breve, scaldano, sono rumorosi e rischiano di non garantire un flusso energetico appropriato quando la macchina lo richiede. D'altro canto, per una configurazione come questa non è nemmeno necessario spendere una fortuna.

La raccomandazione è per Corsair VS550 (scheda): sebbene sia considerato un modello di fascia economica, non è interessato dei problemi citati e, nonostante, la presenza della ventola non consenta di raggiungere il livello di silenziosità dei modelli "fanless", siamo su emissioni acustiche molto ridotte ad un prezzo ben più abbordabile

miglior PC fisso posso assemblare: guida mercato scelta CPU, MoBo, RAM, SSD, case - edizione Skylake, estate 2016

I 550 Watt di potenza massima, erogati con un'efficienza che può arrivare all'85%, sono anche troppi per questa configurazione: d'altro canto, la maggiorazione rispetto al modello da 450 W è di soli 5 €, a fronte dei quali potremo successivamente aggiungere dischi e una scheda video dedicata (anche di fascia media) senza alcun problema.

» Corsair VS550 su Amazon

Display, tastiera, mouse, webcam, cuffie

In questo articolo mi sono concentrato esplicitamente sulle componenti del PC. Il riferimento per le periferiche di input/output e tutti gli accessori, nonché ideale prosieguo del presente, è "Guida all'acquisto: tastiera, mouse, cuffie, w

ebcam".

Software: Windows 10 Home (99 €) / Windows 10 Pro (139 €)

Manca solo il sistema operativo a completamento della nostra configurazione. Windows 10 è indubbiamente la miglior versione del sistema operativo Microsoft ed il ritorno del menu Start semplifica enormemente il passaggio a chi ancora fosse legato a Windows 7 o proprio non si trovasse a proprio agio con Windows 8

miglior PC fisso posso assemblare: guida mercato scelta CPU, MoBo, RAM, SSD, case - edizione Skylake, estate 2016

È tassativo preferire la compilazione a 64 bit (x64) per sfruttare tutta la RAM a disposizione, mentre meno immediata è la scelta dell'edizione: coloro i quali non necessitino di eseguire log-on su un dominio Windows Server, della crittografia completa (BitLocker), di collegarsi tramite Remote Desktop o di utilizzare Hyper-V possono tranquillamente accontentarsi di Windows 10 Home. In caso contrario, è necessario Windows 10 Pro. Per maggiori informazioni si veda "Guida alle edizioni di Windows 10: quali differenze fra Windows 10 Home, Windows 10 Pro e Windows 10 Enterprise?".

L'acquisto della licenza è necessario per essere in regola e attivare il prodotto in modo definitivo. Tuttavia, è possibile installare il sistema operativo preventivamente, scaricando l'immagine ISO come dettagliato in "Scaricare Windows 10 DVD/ISO in italiano: download diretto ufficiale". Poiché il nostro sistema non è dotato di lettore ottico, bisogna preparare una chiavetta USB ed installare con quella: le istruzioni passo passo sono in "Guida: installare Windows 10 da chiavetta USB".

miglior PC fisso posso assemblare: guida mercato scelta CPU, MoBo, RAM, SSD, case - edizione Skylake, estate 2016 - windows 10 usb spotlight

Per quanto riguarda la dotazione software, tutto il necessario è disponibile gratuitamente, direttamente via Internet: i riferimenti completi sono nell'articolo "TurboLab.it Windows Essentials: I 10+ programmi indispensabili da installare dopo la formattazione".

» Windows 10 Home su Amazon

» Windows 10 Pro su Amazon